Gravina: “Giocare in estate? L’idea è di completare i campionati”

Nonostante l’emergenza coronavirus sia ancora forte in Italia, il mondo del calcio vuole ripartire e chiudere i propri campionati. 

“Non abbiamo una scadenza. Ci affideremo alle indicazioni della Fifa e del nostro comitato tecnico-scientifico”. Il presidente della FIGC Gravina ha fatto il punto sulla questione calendari e del termine ultimo per la conclusione del campionato (termini logicamente estesi a seguito del rinvio degli Europei).

“Presto ci sarà una riunione, abbiamo una procedura e presto la comunicheremo. Inizieremo, ha aggiunto Gravina, mi auguro a inizio mese, con dei controlli per garantire la negatività a cui seguirà l’allenamento”. Il presidente parla di inizio maggio, ipotesi che è stata avanzata in settimana anche dal ministro Speranza.

advertisement

“Nella profonda convinzione che i nostri atleti e le nostre atlete, normodotati e disabili, torneranno a vincere e onorare presto il Tricolore, dentro e fuori i campi di gara, vi prego di voler attivare le Federazioni e gli altri soggetti del sistema sportivo affinche é la ripresa degli allenamenti e delle attività avvenga, presumibilmente dal 4 maggio, nel più rigoroso rispetto delle prescrizioni di sicurezza che saranno individuate d’intesa con le autorità sanitarie e gli organismi scientifici”, le parole del Ministro.

Ai microfoni di Sky il presidente Gravina non ha escluso la conclusione dei campionati in estate. “Giocare in estate? Non abbiamo una scadenza, ma l’idea è di completare i campionati”.