Cagliari. Disposizioni per la 364^ celebrazione della Festa di Sant’Efisio

Cagliari. Disposizioni per la 364^ celebrazione della Festa di Sant’Efisio

Le decisioni condivise nella riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica

Alla videoconferenza erano, inoltre, collegati il Comandante Militare Esercito Sardegna, della Capitaneria di Porto, il Questore di Cagliari ed i Comandanti Provinciali dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e dei Vigili del Fuoco, nonché il Dirigente della Sezione Polizia Stradale.

Nel corso dell’incontro si è preso atto che il giorno 1° maggio il Sindaco di Cagliari procederà all’investitura dell’Alter Nos in forma strettamente privata nel Palazzo Comunale.

Il medesimo giorno, l’ Alter Nos sarà presente alla funzione religiosa che avrà luogo presso la Chiesa di Stampace di Cagliari, in assenza dei fedeli.

Il giorno 3 maggio il simulacro di Sant’Efisio sarà trasportato, con l’utilizzo di un mezzo del Corpo militare della Croce Rossa, fino alla chiesa di Nora.

Si tratta di un trasferimento tecnico che non prevede tappe intermedie – secondo il percorso più breve – al quale, tenuto conto delle misure disposte dal D.P.C.M. del 10 aprile 2020 relative alle limitazioni in tema di circolazione e spostamenti all’esterno delle abitazioni e al divieto di assembramenti, non sarà possibile la partecipazione della cittadinanza.

Al temine della funzione religiosa, officiata dall’Arcivescovo di Cagliari Mons. Giuseppe Baturi, analogamente celebrata in assenza di fedeli, il simulacro di Sant’Efisio rientrerà nella stessa giornata a Cagliari, nella propria Chiesa, ove verrà pronunciata la formula di scioglimento del voto.

Festa di Sant’Efisio

Al fine di consentire ai fedeli di unirsi in preghiera, tutte le fasi delle celebrazioni e dello spostamento del Santo saranno trasmesse in diretta televisiva nonché in streaming nelle principali piattaforme web.

Anche al fine di dare un messaggio di speranza alla cittadinanza, i partecipanti alla riunione hanno manifestato la piena condivisione sulla volontà che, non appena terminato il periodo emergenziale, possa essere svolta una cerimonia di ringraziamento, che prevederà il pellegrinaggio del simulacro del Santo in tutti i Comuni nei quali, secondo la tradizione, avviene il transito in occasione della Festa.

In tale contesto, il Prefetto Bruno Corda, con la condivisione di tutti i presenti, ha ribadito la necessità che i Sindaci continuino a svolgere la loro opera di sensibilizzazione nei confronti della cittadinanza sulla necessità che venga evitata ogni forma di assembramento in quanto permangono le restrizioni e i divieti disposti dal governo.