Coronavirus: Calvisi al question time sul ruolo della Difesa

“Il concorso operativo fornito dalle Forze Armate dall’inizio dell’emergenza, in termini di personale impiegato, ammonta a circa 24.500 unità ed ha interessato 17 regioni e 53 province” – ha dichiarato il Sottosegretario alla Difesa, Giulio Calvisi intervenendo oggi in Commissione Difesa nel corso del ‘Question Time’ rispondendo all’onorevole Pretto della Lega Nord, su questioni attinenti al Ministero della Difesa, collegate alla crisi sanitaria del COVID-19.

“La Difesa ha messo in campo 2.378 mezzi (comprensivi di mezzi generici, ambulanze, bus), 313 assetti (elicotteri, velivoli, autocarri) per trasporti in biocontenimento ed interregionali di materiale sanitario.

Sono state rese disponibili 111 infrastrutture delle Forze armate che offrono la possibilità di utilizzare circa n. 6.000 posti letto e circa n. 3.000 camere.

Sono state effettuate più di 50 missioni di volo, finalizzate al trasporto di materiale sanitario, di pazienti in biocontenimento e team sanitari.

In totale, a stamattina, le squadre di personale sanitario in supporto a strutture militari e civili ammonta a n. 126 medici e n. 167 infermieri, con team sanitari militari operanti in 3 ospedali da campo a Piacenza, Crema (CR) e Jesi (AN), che si affiancano al Policlinico militare del Celio e ai Centri ospedalieri militari di Milano e Taranto.

Nelle zone particolarmente impegnate sul fronte emergenziale, il personale militare sanitario di supporto a strutture sanitarie civili è stato il seguente: Lodi n. 35 unità, Macerata n. 6 unità, Brescia n. 12 unità, Bergamo n. 51 unità, Padova n. 5 unità, Enna n. 18 unità, Piacenza n. 29 unità, Milano n. 7 unità, Roma n. 21 unità, Novara n. 8 unità, Cuneo n. 25 unità, Sassari n. 14 unità, Jesi n. 22 unità e ASL Piemonte n.21. Desidero ricordare – ha proseguito Calvisi – che la Difesa ha, inoltre, indetto una procedura di assunzione straordinaria per chiamata diretta per arruolare 120 ufficiali medici e 200 sottufficiali infermieri”.

In risposta all’interrogazione presentata dall’onorevole Aresta del M5S, il sottosegretario Calvisi, ha poi dichiarato: “All’insorgere dell’emergenza COVID-19 la Difesa ha provveduto senza indugio ad emanare le necessarie misure a tutela dei militari impiegati sia in Patria, sia all’estero. Sono state disposte la limitazione al massimo grado dei movimenti del personale militare e civile della Difesa da e verso le aree oggetto di provvedimenti restrittivi, una scrupolosa e rigorosa valutazione del rischio per i movimenti che possano esporre a contagio, nonché l’annullamento di occasioni aggregative quali, ad esempio, cerimonie, attività istruttive ed eventi sportivi. Per il personale militare impiegato nelle misure di contenimento è prevista la dotazione di adeguati dispositivi di protezione individuale e l’effettuazione delle visite mediche di idoneità sia a premessa dell’impiego, sia successivamente, con cadenza regolare. Per quanto attiene specificamente ai militari impegnati in operazioni all’estero, viene assicurata la rigida implementazione delle indicazioni del Ministero della Sanità, allo stesso modo di quanto avviene per quelli impiegati sul territorio nazionale.

In particolare, preliminarmente all’invio e al rientro dai Teatri operativi, è disposta la procedura di screening che prevede, per ciascun militare anamnesi, visite mediche ed effettuazione del tampone rino-faringeo. In entrambi i casi, e anche se negativi, i militari sono comunque sottoposti a un regime di sorveglianza sanitaria della durata di 14 giorni – da effettuarsi all’arrivo in Teatro e al rientro in territorio nazionale – al termine del quale viene nuovamente eseguito il tampone rino-faringeo di conferma.

Per quel che attiene ai militari impiegati su territorio nazionale, con particolare riferimento a quelli impegnati nell’operazione “Strade Sicure”, sono state definite le misure di sensibilizzazione, informazione, prevenzione e protezione, anche con specifico riferimento alla configurazione dell’equipaggiamento e alla valutazione dei rischi”.

Infine, all’interrogazione presentata dall’onorevole Deidda di FdI, il sottosegretario Calvisi ha così risposto: “Vorrei, infine, evidenziare che il personale delle Forze Armate opera, da tempo, accanto alle Forze di polizia nell’ambito della Operazione “Strade Sicure” e, proprio in tale contesto, la Difesa, al fine di valorizzarne l’impegno ha posto in essere, nel tempo, ogni possibile sforzo per reperire maggiori risorse economiche, in modo da poter retribuire l’intero monte orario effettuato, ciò anche in risposta alle legittime aspettative dei militari” – ha concluso Calvisi.