MINT contro equiparazione Forze Armate

“Trovo nettamente ingiusto il parere contrario espresso dal Ministero dell’Interno riguardo un emendamento, proposto dal Ministero della Difesa, finalizzato all’elevazione del monte ore di lavoro straordinario per il personale delle Forze Armate, impegnato nel fronteggiare la crisi innescata dal covid-19”, è quanto dichiara  il Capogruppo della IV Commissione Difesa di Fratelli d’Italia Salvatore Deidda

“In particolare, il suddetto parere contrario sarebbe stato espresso per scongiurare un’equiparazione con il trattamento riservato alle Forze di Polizia, nonostante i compiti assegnati risultino assolutamente identici.

Ci tengo a sottolineare – afferma Deidda – che il personale appartenente alle Forze Armate, al pari di quello delle Forze di Polizia, si è da subito contraddistinto per l’eccellente professionalità, nonché per la grande umanità dimostrata nei confronti delle popolazioni residenti nelle aree particolarmente interessate dalla diffusione del fenomeno.

Inoltre, le Forze Armate italiane sono state impegnate, fin dai primi giorni, inizialmente per garantire il rientro dei connazionali da Wuhan, con i voli dell’Aeronautica Militare, nonché, successivamente, per il rimpatrio degli italiani presenti sulla nave Diamond Princess nella baia di Fukuyama”.

“Per tali e ovvi motivi, mi associo alla delusione espressa dallo stesso Cocer Esercito e, insieme ai colleghi della Commissione Difesa Galantino, Ferro e a tutto il gruppo di Fratelli d’Italia, ho deciso di presentare un’interrogazione al Ministro dell’Interno:

Vorremmo conoscere le motivazioni per cui è stato espresso un parere contrario all’emendamento in questione e quali iniziative intenda assumere affinchè venga garantito l’aumento del monte ore del lavoro straordinario delle Forze Armate”, conclude Deidda