Milleproroghe: Cabras (M5S) “il Governo si impegna per sospendere i giudizi pendenti nei confronti degli agricoltori sardi”

Abbiamo impegnato il governo ad attivarsi per sospendere i giudizi pendenti, le procedure di riscossione e recupero, nonché le esecuzioni forzose relative ai debiti dei 5mila imprenditori agricoli verso gli istituti finanziari per i finanziamenti della legge regionale 44/1988”. È quanto dichiara il deputato Pino Cabras (M5S) in seguito all’approvazione dell’ordine del giorno al Milleproroghe che impegna il governo a intervenire per prorogare il termine di cui all’art. 2, comma 126, della legge 244/2007.

La vicenda è quella della legge regionale 44 del 1988 che consentiva l’abbattimento dei tassi d’interesse per i mutui sino a quindici anni in favore degli imprenditori agricoli isolani in condizioni di difficoltà economiche. La legge fu però ritenuta illegittima dall’Unione Europea nel 1997 ma a causare il danno maggiore furono le gravissime inadempienze della Regione Sardegna che hanno consentito alle banche di richiedere la restituzione delle somme erogate in conto interessi senza neanche concedere agli imprenditori agricoli la possibilità di rateizzarle.

L’ordine del giorno approvato impegna inoltre il governo a reinsediare la commissione di tre esperti che nel 2008 avrebbe dovuto trovare una soluzione per la ristrutturazione dei debiti degli agricoltori sardi ma che – prosegue Cabras – non ha mai portato a termine il suo compito”.

Lo scorso 7 febbraio il Viceministro dell’Economia, Antonio Misiani, rispondendo a un’interpellanza urgente presentata dal deputato Cabras, ha affermato che “il Governo non si sottrarrà per risolvere questa vicenda”, riconoscendo che la vicenda in oggetto è meritevole di attenzione e rilevante poiché riguarda migliaia di aziende, si trascina da troppi anni e investe un settore già in profonda crisi. In quell’occasione Misiani si è impegnato a valutare ogni soluzione e a promuovere un confronto fra tutte le amministrazioni coinvolte e gli istituti di credito.

A garanzia immediata contro le procedure esecutive – conclude Cabras –, nel Milleproroghe è stato anche approvato un emendamento presentato dai parlamentari M5S che consente ai debitori di non essere cacciati prima che siano decorsi 60 giorni dall’istanza di trasferimento promossa da chi si è aggiudicato il bene immobile all’asta. Una previsione che si applicherà alle procedure immobiliari in corso, non solo a quelle nuove come prevedeva la normativa precedente”.