La Maddalena: pubblicata l’ordinanza n. 008/2020

Argomento: “Lavori di messa in opera di un pontile a galleggiamento discontinuo con pedana e passerella in legno, in località Pitrizza nel Comune di Arzachena (SS)”.

Committente: “SARDEGNA RESORT SRL” – sede legale in Casa il Ginepro n. 01/a – 07021 Porto Cervo (SS) – P.I. 03873060960.
Imprese esecutrici: “STEMAR SRL” – sede legale in Molo Vecchio n. snc – 07021 Porto Cervo (SS), in collaborazione con la “SHIP SUB” di PIGA Piero – sede legale in Molo Vecchio C.P.15 – 07021 Porto Cervo (SS).
Direttore dei lavori: Geometra LANGIU Alberto.
Responsabile di cantiere: Sig. PIGA Piero (OTS), iscritto al n. 06 del Registro dei Sommozzatori in servizio locale dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci.
Periodo: dal 24.02.2020 al 18.04.2020.

Il sottoscritto Capo del Circondario Marittimo di La Maddalena

Vista

L’istanza in data 29.11.2190 e ss.ii. con le quali i sig.ri MULAS Franco e LAZZARI Paolo, in qualità di procuratori della “SARDEGNA RESORT SRL”, hanno richiesto l’emanazione dei provvedimenti di competenza per l’effettuazione delle operazioni di posizionamento di un pontile a galleggiamento discontinuo con pedana e passerella in legno, in località Pitrizza nel Comune di Arzachena” (SS), avvalendosi della “STEMAR SRL” in collaborazione con la “SHIP SUB di PIGA Piero”.

Acquisite

Le certificazioni di idoneità relative agli operatori tecnici subacquei (O.T.S.).

Vista

La Legge 10.12.1977, n. 1085 che ha ratificato il Regolamento Internazionale per prevenire gli Abbordi in Mare (COLREG ’72).

Visto

Il Codice Internazionale dei Segnali marittimi (C.I.S.).

Visti

Gli artt. 17 del Codice della Navigazione e l’art. 59 del relativo Regolamento d’Esecuzione (Parte Marittima).

Considerata la necessità di dover emanare norme che, per quanto di competenza dell’Autorità Marittima, ai soli fini di sicurezza della navigazione, disciplinino temporaneamente la navigazione nella zona di mare interessata dai lavori in argomento.

Rende Noto

Che “STEMAR SRL”, nel periodo compreso tra il 24.02.2020 e il 18.04.2020, effettuerà le operazioni messa in opera di un pontile a galleggiamento discontinuo con pedana e passerella in legno, all’interno dello specchio acqueo delimitato dai punti riportati nella seguente tabella, come meglio specificato nell’allegato stralcio planimetrico, parte integrante della presente Ordinanza.

Tabella – “Pontile Pitrizza”

PUNTO

Latitudine (WGS 84)

Longitudine (WGS 84)

V1

41° 08′ 29.85″ N

009°30′ 34.26″ E

V2

41° 08′ 29.72″ N

009°30′ 34.76″ E

V3

41° 08′ 28.35″ N

009° 30′ 34.12″ E

V4

41° 08′ 28.42″ N

009° 30′ 33.90″ E

V5

41° 08′ 28.45″ N

009° 30′ 33.74″ E

V6

41° 08′ 28.71″ N

009° 30′ 33.72″ E

L’intervento verrà effettuato avvalendosi di personale OTS (operatori tecnici subacquei) e della Motobarca “SAN MARCO” iscritta al n. 4OL 358 dei RR.NN.MM & GG. dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci.

ordinanza n. 008/2020

Ordina

Articolo 1 (divieti)

Nel periodo sopra indicato, durante l’esecuzione dei lavori, è vietato il transito, la sosta a tutte le unità in genere e qualunque altra attività non inerente gli interventi in argomento, all’interno dello specchio acqueo indicato al rende noto, come meglio evidenziato nella planimetria allegata, che costituisce parte integrante della presente ordinanza.

Articolo 2 (prescrizioni)

  1. Il Direttore dei lavori/Responsabile di cantiere dell’impresa esecutrice dei lavori in oggetto, dovrà:
    • assicurare che i lavori siano effettuati esclusivamente durante le ore diurne, in condizioni meteo marine favorevoli;
    • verificare, prima dell’inizio di ogni giornata lavorativa, che gli specchi acquei interessati dai lavori siano liberi da qualsivoglia presenza non autorizzata di cose e/o persone;
    • informare tempestivamente l’Autorità Marittima di ogni notizia di interesse ai fini della sicurezza della navigazione, come pure in ordine ad eventuali sospensioni straordinarie e conseguenti riprese dei lavori;
    • interrompere immediatamente lo svolgimento delle operazioni in argomento qualora sia ritenuto necessario in relazione a esigenze connesse alla sicurezza della navigazione;
    • segnalare immediatamente ogni eventuale inquinamento dell’ambiente marino riscontrato e/o connesso all’esecuzione dei lavori di cui trattasi;
    • dare giornalmente comunicazione alla Sala Operativa di questa Capitaneria di Porto al numero telefonico 0789.736709, o sul canale 72 VHF, dell’orario di inizio e fine attività giornaliera;
    • al termine dei lavori informare l’autorità marittima, fornendo altresì alla stessa dichiarazione di garanzia che gli specchi acquei in argomento siano liberi da qualsiasi residuo dell’intervento che possa rappresentare un potenziale ostacolo per la navigazione;

    • garantire la pronta reperibilità sui recapiti di telefonia mobile forniti all’Autorità Marittima;
    • al termine di ciascuna giornata lavorativa, assicurare la rimozione di ogni apparecchiatura che possa costituire ostacolo per la navigazione.
  1. Il comandante dell’unità impegnata nell’esecuzione dei lavori dovrà:
      • segnalare le operazioni subacquee in corso con la bandiera “Alfa” del C.I.S.;
      • mantenere attivo ascolto radio sul canale 16 VHF anche al fine di assicurare eventuali contatti con le unità in transito;
      • garantire la pronta reperibilità sui recapiti di telefonia mobile forniti all’Autorità marittima;
      • mostrare i segnali previsti dal Regolamento per prevenire gli abbordi in mare.
  1. I comandanti/conduttori delle unità eventualmente in transito in prossimità degli specchi acquei direttamente interessati dalle suddette operazioni dovranno:
    • prestare la massima attenzione e comunque tenersi alla distanza di sicurezza indicata dal personale operante;
    • adottare tutte le manovre e le precauzioni in mare utili a scongiurare potenziali situazioni di pericolo e ad evitare intralcio al regolare svolgimento delle operazioni in argomento.

La presente ordinanza, emanata ai soli fini della sicurezza della navigazione, non esonera il Committente e la Ditta Esecutrice dal munirsi di ogni eventuale autorizzazione prevista dalla normativa vigente per l’esecuzione dei lavori.

Articolo 3 (sanzioni)

I contravventori alla presente Ordinanza, salvo che il fatto non configuri un diverso e/o più grave illecito, saranno perseguiti ai sensi dell’art. 1231 del Codice della Navigazione, ovvero ai sensi dell’art. 53 del Codice della Nautica da Diporto.

È fatto obbligo a chiunque spetti di osservare e far osservare la presente Ordinanza, la cui diffusione verrà assicurata mediante l ‘affissione all’albo di questa Capitaneria ex art. 59 del Regolamento di Esecuzione al Codice della Navigazione, comunicazione agli organi di informazione, I ‘invio ai soggetti interessati e la pubblicazione sul sito internet www.guardiacostiera.it/lamaddalena/ordinanze.

La Maddalena, 21.02.2020

Il Capo del Circondario Marittimo
C.F. (CP) Gabriele Bonaguidi