Farmaci: Sardegna isolata e privata dei medicinali disponibili nel resto del Paese. Mozione di Michele Ciusa (M5S)

“Perché i farmaci che può avere a disposizione un cittadino di una qualsiasi regione italiana non sono invece acquistabili nelle farmacie della Sardegna? La razionalizzazione della spesa sanitaria e le esigenze di contenimento dei costi non possono e non devono essere gli unici parametri tenuti in considerazione dalla Commissione per il Prontuario Terapeutico Regionale nell’individuazione e nella scelta dell’elenco dei farmaci da impiegare negli ospedali della Sardegna. Le attuali scelte della Commissione risultano infatti arbitrarie e totalmente discordanti con quanto stabilito a livello nazionale dall’Aifa (l’Agenzia italiana del farmaco)”.

“Purtroppo però è quanto sta accadendo oggi – spiega il consigliere regionale del M5S Michele Ciusa. Siamo in presenza di una “situazione di obiettiva disparità di trattamento”, come recita testualmente anche una sentenza del Consiglio di Stato del 3 ottobre 2019. I giudici, e non è la prima volta, hanno condannato la Sardegna per queste decisioni scellerate che compromettono seriamente la vita dei malati e che pesano sulle casse regionali. Nella sentenza viene inoltre precisato che qualora, come nel caso sardo, “la Regione intenda formare un proprio prontuario terapeutico, non può non includervi tutti i principi attivi dei medicinali appartenenti alla classe A, in conformità alle prescrizioni di cui all’art. 8 del decreto sui LEA”.

Questa la denuncia del consigliere regionale del m5s Michele Ciusa, primo firmatario di una mozione che impegna il Presidente della Regione e la Giunta ad attivarsi per garantire un aggiornamento del Prontuario terapeutico regionale che non vada a discapito dei pazienti sardi.

advertisement

 “Il diritto di tutti i cittadini a potersi curare e a poter utilizzare i medicinali più efficaci esistenti in commercio non può essere negato per privilegiare il risparmio nella spesa farmaceutica regionale”.

“La nostra grande preoccupazione – continua Ciusa – riguarda anche il fatto che le sedute della Commissione per il Prontuario Terapeutico regionale non sono pubbliche, quindi non è possibile valutare e controllare sulla base di quali criteri vengono effettuate queste scelte. La Regione deve vigilare sull’attività della Commissione avendo come obiettivo primario la tutela della salute dei pazienti”.