Coldiretti Sardegna, cibo custode della storia nell’Ecomuseo di Fertilia

E’ quanto vuole rappresentare Coldiretti Sardegna, nel museo etnografico che nascerà a Fertilia, nelle ex officine, e del quale è stata posata la prima pietra la scorsa settimana, grazie alla cooperativa sociale Solomare ideatrice del progetto.

Museo che vuole essere una luce perennemente accesa sulla storia, quella dimenticata e a lungo sottaciuta dell’esodo degli istriani. Casa che accolga la storia e l’identità degli esuli dispersi nel mondo.

L’Ecomuseo intende ripercorrere le vicende storiche, sociali ed umane degli abitanti di Fertilia, a partire dalla comunità Giuliana Dalmata che per prima la ha abitata a partire dal secondo dopoguerra.  Intende raccogliere nomi, luoghi, foto, immagini, testimonianze, documenti e metterli a disposizione di tutti attraverso una piattaforma informatica che tenga accesa una luce sulla memoria.

advertisement

Sarà intitolato ad Egea Haffner, oggi quasi ottantenne, la cui foto da bambina con la valigia e la scritta Esule Giuliana, è diventata il simbolo dell’esodo di circa 300mila italiani dall’Istria, Fiume e la Dalmazia.

Coldiretti, da organizzazione agricola, contribuisce a questo importante progetto attraverso il cibo, la ricostruzione dei piatti tradizionali di questi popoli costretti all’esilio e Fertilia, città che divenne casa per alcuni di loro.

“Ringraziamo la Cooperativa Solomare per averci coinvolto in questo grande e importante progetto – dice a nome di Coldiretti Sardegna il presidente Battista Cualbu -, un regalo non solo ad un popolo ma all’intera umanità e soprattutto alle giovani generazioni che non devono dimenticare e ignorare ma conoscere tutte le pagine della storia anche quelle più crude, scritte sulla pelle degli uomini”.

“Daremo il nostro contributo con entusiasmo – assicura il direttore Luca Saba – consapevoli del ruolo che ricopre l’agricoltura quale produttrice di cibo nel raccogliere e tramandare la storia. Stiamo già elaborando dei progetti che cercheranno di ricostruire un punto di vista di questo pezzo di storia attraverso i piatti tipici”.