CDP: un impegno crescente per il Sud

L’attività di Cassa Depositi e Prestiti a supporto del Mezzogiorno si articola in una serie di strumenti in grado di supportare il sistema produttivo e le comunità.

Più informazioni su

Un impegno crescente, quello di CDP, testimoniato anche dall’apertura delle nuove sedi locali. È stata inaugurata lo scorso novembre la sede di Napoli a cui seguirà l’apertura, nel 2020, dei nuovi uffici nelle città Bari e Palermo.

Inoltre, verranno attivati nell’anno in corso dei punti informativi “Spazio CDP”, presso le Fondazioni bancarie, per rispondere alle esigenze delle imprese e delle pubbliche amministrazioni del Sud a Foggia, Cosenza, Potenza e Campobasso, dopo l’apertura a Cagliari.

Imprese

Per quanto riguarda le imprese, accanto ai tradizionali strumenti di finanziamento, CDP ha di recente sviluppato strumenti di finanza alternativa, attraverso la strutturazione di “basket bond” regionali in Puglia e Campania, che consentono di soddisfare le necessità di finanziamento a medio lungo termine di PMI e Mid Cap per sostenere i loro piani di sviluppo e investimento.

Inoltre, attraverso un’operazione in favore del Fondo di Garanzia per le PMI attivata nel 2017 e tuttora in vigore, sono stati finora garantiti finanziamenti ad oltre 20mila imprese meridionali per circa 1,6 €/mld.

Nel mese di ottobre 2019, è stato concesso un finanziamento da 500€/mln in favore di UBI Banca, per erogare liquidità alle PMI e Mid-Cap con sede nelle 8 Regioni del Mezzogiorno.

Sono in corso di attivazione prodotti di credito agevolato, attraverso il Fondo Rotativo Imprese (FRI), che svilupperanno nuovi investimenti per circa 400 €/mln, solo in Campania.

Inoltre sono state potenziate le partnership con reti terze di Banche e Confidi e gli strumenti di risk sharing, quali condizioni abilitanti per favorire il supporto alle imprese da parte del sistema bancario o altre istituzioni.

CDP dispone, infine, di ulteriori strumenti di supporto dell’economia, che hanno favorito la concessione di finanziamenti a imprese del Mezzogiorno; tra questi i principali:

  • Piattaforma Imprese e il Plafond Beni Strumentali – Negli ultimi anni sono stati erogati finanziamenti nelle 8 Regioni del Mezzogiorno per circa 1 miliardo di euro, di cui hanno beneficiato circa 3.530 imprese.
  • Plafond dedicati a calamità naturali – Circa 19 mln€ sono stati erogati a supporto di imprese del Sud.

PA e Infrastrutture

CDP mantiene un impegno costante nei confronti del Sud-Italia. Ne è anche una dimostrazione il supporto che fornisce alla P.A., tra l’altro per gli investimenti infrastrutturali: quest’anno CDP ha concesso finanziamenti per una quota pari al 30% del totale a enti territoriali situati nelle regioni meridionali, che servono una percentuale simile della popolazione italiana.

L’impegno di CDP si estende all’edilizia scolastica, grazie anche alla collaborazione con il MIUR. CDP ha stanziato per le Regioni del Sud Italia oltre 600 €/mln. Tali prestiti, i cui oneri sono a carico del bilancio dello Stato, sono stati stipulati a dicembre 2019 a valere sulla provvista fornita da BEI/CEB. Inoltre, CDP ha avviato attività di advisory tecnica ed economico-finanziaria per interventi di edilizia scolastica anche al Sud.

Sono stati inoltre siglati alcuni Protocolli tra CDP e:

  • il Comune di Napoli, l’Autorità Portuale, Fincantieri, Snam, Italgas e Terna finalizzato a fornire:

    • supporto finanziario al Comune;

    • supporto alle infrastrutture;

    • advisory per la valorizzazione del patrimonio immobiliare di proprietà del Comune;

    • supporto alle imprese;

  • la Regione Sicilia e Terna per avviare una serie di iniziative relative a:

    • transizione energetica e decarbonizzazione;

    • valorizzazione dei grandi bacini di pompaggio;

    • consulenza tecnica e finanziaria per la realizzazione di infrastrutture di edilizia scolastica, sanitaria e viabilità.

CDP sta portando avanti alcuni progetti per la transizione energetica con alcune società partecipate del Gruppo di particolare importanza per il Sud, come:

  • il Progetto energia da moto ondoso tra CDP, ENI, Fincantieri e Terna. Un progetto che sfrutta l’economia del mare anche in termini di sostenibilità e transizione energetica. È un modo per installare la tecnologia nelle isole minori come quelle presenti al Sud (Pantelleria) e poi immettere l’energia nella rete elettrica nazionale. Ovviamente una volta eventualmente a regime potrebbe rappresentare un volano di sviluppo per le zone costiere;
  • il progetto CDP-ENI di valorizzazione di terreni inutilizzati, primariamente appartenenti al gruppo CDP e agli enti pubblici, attraverso la realizzazione di impianti per la produzione di energia rinnovabile. I primi progetti riguardano terreni collocati in Sicilia, Sardegna, Puglia e Campania.

Attività mobiliare e turismo

Il Gruppo CDP è presente nel Sud Italia e Isole con la linea investimenti dell’area immobiliare, grazie all’attività portata avanti da CDP Investimenti Sgr e da CDP Immobiliare, attraverso tre distinti filoni di intervento:

  • il social housing, a supporto e integrazione delle politiche di settore delle Regioni del Sud Italia, alcune delle quali sono anche partner nell’iniziativa;
  • il turismo, uno dei settori con più alto potenziale per la crescita economica e la creazione di nuova occupazione in Italia;
  • la valorizzazione del patrimonio di provenienza pubblica, legata alle trasformazioni urbane e alla contestuale vendita o messa a reddito degli immobili acquisiti nel tempo.

Social housing

Il Gruppo CDP è impegnato indirettamente attraverso il Sistema Integrato dei Fondi con il FIA in investimenti sul territorio del Sud Italia e Isole con due piattaforme dedicate, una alle Regioni del Sud e l’altra alla Regione Sardegna.

I due fondi immobiliari hanno raccolto risorse per un ammontare complessivo pari a 208,75 milioni di euro, di cui 149,25 milioni di euro sottoscritti dal FIA (pari a circa il 72% dell’ammontare complessivo) con l’obiettivo di realizzare circa 1.700 alloggi sociali, di cui circa 360 sono stati già completati nelle città di Bari, Lecce, Quartu Sant’Elena e Olbia, mentre 115 sono in corso di completamento a Matera.

In particolare, nel caso della Sicilia, la piattaforma investita da FIA si è aggiudicata la gara pubblica promossa nel 2015 dalla Regione Siciliana per sviluppare un piano di interventi di social housing da 60 milioni di euro sul territorio regionale: le risorse saranno messe a disposizione per il 50% dalla Regione Sicilia.

Verranno sostenuti progetti ubicati nei principali capoluoghi siciliani, che prevedano la realizzazione di almeno 50 alloggi sociali e che, piuttosto che comportare il consumo di nuovo suolo, consentano il recupero di immobili o l’utilizzo di aree “brown field”.

Valorizzazione del patrimonio di provenienza pubblica

CDP Immobiliare è proprietaria di due importanti ex Manifatture Tabacchi, nelle città di Napoli e Palermo, sulle quali sono previsti programmi di rigenerazione urbana finalizzati alla riqualificazione immobiliare e sociale delle periferie delle città medesime.

Inoltre, nell’ambito dell’operazione straordinaria di fine anno 2017, il Fondo Investimenti per la Valorizzazione – Comparto Extra (FIV Extra) ha acquisito il complesso immobiliare denominato Ex S.M.O.M., localizzato nel comune di Pozzuoli (NA), sul quale è stata studiata la possibilità di insediare una struttura ricettiva.

Turismo

Il Fondo Investimenti per il Turismo (FIT), piattaforma di investimento promossa da CDP con l’obiettivo di attivare investimenti nel settore immobiliare ricettivo, supportando la crescita delle catene di gestione alberghiera, attraverso FT1, fondo immobiliare gestito da CDP Investimenti SGR, ha in portafoglio 5 strutture ricettive nel Sud Italia per un totale di 1.500 camere

Infine, come ogni anno, CDP promuoverà insieme a Scenari Immobiliari il Forum del Sud, una giornata dedicata al bilancio e agli scenari futuri del mercato nel Sud Italia. L’evento si terrà a Palermo il 22 maggio 2020.

Più informazioni su