“Cazzomene”: dal 14/02 in radio e online, il nuovo singolo dei “Codice a sbarre”

Da venerdì 14 febbraio in radio, sulle piattaforme streaming e negli store digitali "Cazzomene", il nuovo singolo dei "Codice a sbarre", composto da Maximus, Wenzo e Frammento, che formano un triangolo di influenze, generazioni e background diversi ma complementari. Senza uno dei tre componenti, il Codice non esisterebbe!

Più informazioni su

Il brano

Il brano parla della voglia di liberarsi da quelle catene che impediscono di essere se stessi. A proposito di “Cazzomene“, la band commenta.

Maximus: 

Una parola ricca d’animo. Viviamo davvero la vita che sogniamo o continuiamo a sognare una vita che non stiamo vivendo? Liberiamoci dalle catene, usciamo dalle gabbie, questa è “Cazzomene”. Questo è il Codice a Sbarre.

Wenzo:

“Cazzomene” non rappresenta in modo banale la ribellione da noi esposta nei brani, bensì una provocazione al mondo esaltando la nostra reale saccenza, il nostro menefreghismo generale riferito a qualsiasi tipo di musica, genere, artista o simili, Cazzomene è il bambino interiore spensierato che non ha paura di esprimersi temendo il giudizio degli altri, è spontaneità.

Frammento: 

Lieti di presentare “Cazzomene” ciò che rappresenta al meglio il Codice a Sbarre. Menefreghismo mescolato all’azzardo e alla provocazione nei confronti di chi invece si pone dei limiti. Libertà è la parola chiave del nostro progetto.

cazzomene dei codice a sbarre

Il video

Il nuovo singolo “Cazzomene“, sarà accompagnato da un video di prossima uscita per la regia di Fanta, che dichiara:

Ogni canzone ha un’anima e, come tale, va rappresentata al meglio. Questo è il mio compito. Ascoltando la traccia più volte sentivo una sensazione di liberazione, di esplosione, come se la parte più profonda e reattiva di me volesse venire a galla. Per questo abbiamo deciso di puntare alla semplicità, puntando unicamente a rappresentare il nostro istinto di ribellione che si fa strada tra la nostra corazza di perbenismo e regole imposte, come delle radici che invertendo la rotta dal profondo si muovono verso l’esterno, verso la libertà.

Sabato 15 febbraio, i Codice a sbarre saranno opening act di Bello Figo, durante la serata Trash night al Time Club di Pontedera (via Umbria 1/C), in provincia di Pisa.

cazzomene dei codice a sbarre

La band: Codice a sbarre

Maximus: classe ’88, dj prima ancora di imparare ad andare in bicicletta. Ivano Ventaloro, catanese di nascita ma trapiantato a Brescia all’età di 13 anni, comincia fin da subito a collezionare vinili e appassionarsi alla musica elettronica e alle sue sfaccettature. Da sempre attratto dagli estremi di banda, cosa che rispecchia la sua natura anche nella vita, lo porta a sperimentare produzioni sempre più eclettiche. Con Frammento e Wenzo formano un triangolo di influenze, generazioni e background diversi ma complementari che, fondendosi, danno vita al Codice a Sbarre.

Frammento: Jerold Piccolo, in arte Frammento, ad indicare tutti i passi che l’hanno reso ciò che è oggi, è un artista che guarda alle origini, nonostante l’età. Appassionato di musica italiana, della tradizione, suona la chitarra ispirandosi ai grandi nomi della musica nostrana; Celentano, Baglioni, sono solo alcuni degli artisti che gli hanno trasmesso l’amore per il canto. Mescolando sapientemente il passato con il presente, riesce ad imporsi con rime dirette e d’impatto. Il ballo, l’altra grande passione di Frammento, lo rendono un artista completo capace di sapersi adattare a ogni sfida e uno dei tre pilastri del Codice a Sbarre.

cazzomene dei codice a sbarre

Wenzo: al secolo Marco Bessi, nasce a San Miniato nel luglio ’97. Il basket, la scrittura e il rap sono stati i suoi chiodi fissi dagli albori della sua adolescenza; all’età di 15 anni, infatti, inizia a cimentarsi nei primi contest di freestyle e successivamente in esibizioni di piccolo calibro. Appassionato allo scrivere poetico introspettivo, riflessivo, pacato, trova nell’incontro con Maximus e Frammento la grinta, la forza e la voglia di rivalsa che unita allo stile dei due danno vita a una nuova concezione musicale estremamente di impatto. Senza uno dei tre componenti, il Codice non esisterebbe.

Per scelta, la band non è presente su Facebook ma solo su IG.

Social media

cazzomene dei codice a sbarre

Più informazioni su