Bitcoin, la prima valuta digitale decentralizzata nella storia

Quando parliamo di Bitcoin ci riferiamo ad una valuta digitale distribuita ed utilizzata in maniera elettronica. Questa moneta ha una rete decentralizzata peer-to-peer che libera dal controllo, sia le istituzioni che degli individui. In pratica, nessuno può tenerla sotto controllo, ma l’unica cosa che va a determinare il suo valore è l’incrocio tra domanda ed offerta. Si tratta di un sistema economico che non può essere stampato, né tanto meno diventare fisico, ma è assolutamente digitale ed intangibile.

Le caratteristiche del bitcoin

La quantità di Bitcoin è molto limitata, infatti non è possibile creare più di 21 milioni di questi titoli. A creare tale moneta digitale diversi anni fa, ovvero nel 2019, è stato Satoshi Nakamoto. Non si sa ancora bene, se si sia lui l’unico ideatore di questo sistema ma in realtà, sembrerebbe quello che riesce ad ottenere la paternità. Quando parliamo di Bitcoin perciò ci riferiamo ad un software open source creato dal programmatore residente in Giappone. A metà del 2010, il progetto è passato nelle mani di Gavin Andresen, il vero sviluppatore e capo del progetto. Quello che è certo è che da quel momento tutto è cambiato. Oggi giorno, basta cercare una delle principali piattaforme di scambio europee per capire quanto è alto il valore di Bitcoin e che probabilmente crescerà ancora.

Il controllo sui Bitcoin

I Bitcoin rappresentano dei vantaggi impressionanti da un punto di vista delle valute tradizionali. Infatti, non c’è un’autorità o un’istituzione in grado di interferire con le transazioni, con gli scambi spese o con qualunque tipo di transazione per gli utenti. I movimenti del Bitcoin sono molto trasparenti e ogni transazione viene archiviata in un libro contabile che si conosce con il nome di blockchain. Ecco perché la rete dei Bitcoin è molto interessante perché non può essere controllata da nessuno se non dall’incrocio tra domanda e offerta. Quindi è la rete stessa a controllare il sistema totalmente decentralizzato. Il blockchain a sua volta, è completamente sicuro e certo. Ogni transazione è assolutamente sotto controllo grazie ad un sistema di token e di blocchi.

Le altre caratteristiche del Bitcoin

Altri dei principali vantaggi delle criptovalute stanno nel fatto che non hanno una commissione, possono essere utilizzate anche da chi non ha un conto bancario e poi è un sistema di pagamento anonimo ed assolutamente sicuro. Un altro punto interessante sta nell’impatto ambientale di questo sistema. Infatti, grazie alle transazioni fatte in tale modo si evita di stampare carte di credito in plastica ed in più, si risparmia molto sull’inchiostro e la carta, nonchè tutto quello che serve per produrre invece il contante. Insomma, una vera e propria rivoluzione che potrebbe avere anche degli aspetti importanti da un punto di vista ambientale e per ridurre lo spreco di risorse e l’inquinamento.