Scandalo alimentare in Brasile. Rischio intossicazione: la Backer richiama la birra Capixaba

Si ritiene che sedici uomini e una donna di età compresa tra 23 e 76 anni abbiano subito avvelenamento da glicole dietilenico. Quattro casi sono stati confermati e i restanti 13 sono sotto verifica in quanto hanno mostrato sintomi simili.

Lo ha riferito il Dipartimento della Salute dello Stato di Minas Gerais. La prima persona è stata ricoverata in ospedale il 30 dicembre 2019, con insufficienza renale acuta e problemi neurologici come paralisi facciale, visione offuscata e alterazione sensoriale.

Per i casi sospetti, la prima comparsa di sintomi è il 19 dicembre 2019. Il numero medio di giorni tra la comparsa dei sintomi e il ricovero è stato di due anni e mezzo. Il Ministero dell’agricoltura (Mapa) ha imposto a Cervejaria Backer di richiamare tutte le bevande prodotte dall’ottobre 2019 alla data attuale.

La società ha contestato ciò poiché ritiene che solo le birre a marchio Belorizontina potrebbero essere interessate. Le analisi su campioni di prodotti Belorizontina e Capixaba realizzati dal birrificio hanno confermato la presenza dei contaminanti glicole monoetilenico e dietilenglicole. Quest’ultima sostanza è stata trovata anche nel sangue di alcuni di questi malati. Entrambe le sostanze sono utilizzate come antigelo nell’industria della birra.

Mapa ha fermato l’unità Três Lobos di Cervejaria Backer a Belo Horizonte, Minas Gerais, per motivi precauzionali. Un totale di 139.000 litri di birra in bottiglia e 8.480 litri di birra alla spina sono stati sequestrati e anche i serbatoi e le altre attrezzature di produzione sono stati sigillati. Secondo la società, nel processo produttivo viene utilizzato solo glicole monoetilenico.

Tuttavia, i test su un serbatoio di raffreddamento utilizzato nella produzione del lotto di birra Belorizontina L2 1354 sono tornati positivi per il glicole dietilenico. La sostanza era stata rilevata in campioni di due birre dai lotti L1 1348 e L2 1348 forniti dai familiari dei pazienti.

La birra Capixaba del lotto L2 1348 era positiva per glicole monoetilenico e glicole dietilenico. Le bottiglie delle famiglie delle vittime e della compagnia sono risultate intatte e non hanno mostrato segni di manomissione. I funzionari ritengono che la birra sia stata contaminata tra la seconda metà di novembre e l’inizio di dicembre 2019.

Vengono seguite diverse linee di indagine tra cui contaminazione accidentale e possibile adulterazione da parte di un ex dipendente. Una dichiarazione della società afferma che era focalizzata sui pazienti e sulle loro famiglie.

I funzionari del birrificio hanno dichiarato che l’azienda stava collaborando con indagini ufficiali e indagando internamente per scoprire come i lotti identificati dalla polizia erano contaminati. I risultati dei test indipendenti sono in sospeso.

Tuttavia il birrificio Backer ha pubblicato sul proprio sito al link  http://cervejariabacker.com.br/ il comunicato che di seguito riportiamo tradotto: “In questo momento, Backer rimane concentrato sui pazienti e sulle loro famiglie. La compagnia fornirà il supporto necessario anche prima di qualsiasi conclusione sull’episodio.

È già disponibile per tutto ciò di cui hanno bisogno. Il birrificio informa che continua a collaborare, senza restrizioni, alle indagini. La compagnia continua a indagare internamente su ciò che sarebbe potuto accadere ai lotti di birra nominati dalla polizia. Backer ha affermato che la scorsa settimana ha richiesto competenze indipendenti e attende i risultati.

Ribadisce che nel suo processo di produzione utilizza esclusivamente l’agente glicole monoetilenico. Al fine di scongiurare qualsiasi possibile rischio per la salute, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, la nostra associazione, quindi, dato anche il risalto che ha avuto questa notizia al di là dei nostri confini, ritiene utile informare anche i nostri connazionali che si trovano all’estero, in particolare in Brasile, e che non potrebbero essere messi a conoscenza in virtù della circostanza che l’allerta è indicata in lingua portoghese.