Cronache pongistiche del 16 gennaio 2020

In primo piano il terzo posto del Tennistavolo Norbello nella Coppa Italia femminile, i risultati della terza edizione del memorial Giovanni Cuccu e del campionato a squadre veterani.

Coppa Italia a Terni: nel femminile buon terzo posto per il Tennistavolo Norbello

Quando anche le seconde linee riescono a fare l’impensabile. Il Tennistavolo Norbello femminile rientra dall’edizione rinnovata n. 3 della Coppa Italia, con un terzo posto in saccoccia, ottenuto grazie ai contributi della titolarissima Giulia Cavalli, in questa circostanza senza l’apporto delle sue forti compagne Camilla Argűelles e Chiara Colantoni (infortunate). Ma con l’ausilio niente male di Marialucia Di Meo e della sedicenne Gaia Smargiassi, che avevano guadagnato i diritti di partecipazione grazie al titolo di campionesse d’inverno nel campionato di serie A2.

Per il team accompagnato dal presidente Simone Carrucciu e dal tecnico Eliseo Litterio, un bilancio complessivo di due vittorie nella regular season. Prime a soccombere le Alfiere di Romagna, segue sconfitta del Castel Goffredo e poi passaggio al turno successivo ai danni del Quattro Mori Cagliari che, in questa circostanza, non è riuscito a proseguire il filotto positivo nei confronti delle giallo-blu, costruito prima nel concentramento danese di Ettu Cup e poi in campionato.

Il derby tra club isolani è stato comunque avvincente e terminato al quinto set della quinta e ultima partita utile. Anche i Quattro Mori, pur avendo schierato i rincalzi Madalina Pauliuc e Rossana Ferciug al posto di Wei Jian e Andreea Clapa, possono rimanere ampiamente soddisfatti dell’esperienza maturata al Palatennistavolo De Santis di Terni, dove hanno mosso la classifica dominando anch’esse le Alfiere.

Approdate in semifinale, le portacolori del borgo guilcerino, con una Giulia Cavalli non al top della forma a causa di un virus intestinale, se la sono vista con la Bagnolese (al completo). Finisce 3-0, ma sia Di Meo sia Smargiassi hanno impegnato a fondo la nazionale Veronica Mosconi e l’inossidabile Tian Jing.

Sul fronte maschile il Tennistavolo Norbello di Catalin Negrila, Lorenzo Ragni e Francesco Calisto (che ha sostituito il n. 1 del Cile Juan Lamadrid), nulla ha potuto davanti alla netta superiorità dei club di A1: Verzuolo, Prato, Top Spin Messina. Ma è stato un buon allenamento in vista del prossimo weekend, quando riprenderà il campionato di A2 (girone B), che attualmente sta dominando.

Nel ricordo di Giovanni Cuccu, Marco Sarigu e Francesco Lai fanno la differenza in 3a e 4a categoria. Profete Aurora Piras e Alessandra Stori della società organizzatrice Muravera TT.

È andato come tutti si aspettavano: molto bene. I fautori del memorial Giovanni Cuccu si muovono alla perfezione. Sul fronte organizzativo, la società del presidente Luciano Saiu architetta qualsiasi particolare con largo anticipo e si affida a una cordata – che ispira sempre affidabilità – costituita da dirigenti, genitori dei giocatori e tutti coloro che tengono stretto Giovanni nel cuore.

Compresi ovviamente gli atleti a lui particolarmente vicini, che si presentano nella palestra di viale Rinascita assai motivati, coordinati dallo staff arbitrale capeggiato dal giudice effettivo Rossana Spiggia e dalle AGA Agnese Maccioni e Manuela Scottu. Non è un caso che la finale dei terza sia disputata da due suoi ex compagni di scuderia: Marco Sarigu (Tennistavolo Sassari) la spunta su Riccardo Lisci. Nella stessa categoria, ma al femminile, primeggia Aurora Piras del Muravera TT che supera la sua compagna Alice Mattana.

Francesco Lai (Muraverese) domina nella quarta maschili e Alessandra Stori (Muravera TT) quella femminile.

3a categoria maschile

Tra i sedici iscritti le prime teste di serie non rivoluzionano le aspettative; tra queste il favoritissimo Marco Sarigu. Il pongista masese, ex Marcozzi e Muravera TT, ora in forza al Tennistavolo Sassari, racconta come è maturato il suo successo:

Il torneo non è iniziato al meglio – dice – perché ho passato il girone per secondo sconfitto dall’esperto Marcello Porcu (Muraverese). Nel tabellone incontro il forte Stefano Curcio (Marcozzi), amico e allenatore, con il quale sono riuscito a spuntarla in rimonta al quinto set. In semifinale ho la meglio, sempre al quinto set, su Edoardo Loi (Santa Tecla Nulvi). Arriva anche la vittoria cruciale contro il sempre ostico Riccardo Lisci (Muraverese), in una finale tra ex compagni di squadra del nostro Gio. Sono molto contento della vittoria, più che per il risultato in sé, per l’importanza della manifestazione, a cui tenevo davvero tanto. E penso di averlo dimostrato non mollando mai e mettendocela tutta per vincere ad ogni costo. Ci tenevo inoltre a ringraziare la splendida organizzazione e tutti i partecipanti del torneo, che, fino all’ultimo, hanno cercato di onorare al meglio la memoria di Giovanni.

Il guspinese Riccardo Lisci, nel suo percorso, ha invece estromesso il suo concittadino Giancarlo Carta (Santa Tecla Nulvi) e il suo compagno di scuderia Marcello Porcu.

Al palazzetto di Muravera si avvertiva nell’aria la presenza di Giovanni – ha scritto Lisci – e credo che tutti noi che lo abbiamo conosciuto e apprezzato sia come atleta, ma soprattutto come persona, abbiamo giocato meglio di quanto riusciamo di solito. È stato un bel torneo e devo dire che, per la prima volta, sono contento di aver perso in finale con Marco Sarigu (davvero imbattibile) che è stato un grande amico di Giovanni.

Sono approdati al tabellone ad eliminazione diretta pure Nicola Pisanu (Muravera TT) e Francesco Broccia (TT Guspini).

cronache pongistiche

3a categoria femminile

Tra le nove partecipanti, otto fanno parte della società organizzatrice. Le statistiche dicono che quella messa meglio in classifica è la sarrabese Sara Congiu, incalzata dalla sua compagna Aurora Piras. Sarà quest’ultima, infatti, a spuntarla in un tabellone dove ha estromesso inizialmente Serena Anedda (Muravera TT) e poi in finale la sua amica e avversaria pluriennale Alice Mattana. Alice, dal canto suo, partendo come testa di serie n. 4 dopo aver eliminato Silvia Deligia (Quattro Mori Cagliari), gioca un brutto scherzetto proprio alla favorita Sara Congiu dopo quattro set tirati, specie gli ultimi due. Approda ai quarti anche Alessandra Stori.

cronache pongistiche

4a categoria maschile

Trentacinque iscritti per dieci società di appartenenza. Francesco Lai, guspinese in forza alla Muraverese, assolve in pieno il suo compito da leader. Di seguito le sue impressioni:

Vorrei inizialmente fare i complimenti alla società del Muravera TT e alle famiglie degli atleti di casa, che, come sempre, organizzano una bella giornata di sport e di socializzazione in ricordo di Giovanni. Ci tenevo a partecipare al memorial, per cui ho deciso di iscrivermi nonostante più di un mese di inattività e la testa focalizzata su obiettivi extra-pongistici. Sicuramente i pronostici erano tutti dalla mia, ma vincere non è mai scontato come dimostrano alcuni risultati dei vari gironi, che vedono estromessi sin da subito molti degli altri favoriti. Scrollata un po’ di ruggine iniziale, alla fine il torneo va via liscio, con un solo set lasciato per strada col mio compaesano Silvio Dessì. Rimandata ancora la prima sconfitta con l’altro mio giovane conterraneo Francesco Broccia, bravissimo comunque a raggiungere la finale e autore di un ottimo torneo anche nella terza categoria. Ora ci attende la ripresa dei campionati. Ne approfitto per fare un in bocca al lupo a tutti per il girone di ritorno.

Prima della finale, il vincitore si era imposto su Roberto Murgiano (Azzurra Cagliari), Gioele Melis (Guspini) e Mario Bordigoni (Muraverese).

Si sono arresi a Francesco Broccia nell’ordine: Mariano Zucca (Serramanna), Massimiliano Broccia (Guspini) e Alberto Manos (La Saetta) che conduceva per 2-0.

Si sono meritati l’accesso ai quarti Fabiano Peddis (Guspini) e Luca Costantino Pilo (Santa Tecla Nulvi).

cronache pongistiche

4a categoria femminile

Tra le otto partecipanti i riflettori erano puntati sulle due leader e amiche carismatiche Alessandra Stori e Francesca Seu. Non hanno tradito le attese, dando vita a una finale spumeggiante dove Alessandra ha prevalso in quattro set. Ma il resto lo racconta direttamente lei:

Sono molto contenta perché abbiamo ricordato il nostro caro Giovanni. Quella contro Francesca è stata una bella partita molto intensa. Penso di aver giocato bene tutto il torneo a partire dal girone dove ho incontrato la mia compagna di squadra Rita Franzò (battuta 3-1) e Laura Pinna del Tennistavolo Sassari con la quale ho vinto 3-1. Passata per prima ho poi sfidato Martina Bonomo (Tennistavolo Sassari) in semifinale, sconfiggendola 3-0. Come dal primo memorial punto sempre a prendere una coppa per ricordare Giovanni. Spero per gli anni successivi di riuscire ancora a posizionarmi sul podio.

Francesca Seu ha invece battuto al quinto set Rita Franzò in semifinale.

cronache pongistiche

Serie C veterani: Tennistavolo Sassari, TT Oristano Iridata, TT Guspini A, Santa Tecla Nulvi B sono le quattro semifinaliste

L’appuntamento è per sabato 28 marzo (sede da definire), quando le quattro vincitrici della regular season si daranno battaglia per guadagnarsi i due posti disponibili per l’accesso alla fase nazionale, che sarà concomitante con gli Italiani Veterani (individuali e a squadre) previsti a Catania dal 21 al 26 aprile 2020. Salvo decisioni differenti da parte della Commissione regionale che salvaguarda il buon andamento dei campionati, le gare di semifinale dovrebbero essere: Santa Tecla Nulvi B – Tennistavolo Sassari e Oristano Iridata – Guspini A.

Come sempre, spazio ai protagonisti che si sono impegnati a fondo nei quattro concentramenti conclusivi organizzati a Sassari, Paulilatino, Guspini e Capoterra.

Girone A

Gianfelice Delogu (Tennistavolo Sassari):

Dopo aver perso nella prima giornata contro i cugini della “Monterosello”, siamo costretti a vincere, per poter passare il turno, entrambe le partite che ci rimangono da giocare. Ci riusciamo battendo, con merito e un po’ di fortuna, 3-1 l’Alghero e 3-2 il Nulvi. Grande prestazione del Presidente Marcello Cilloco che vince tutti i quattro singolari giocati (3-1 Niolu e 3-0 Mulas contro Alghero, 3-0 Andersen e Pilo contro Nulvi). Io perdo due delle tre partite giocate (2-3 Niolu e 0-3 Pilo) ma ho la freddezza di vincere per 3-2 l’ultimo singolare del match contro Andersen rimontando da 0-2. Utilissimo il contributo di Gigi Scudino dalla panchina. Arriviamo primi nel girone e guardiamo con fiducia al prossimo concentramento.

cronache pongistiche

Gianni Palmas (Libertas Ping Pong Monterosello):

In questo ultimo concentramento la Libertas Monterosello incontra le due squadre di Olbia “A” e “B”. Contro la prima vinciamo per 3-0 con punti di Musio Roberto contro Dessi Marco; Renna Sandro contro Corda Stefano e il doppio Palmas-Paganotto contro Dessi-Corda. L’Olbia B invece ci supera 3-0, con punti di Trubbas Antonio contro Musio Roberto per 3-2, Melis Pierpaolo contro Sandro Renna per 3-2 e il doppio Trubbas-Dessi contro Palmas-Paganotto per 3-2.Tutte le tre partite son state combattute e incerte sino alla fine e comunque son stati più bravi di noi e hanno meritato la vittoria.

Pierpaolo Melis (Tennis Tavolo Olbia):

Come si usa dire, luci ed ombre per il secondo concentramento del campionato veterani regionale: la coppia Corda-Dessì combatte contro Sassari Monterosello ma soccombe e perde in maniera perentoria contro Alghero. La compagine di Olbia B (Melis-Trubbas) perde 3-0 contro il Nulvi e si rifà vincendo 3-0, anche se in tutte e tre le partite per 3-2 contro Sassari Monterosello. Finisce con questo raggruppamento il campionato di serie C veterani che passa alla fase finale senza nessuna delle due squadre olbiesi.

Girone B

Pasqualino Putzolu (Paulilatino 2014):

Il TennisTavolo Oristano Iridata con Emanuele Marras, Salvatore Coghe e nel doppio Marras – Sebastiano Urrai, si impone nel girone B, prendendo le distanze nell’incontro diretto contro un rimaneggiato Gulcier Ghilarza che registra l’assenza pesante del forte giocatore Briam Mele. In gara Quirico Mura e Mario Marchi, quest’ultimo in forma smagliante ha vinto tutti gli scontri diretti. Degna di nota, con giocate deliziose, la gara contro Salvatore Coghe. Le altre partecipanti hanno rispettato i pronostici della vigilia. Io con Giuseppe Mellai abbiamo perso contro la prima della classe e di seguito contro l’altra compagine di Oristano Rosso Blu composta da Nicola Cuccureddu e Adolfo Simula, che di seguito si aggiudicano anche l’altra gara contro Francesco Sanna e Mauro Mereu del Tennistavolo Norbello. Quest’ultima lascia l’intera posta anche contro il Neoneli di Ignazio Piras e Stefano Conconi, che di seguito si aggiudicano per 3-2 la gara contro Il Gulcier Ghilarza. Giornata all’insegna dello sport, si è conclusa con il terzo tempo a base di vino rosso della casa, spumante e panettone.

Quirico Mura (Guilcier Ghilarza):

In questo secondo concentramento scendiamo in campo a ranghi ridotti. Non sono infatti disponibili né Guido Marchi, né Briam Mele. Schieriamo quindi i soli Mura Quirico e Marchi Mario. La prima partita ci vede contro il Neoneli e si inizia con il nostro Mario Marchi che riesce a prevalere in tre set su Piras Ignazio, mentre nel secondo singolare Mura deve affrontare Conconi Stefano, ma pur giocando dei buoni set, con scambi anche prolungati, non riesce a fare risultato. Nel doppio, Mura e Marchi vincono di misura il primo set, ma il poco allenamento in doppio decreta la sconfitta del duo guilcerino. Nel quarto incontro Marchi riesce, con un po’ di fatica, a imporsi su Conconi per 3-2. E nell’ultimo incontro Piras vince su Mura. Nella partita che ha il sapore di uno spareggio promozione mancato, incontriamo l’Oristano Iridata che è a punteggio pieno e candidato alla vittoria finale del girone B. Mario Marchi parte bene contro Marras Emanuele e vince per 3-1. Poi si affrontano Mura Quirico e Coghe Salvatore: vinco il primo set, però la tecnica e l’esperienza di Coghe non mi concede scampo. Il doppio seguente vede in campo l’affiatata coppia Urrai-Marras contro Mura-Marchi: vince il duo Oristanese in tre set. Poi Mario riesce a vincere contro Coghe Salvatore per 3-1 e nell’ultima partita della giornata, Mura, non al meglio fisicamente per reggere l’intensità del torneo, deve affrontare un temibile ed esperto avversario che gioca con continuità in campionato, Marras Emanuele, il quale vince senza difficoltà per 3-0. Eravamo ospiti nella palestra del Paulilatino, che ringraziamo per l’accoglienza: ci siamo divertiti in tutte le partite, sia nei singolari, sia nei doppi. Alla fine, c’è stato un rinfresco e tutti gli atleti erano sorridenti, senza quella tensione che spesso si percepisce in altri campionati. Il giudizio complessivo per gli atleti del Guilcier è sicuramente positivo, Mura è alla 2a esperienza in un torneo e ha, comunque, disputato delle buone partite, prevalendo anche contro giocatori con tanti anni di esperienza in più alle spalle. mentre Mario e Guido Marchi sono gli unici giocatori di questo girone a terminare il torneo imbattuti.

Nicola Cuccureddu (T.T. Oristano Rosso Blu):

Bilancio positivo per noi a Paulilatino. Battiamo 3-0 il Tennistavolo Norbello e con lo stesso risultato superiamo il Paulilatino. Nella prima vinco con Sanna abbastanza facilmente, poi è la volta di Adolfo Simbula con Marco Mereu, anche lui gioca bene e vince facile. È la volta del doppio: loro giocano meglio che in singolo, ma Adolfo è in forma e chiude molti punti in maniera eccellente; e vinciamo. Con Paulilatino inizio io con Mellai, lui non entra mai in partita, soffre i miei servizi laterali e termina con un facile 3-0. Anche Simbula si impone senza patemi su Putzolu 3-0. Nel doppio giocano meglio e, dopo aver perso il primo set, ci strappano il secondo. Ma sempre Simbula, molto in forma, tiene la squadra su e facciamo nostri i due successivi chiudendo il match.

Stefano Conconi (Neoneli):

Iniziamo subito contro il Ghilarza che si presenta privo del suo giocatore di punta, Briam Mele, ma sempre competitivo con Mario Marchi e Mura Quirico. Noi, privi del capitano Agostino Campanello e di Gianni Pintus, entrambi a letto influenzati, ci presentiamo solo in due, Ignazio Piras e Stefano Conconi, intenzionati a disputare un buon incontro. Viste le assenze, è chiaro che oltre alle abilità dei contendenti è necessaria una strategia di gara che possa permettere di avere anche un piccolo vantaggio utile. Iniziano Mario e Ignazio e finisce 3-0 per Marchi. Pareggio io, con lo stesso risultato, su Quirico. Segue l’incognita doppio: con Ignazio non ho mai giocato in coppia. Ma riusciamo a spuntarla. Inizia la seconda serie dei singolari: contro Mario viene fuori una gara combattuta che finisce al quinto in favore del ghilarzese. Sul due pari l’incontro tra Ignazio e Quirico risulta determinante. Ignazio riesce a imporsi per 3-0 e porta a casa un risultato prestigioso e inaspettato. Seconda gara con il Norbello: ottima prestazione di Sanna e Mereu che giocano con grinta e determinazione, l’incontro finisce 3-0 in nostro favore. Un grazie agli amici del Paulilatino, padroni di casa, per l’ottimo terzo tempo organizzato.

Franco Sanna (Tennistavolo Norbello):

Nonostante le sconfitte con Oristano Rosso Blu e Neoneli, le prestazioni mie e di Mauro Mereu sono state positive. Ma, come spesso puntualizzo, si poteva dare di più. Infatti, avevo pochi allenamenti alle spalle per i problemi fisici che mi perseguitano dall’anno scorso. A Paulilatino è stato tutto molto bello, anche perché i padroni di casa sono dei cari amici. Per il prosieguo della stagione spero di allenarmi di più e di andare sempre più avanti.

cronache pongistiche

Girone C

Silvio Dessì (TT Guspini A):

Nella seconda fase dei concentramenti a squadre veterani, dove giochiamo in casa, io e Massi Broccia abbiamo vita facile con gli amici dell’Oristano Viola che superiamo per 3-0. Qualche grattacapo in più lo incontriamo con il San Orione Rosmarino Carbonia B degli esperti Macrì e Bianciardi. Ci imponiamo 3-1 vincendo tutti i singolari e perdendo il doppio alla bella. Con questi risultati ci aggiudichiamo il girone e andiamo alle semifinali play off con le altre vincenti dei restanti gironi.

Bruno Pinna (ITC Enrico Fermi Iglesias):

Seconda giornata del torneo veterani positiva per noi. Io e Roberto Pili riusciamo a vincere con entrambi le compagini dei nostri cugini sulcitani. Nel primo incontro ci troviamo di fronte Bianciardi e Macrì. Incontro vinto 3-0 ma notevolmente sofferto: Bianciardi sfiora il colpaccio contro Roberto, sfoderando grinta e ottimi colpi sia in attacco sia in difesa. Fortunatamente cede al quinto qualche palla di troppo e Roberto Pili ne approfitta per chiudere sul 3-2. Per la prima volta ho incontrato Luciano Macrì in una partita ufficiale, giochiamo spesso in allenamento e temevo soprattutto la sua continuità nel livello di gioco. Vinco 3-1 ma decisamente con fatica: tutti i set si concludono con punteggi ravvicinati. Nel doppio invece vinciamo senza troppa difficoltà. Nella seconda invece il Carbonia schiera Francesco Fara e Marco Ibba. Gioco io la prima contro Fara e riesco a tenere sotto controllo la partita mettendogli sempre pressione e aspettando la palla più facile per chiudere. Vinco 3-0. Nella seconda Ibba parte benissimo contro Roberto e riesce a fargli sudare le classiche 7 camicie prima di cedere al quarto set. Nel doppio, invece, i nostri avversari riescono a disputare una partita in controllo. Con guizzi conclusivi di Ibba col rovescio e palleggi molto precisi di Fara, ci portano al quinto set, riuscendo a metterci paura fino all’ultimo punto. Vinciamo 3-2 e chiudiamo l’incontro. Pur non riuscendo nell’intento di raggiungere il Guspini al primo posto, la serata (a parte il freddo di quella palestra) è stata come al solito agonisticamente divertente.

Enrico Bianciardi (San Orione Rosmarino B):

La seconda e ultima giornata (almeno per noi) del torneo veterani si è conclusa con una doppia sconfitta per la mia squadra. Il primo incontro lo abbiamo disputato contro i nostri amici di Iglesias. I primi a scendere in campo siamo stati il sottoscritto e Roberto Pili. Abbiamo giocato bene entrambi, ma alla fine l’ha spuntata Roberto al quinto set. A seguire sono scesi in campo il mio compagno di squadra Luciano Macrì contro Bruno Pinna. I due giocatori si sono affrontati in modo leale, con un bel gioco da entrambe le parti. Alla fine, ha vinto Bruno in quattro set. L’ulteriore nostra sconfitta nel doppio fissava il risultato definitivo sul 3-0 in favore degli Iglesienti. La seconda serie di partite ci ha visto contrapposti alla squadra di casa del Guspini. Il primo incontro, molto combattuto, disputato tra Luciano e Massimiliano Broccia, è stato vinto dal pongista di Guspini al quinto set. L’altro singolare ha visto contrapposti me e Silvio Dessì, che ha avuto la meglio al quarto set. La nostra successiva vittoria combattutissima nel doppio portava il punteggio sul 2-1 per il Guspini e ci faceva pensare a una possibile rimonta. Le nostre speranze venivano però spente dalla vittoria di Silvio Dessì contro Luciano, che fissava definitivamente il punteggio sul 3-1 per il Guspini. La nostra avventura al torneo veterani si è conclusa in questo modo. Possiamo dire di esserci divertiti, di aver dato il massimo e di esserci classificati dietro due squadre che allo stato attuale ci sono superiori.

Marco Ibba (San Orione Rosmarino A):

Grande divertimento a Guspini con gli incontri di tennistavolo veterani. Scendiamo in campo io e Francesco Fara, atleta tra i più calmi al mondo e dotato di un gioco particolare, molto divertente. Iniziamo col Guspini B. Fara 3-0 su Onnis, io 3-1 con il fortissimo Giampaolo Collu. Poi riusciamo a chiudere l’incontro 3-0 nel doppio con Collu e Peddis, ma non è stato affatto semplice. La seconda compagine da affrontare è quella delle Tigri di Iglesias: Roberto Pili e Bruno Pinna, nostri grandi amici. Inizia Franco con Bruno ma il secondo è molto difficile da superare e prevale 3-0. Poi tocca a me: riesco a fare una bella gara ma alla fine prevale la sua bravura. Andiamo al doppio, forse la partita più bella, che a sorpresa, dopo un saliscendi, ci vede condurre 2-1, con i nostri amici in difficoltà. Ma al quarto e al quinto riescono a ritrovare la calma e i punti per batterci. Saluto a tutti e buon tennistavolo.

Giampaolo Collu (TT Guspini B):

Da buon padrone di casa, dopo le pulizie d’obbligo ai tavoli di gioco, ho avuto il piacere di accogliere le squadre che, alla spicciolata, sono arrivate al palazzetto dello sport n. 2. Si è creata subito un’aria di cordialità e simpatia tra le varie squadre che sto cominciando a conoscere, essendo al mio esordio in un campionato veterani. Dopo il riscaldamento, le squadre hanno iniziato gli incontri e devo dire che, con mia grande soddisfazione, non c’è stata storia in quanto il Guspini A ha stravinto il girone con i suoi bravissimi giocatori. In compenso la mia squadra, composta anche da Fabiano Peddis e Giorgio Onnis, è riuscita a non arrivare ultima. Nel momento dei saluti finali ho udito alcuni giocatori, con neanche cinquanta primavere alle spalle, constatare che con l’età i riflessi e la vigoria fisica calano inesorabilmente. Ho dato un’occhiata al parco atleti e mi pare di aver notato, oltre a me, solo un altro sessantenne. Costretto da tempo a un rapido avvicinamento ai 70 con relativi inevitabili rallentamenti (qualcuno dice anche mentali!). Mi viene da fare una proposta alla FITET: perché non applicare un coefficiente di handicap per i meno veterani? Secondo me così ci sarebbero più partecipanti e meno punteggi imbarazzanti per chi è più colpito dall’età. Se dovesse continuare così difficilmente penso di partecipare in futuro.

Girone D

Cesare Mozzi (Santa Tecla Nulvi B):

Concentramento decisamente più triste del solito per la scomparsa dell’amico Massimo Atzeni. Noi vinciamo contro Monserrato e Capoterra non senza difficoltà e quindi passiamo alla fase regionale.

Alberto Manos (TT La Saetta):

All’ultimo concentramento del girone D del campionato veterani a squadre, ci presentiamo io e Luca De Vita. Prima partita che ci vede opposti al Decimo di papà Marco Saiu, il quale, nonostante molti capelli bianchi in più rispetto all’ultima volta che l’ho incontrato, mi rifila un sonoro 3-0. È l’unico punto che abbiamo ceduto agli avversari, viste le vittorie mie e di Luca de Vita in doppio, e su Gianfranco Soi. Nel secondo match siamo contro il Monserrato del presidente Picciau: finisce abbastanza agevolmente 3-0 per noi. Colgo l’occasione per fare i complimenti al Nulvi, che nel nostro girone non ha avuto alcun problema per fare percorso netto.

Alessandro Polese (Azzurra Cagliari):

Due incontri piacevoli e impegnativi quelli con il Torrellas e il Decimomannu svoltisi a Capoterra. Iniziamo il nostro primo incontro con la squadra ospitante del Torrellas di Capoterra, che schiera una formazione con quattro giocatori: Rasulo, Pusceddu, Migliaccio e Carta. Inizia il mio compagno Maurizio Piano, con Antonello Migliaccio, vincendo l’incontro per 3-1. Successivamente perdo l’incontro con Celestino Pusceddu, in forma e migliorato nel suo gioco. Il doppio ci vede vincenti in un incontro non semplice per entrambe le parti, giocato da me e Maurizio contro Carta e Rasulo. A chiudere l’incontro ci pensa Maurizio Piano, che riesce ad avere la meglio su Rasulo per pochissimi punti di differenza e alla bella. L’incontro successivo ha visto impegnati me e Maurizio (alquanto stanchi e “veterani”) contro il Decimomannu, schierato con Marco Saiu e Soi Gianfranco. Il primo incontro mi vede impegnato con Marco Saiu e, nonostante l’impegno, lo perdo anche per una serie di fortune di Marco e per la sua bravura. A seguire Maurizio prevale facilmente su Gianfranco Soi per 3-0, ma sarà il doppio, di lì a qualche minuto, che farà la differenza a vantaggio del Decimo che ci supera per 3-2, vincendo l’incontro per 3-1 meritatamente.

Celestino Pusceddu (Torrellas Capoterra):

Secondo e ultimo appuntamento stagionale (almeno per noi) con il campionato veterani di serie C maschile. Devo premettere che è stato un vero piacere per tutti noi della Torrellas ospitare i concentramenti dei Veterani. Ancora una volta si gioca nella nostra palestra (riscaldata… e scusate se di questi tempi è poco!) e nuovamente siamo tutti soddisfatti (giocatori di casa e ospiti) di come si è svolta la manifestazione. Buon livello di gioco, sano agonismo e allegria. Per la cronaca degli incontri c’è da rimarcare l’assoluta superiorità degli amici di Nulvi. Troppo forti per tutti gli altri Oladimeji Basiru Taiwo “Giacomo” e Cesare Mozzi. Vincono tutte le partite senza perdere un singolo incontro e si aggiudicano il girone D a punteggio pieno. Noi della Torrellas Capoterra ci presentiamo con la nostra formazione quasi al completo: Massimo Carta; Felice Rasulo; Celestino Pusceddu; Luigi Congiu. Manca all’appello solo Gabriele Aresu, che però porta una bellissima giustificazione. Siccome però l’argomento è importante e ampio, vorrei lasciare a lui l’opportunità di parlarne approfonditamente, magari in un’altra occasione. Perdiamo prima (3-1) contro l’Azzurra di Maurizio Piano e Alessandro Polese e poi perdiamo (3-0) con il fortissimo Nulvi. Da rimarcare la buonissima prestazione di Rasulo che perde alla bella sia con Piano che con Mozzi. È mancato davvero un soffio. Che dire? Come al solito una manifestazione divertente e giocata con il giusto agonismo che ci vedrà senz’altro presenti anche nelle prossime edizioni.

Gianfranco Soi (TT Decimomannu):

Il Decimomannu non aveva che poche chance di passare il turno sia per il valore degli avversari sia per quanto successo nella prima giornata con due sconfitte di cui quella con il Capoterra molto pesante per il prosieguo del torneo. Soi e Saiu sono andati ad affrontare avversari di una certa levatura con due obiettivi diversi: Saiu allenarsi per l’imminente inizio del girone di ritorno della C2, Soi per verificare il gap che lo separa da giocatori più forti. Il risultato è stato gratificante per Saiu che con le sue tre vittorie su tre in singolo ha dimostrato una condizione quasi ottimale. Un po’ meno per Soi, che ha subito dure e preventivabili lezioni da avversari superiori. in questi alti e bassi il Decimo ha perso con La Saetta anche a causa di un doppio non perfetto. Poi, a sorpresa, grazie alle vittorie di Saiu nei singoli (5 set con Piano) e a un doppio giocato punto a punto (concluso al quinto set), ha raggiunto una vittoria di prestigio. L’obiettivo per l’anno prossimo è passare il turno.

Riprendono i campionati

Prima giornata di ritorno per diversi campionati. In A2 maschile (girone A), la vicecapolista Marcozzi Cagliari Blu sarà impegnata sul campo della Villa d’Oro Modena (sabato 18 gennaio 2020).

Nel girone B, la leader imbattuta Tennistavolo Norbello verrà ospitata, sempre sabato sera, dal Torre del Greco. Il fanalino di coda Marcozzi Cagliari Rossa giocherà sabato a Pescara.

Trasferta pure per il Tennistavolo Sassari, in B1 maschile, che sabato affronta il Bernini TT Livorno.

Tra le sarde di B2 solo il Santa Tecla Nulvi fa gli onori di casa (sabato a Sedini, via Lussu 2/B) all’Eos Roma Titan.

Muravera e Muraverese si metteranno in viaggio rispettivamente verso Capua (sabato) e Napoli (domenica).

Anche in C1 il Santa Tecla Nulvi riceve a Sedini l’Eos Roma. Ma il match di cartello sarà quello tra la capolista Il Cancello Alghero e la Muraverese, che la segue a una lunghezza di distanza (Alghero, domenica, via Grandi, ore 10:00). Il giorno prima il Guspini volerà a Roma per confrontarsi col Maccheroni.

In C2 regionale le due leader Tennistavolo Sassari e Fermi Iglesias affrontano rispettivamente il Decimomannu (domenica, corso Cossiga, ore 11), e Tennistavolo Azzurra (sabato, Cagliari, via Carpaccio, ore 17).

Nel girone A della D1 i campioni d’inverno del Tennistavolo Sassari ospitano il Quattro Mori (domenica, corso Cossiga, ore 11).

Nel girone B due sono gli incontri rilevanti: il derby cittadino tra la capolista Muravera e la Muraverese (sabato, 16:30, viale Rinascita) e la rea dei conti tra seconde: Azzurra Cagliari e San Orione Rosmarino B (via Carpaccio, ore 17:00).

In campo anche i gironi D ed E della D2.