Carla Cuccu (M5S) replica alle dichiarazione della collega Desirè Manca

Carla Cuccu: "necessario scendere in terreni alieni per farsi comprendere."Non e' nel mio stile prestarmi per dare visibilita' a chi cerca di prendersela sfrontatamente".

Carla Cuccu: “necessario scendere in terreni alieni per farsi comprendere.”Non e’ nel mio stile prestarmi per dare visibilita’ a chi cerca di prendersela sfrontatamente”.
“Tuttavia, a volte e’ necessario dare un contentino e scendere in terreni alieni per farsi comprendere anche da costoro”. Così comincia la replica della consigliera pentastellata alle dichiarazioni della Manca che tenta di giustificare l’unilaterale ed illegittima decisione di rimuoverla dalla VI commissione permanente”.
“La replica di Desirè Manca conferma l’inconfutabile, e cioè che è stato disposto il mio ricollocamento in una riunione che non prevedeva  tale argomento all’ordine del giorno. Spieghino poi, la Manca e gli altri tre colleghi perché è stata rigettata la mia richiesta di effettuare la registrazione audio delle riunioni e i motivi per cui era stata fatta tale richiesta”.
“È tale rifiuto, accompagnato dall’abitudine di disdire le convocazioni e riconvocarle all’ultimo momento, che mi ha impedito di partecipare alle riunioni da fine ottobre, come via p.e.c. ho sempre rappresentato ai quattro colleghi”.
” Fatto sta che non mi si può contestare alcuna violazione in quanto mi sono sempre uniformata alle indicazioni che ho richiesto al gruppo di darmi via p.e.c.. Comunque, non appena verrà accettata la mia richiesta di registrare le riunioni e di verbalizzare secondo quanto risultante dalle registrazioni non avrò problemi a riprendere la partecipazione alle riunioni di gruppo, quando non indette all’ultimo secondo”.
“Certo che per chi e’ avvezzo a interpretare il linguaggio corporeo e scritto non puo’ non cogliere le contraddizioni e le mistificazioni della realta’ fatte dalla Manca che parla di polemiche per celare, in realtà, atti vessatori di sopraffazione denunciati a suo tempo anche dalla collega Elena Fancello che dichiaro’ alla stampa “io e la collega Cuccu bullizzate dalla Manca”.
“Infatti, la Manca ha volutamente omesso di dire che la prassi della p.e.c. nelle comunicazioni l’ho dovuta introdurre io all’indomani delle loro mancate risposte per le incomprensibili esclusioni, mia e della collega Fancello, dall’incontro istituzionale col premier Conte e dalla cointestazione del conto corrente ove versare le somme delle nostre restituzioni”.
“Si e’ reso, purtroppo, necessario avere prove da esibire al M5S ove giungono continue segnalazioni per fatti narrati difformemente dal reale”. Nei suoi chiarimenti la Cuccu specifica che “non corrisponde al vero che mi informano su tutto; prova ne e’ che anche delle recenti conferenze stampa, da loro quattro indette ed a quelle ove hanno presenziato col resto dell’opposizione, io ne ero all’oscuro; pur essendo stati presentati atti sottoscritti anche da me”.
“Appare singolare che l’avvicendamento nelle commissioni sia stato attuato solo per la scrivente; chissà quale volontà oscura (ma non troppo) si cela dietro questa bizzarra decisione!
In ogni caso, continuerò ad occuparmi anche della commissione sanità, come previsto dal regolamento del Consiglio regionale, portando avanti il lavoro già programmato ed il nuovo che emergerà, restando come riferimento per i cittadini che vorranno segnalare criticità e formulare proposte”.