Radio Internazionale Costa Smeralda ha spento 41 candeline

Programmi nuovi, format originali, idee e iniziative capaci di cogliere l’attimo.

Cinquanta protagonisti del mondo della moda, quarantotto associazioni del territorio protagoniste, oltre quaranta invitati, venti Dj ospiti del pomeriggio di Radio Internazionale, otto concerti live, 15 notiziari ogni giorno, serate estive in spiaggia, intrattenimento al Mercato Porto Romano. Grazie alla presenza in studio di eccellenti ospiti si sono affrontati temi scottanti, che hanno avuto eco nazionale. Questi alcuni numeri del 2019.

Fra le novità spiccano i cinque candidati alla presidenza della Regione, che hanno scelto la diretta di Radio Internazionale per far conoscere i propri programmi elettorali e i Cinque Sindaci del territorio (Olbia, Golfo Aranci, Loiri Porto San Paolo, Tempio e Arzachena) che hanno accolto l’invito di interagire mensilmente con i propri concittadini utilizzando la radio.

L’emittente ha seguito il Carnevale Tempiese e ha accompagnato il Carnevale di Olbia curandone la comunicazione. Ha dato voce alla città ospitando ogni settimana ognuno dei comitati di quartiere, che ha potuto raccontare la città da una diversa prospettiva.

Radio Internazionale è entrata nel meraviglioso mondo dei Bambini delle scuole elementari e degli studenti dei licei cittadini. Ha seguito tante discipline sportive, ospitandone i protagonisti.

Per la prima volta, nel corso dell’anno, è stato possibile ascoltare Radio Internazionale Costa Smeralda, a bordo degli autobus Aspo di Olbia. Un segnale importante, che rafforza il legame sempre più stretto fra l’emittente e il territorio che dal 1990 ne ospita gli studi.

Il 2019 è stato l’anno delle conferme anche sul mercato pubblicitario.

C’è molto da fare e per tutti è possibile migliorare. Nel corso del 2020 prenderanno forma ancora tante iniziative, alcune delle quali già in cantiere.

Il grazie va a chi ci ha creduto e ci crede ancora, nonostante le difficoltà che questa, come molte aziende del territorio, deve affrontare per assolvere al ruolo che deriva dall’essere l’unica voce radiofonica della città che, senza sosta da 41 anni, racconta ciò che accade senza filtri, dando voce ai protagonisti in prima persona.