Cancro alla prostata: gli scienziati sviluppano un test delle urine a casa

I ricercatori inglesi hanno sviluppato un test delle urine per rilevare il cancro alla prostata a casa. Con questo dispositivo, gli scienziati sperano di facilitare questo delicato momento per gli uomini ed evitare che vengano sottoposti a test di screening intrusivi, come un esame rettale digitale.

A conclusione dell’evento annuale che si svolge nel corso del mese di novembre, organizzato dal movimento Movember (da “Moustache”, parola inglese per baffi, e “November”) per raccogliere fondi e diffondere consapevolezza sul carcinoma della prostata ed altre patologie, i ricercatori della East Anglia University (UEA) e del Norfolk e Norwich University Hospital in Inghilterra hanno presentato un nuovo test per diagnosticare il cancro alla prostata.

Chiamato “PUR” (Rischio di Urina Prostatica), il test si presenta sotto forma di un kit di raccolta. In questo studio, pubblicato sulla rivista BioTechniques, i medici spiegano che sarà sufficiente per il paziente raccogliere le urine da casa per valutare il rischio di sviluppare il cancro alla prostata, che è la forma più comune di cancro negli uomini.

Per valutare l’efficacia del test PUR, i ricercatori hanno reclutato 14 uomini sottoposti a esami rettali digitali, uno dei metodi principali per rilevare il carcinoma prostatico (con sangue, risonanza magnetica e biopsia). I partecipanti sono quindi tornati a casa, dove hanno dovuto sostenere il test PUR per una seconda valutazione del rischio di sviluppare il cancro alla prostata.

Gli scienziati hanno confrontato i risultati ottenuti da questi due test.

Abbiamo scoperto che i campioni di urina prelevati a casa hanno mostrato i biomarcatori del cancro alla prostata molto più chiaramente rispetto a dopo un esame rettale e i commenti dei partecipanti hanno mostrato che i pazienti preferiscono eseguire il test a casa – afferma. Dr. Clark.

Questo nuovo dispositivo, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, potrebbe anche essere utilizzato per valutare il livello di aggressività del cancro e quindi aiutare a determinare fino a cinque anni prima rispetto ai metodi clinici standard se i pazienti avranno bisogno di cure o meno.

Ciò significa che un test negativo potrebbe consentire agli uomini di sottoporsi a un nuovo test ogni due o tre anni, il che ridurrebbe lo stress per il paziente e il carico di lavoro in ospedale – afferma il dott. Clark.

Questa è una soluzione molto efficace per la salute, perché questo test ci dà l’opportunità di evitare esami non necessari per molti uomini – afferma l’autore dello studio Robert Mills, un chirurgo consulente di urologia presso il Norfolk e il Norwich University Hospital.

Se la data di disponibilità del test PUR non è ancora nota, gli autori dello studio sperano comunque di commercializzare il kit “presto”.