Borutta. La valorizzazione del Patrimonio Musicale come attrattiva turistica: su cantu a chiterra

Dopo la ciclopedalata alla scoperta dei territori del Meilogu, protagonista delle festività natalizie sarà la musica, parte integrante di una offerta turistica che arriva già informata delle specificità culturali che sta andando a visitare e quindi ne rimane pienamente coinvolta. Due serate al Centro Polivalente che avranno come fulcro la riscoperta della cultura orale, voce e anima del territorio, attraverso la musica tradizionale. La serata di venerdì 27, coordinata da Tore Matzau inizierà alle ore 21.

Le proiezioni di vecchi filmati amatoriali sul “Canto sardo” del Meilogu a cura di Mario Dore e Bastiano Lai, faranno da cornice ai Cantadores de su Meilogu – da Borutta, Bonnanaro, Cheremule, Thiesi, Torralba, Bessude, Cossoine, Banari, More e Abbasanta e Sassari –  accompagnati alla chitarra da Andrea Murgia, Piero Nieddu, Antonello Marras, Nicola Saba, Mauro Galleri, Lorenzo Mele e Luciano Sanna. (nella locandina allegata l’elenco di tutti i cantadores suddivisi per comune). Sabato 28 dicembre sarà Vaanessa Denanni a presentare la serata in ricordo di Tonio Nieddu , un amigu intendidore de su cantu sardu. Alle 11 del mattino partirà un tour turistico del “Canto Sardo” alla scoperta dei luoghi fonte di ispirazione dei cantadores.

Il tour sarà seguito alle ore 17 dal dibattito aperto dal titolo “Scriviamo la nuova carta del canto sardo a Chiterra” al quale parteciperanno professor Rolando Piana e dottor Uccio Malgari. Il dibattito analizzerà il patrimonio musicale del Meilogu, un valore aggiunto da far crescere e sviluppare, documentare in maniera esaustiva nelle sue fasi di trasformazione ed evoluzione in modo da rendere il territorio ancora più riconoscibile, destagionalizzabile, e interpretabile in una pluralità di livelli che aiutino però innanzitutto al miglioramento della qualità della vita degli abitanti stessi.

Per arrivare ad una proposta specifica sarà necessario mettere in atto una serie di interventi volti a riappropriarsi delle proprie tradizioni e diffondere il cantu sardu a chiterrra alle nuove generazioni. Sabato alle 21 alla gara di canto sardo in onore di Antonio Nieddu parteciperanno Stefano Soggiu, Frano Dennani, Daniele Giallara, Antonio Porcu, Marco Manca, Franco Figos, Daniele Calbini, Tino Bazzoni, Gianni Dennani, Pino Masala, Matteo Dore e Su Cunsonu de Santu Juanne di Thiesi. Gli artisti saranno accompagnati alla chitarra da Pietro Nieddu, Bachisio Masia e da Nino Manca. Sia venerdì che sabato le serate si concluderanno con una cena a base di eccellenze enogastronomiche del Meilogu.

[foto id=”292484″]