Protezione civile: il M5S chiede massima trasparenza sul nuovo direttore generale

Significative esperienze di direzione nelle materie afferenti l’incarico. Sì, ma quali? Quali sono queste “significative esperienze” citate nella delibera con la quale la Giunta ha nominato il Direttore Generale della Protezione Civile? Lo chiedo al Presidente della Regione come capogruppo del M5S e come cittadina.

 

Anche perché, sul sito della Regione Sardegna, il curriculum del neodirettore non c’è. Ancora non è stato pubblicato. Ancora una volta i cittadini non sono stati informati, come invece previsto dalla legge. Ancora una volta la pagina web istituzionale della Regione Sardegna non brilla per trasparenza ma piuttosto per opacità.

 

Difficile se non impossibile reperire informazioni utili e quindi anche farsi un’idea di quanto significative siano queste esperienze per aver fruttato una poltrona da direttore generale all’ingegner Antonio Pasquale Belloi. Il suo curriculum è pubblicato però sul sito del Comune di Nuoro.

 

Da qui apprendiamo che l’ingegner Belloi, assessore fino a settembre 2018 a Nuoro, ha una laurea specialistica in ingegneria Edile-Architettura, ma, attenzione, non l’esperienza almeno quinquennale in funzioni dirigenziali acquisita in ambito pubblico o privato, come previsto dalla legge regionale n° 31 del 1998. Questo è quanto risulta dagli atti pubblici. Ma attendo delucidazioni e spero che la Giunta possa fornirle al più presto. Sulla nomina del direttore Belloi, inoltre, mi risulta sia stato presentato anche un esposto alla Procura della Repubblica.

Così la capogruppo del M5S, Desirè Manca, chiede nuovamente la massima trasparenza sulle nomine regionali e stavolta lo fa attraverso un’interrogazione in Consiglio. Manca già lo scorso luglio aveva chiesto chiarimenti al Governatore in merito alla nomina dei consulenti Magi e Stevelli, oggi la richiesta riguarda la nomina del direttore generale della Protezione Civile, ingegner Belloi.

La capogruppo del M5S vuole vederci chiaro:

La delibera di Giunta regionale n° 25/5 del 2019 attesta inoltre, piuttosto genericamente, che Belloi ha maturato “significative esperienze di direzione”. Una motivazione non solo alquanto superficiale ma anche “fotocopia”, dal momento che pare una mera formula di stile utilizzata in diverse delibere di Giunta sul tema affidamento incarichi. I dirigenti della Regione Sardegna hanno tutti in comune “significative esperienze”, ma quali siano non è dato saperlo. Ebbene – conclude Desirè Manca – per il conferimento dell’incarico di direttore generale è necessario aver maturato esperienza almeno quinquennale nello svolgimento di funzioni dirigenziali. Tenuto conto che questa esperienza, per quanto riguarda il neodirettore, non è verificabile, chiedo di poter avere tutte le informazioni necessarie a chiarire ogni dubbio, mio e dei miei concittadini.