Mani Tese cerca 200 volontari a Cagliari e Quartucciu per sostenere l’educazione

La campagna natalizia di Mani Tese “Molto più di un pacchetto regalo” quest’anno sosterrà i progetti di educazione per le bambine e i bambini in Benin e in Guinea-Bissau, dove l’analfabetismo colpisce circa la metà della popolazione.

Più informazioni su

Studiare è un diritto di tutti e di tutte. Ma per molti, purtroppo, non è così. Per questo motivo, la campagna Molto più di un pacchetto regalo, l’iniziativa di raccolta fondi natalizia di Mani Tese, quest’anno sarà a favore dei progetti di sviluppo per l’educazione di bambini e bambine e ragazzi e ragazze in Benin e in Guinea-Bissau.

Giunta alla sua XIII edizione, la campagna Molto più di un pacchetto regalo! interesserà 50 città e più di 90 librerie e raccoglierà fondi che andranno a sostegno dell’educazione delle bambine in Benin, delle ragazze vittime di violenza di genere e di matrimoni forzati e precoci e dei ragazzi privi di sbocchi lavorativi in Guinea-Bissau.

Come funziona la campagna di Mani Tese?

Per realizzarla, Mani Tese cerca 200 volontari a Cagliari e Quartucciu per impacchettare regali nelle librerie. I volontari e le volontarie di Mani Tese confezioneranno libri e oggetti acquistati dai clienti nel periodo prenatalizio (dal 7 al 24 dicembre 2019). Le librerie interessate sono laFeltrinelli Village del Centro Commerciale “Le Vele” a Quartucciu e Ubik in via Sidney Sonnino 186/A a Cagliari.

Le offerte raccolte dai volontari andranno a supporto di tre progetti di cooperazione allo sviluppo di Mani Tese in Benin e in Guinea-Bissau di cui diamo sintetica descrizione in coda a questo comunicato:

  • studiare per poter contare;
  • studiare per difendersi;
  • studiare per realizzare i propri sogni.

Chi può partecipare?

Chiunque può partecipare alla campagna “Molto più di un pacchetto regalo!”, purché abbia compiuto 16 anni e possa offrire almeno 2 ore del proprio tempo.

Come aderire?

Per diventare volontari della campagna “Molto più di un pacchetto regalo!” è sufficiente iscriversi attraverso il form nella sezione “Molto più di un pacchetto regalo!” sul sito di Mani Tese dando la disponibilità per la città nella quale si preferisce fare volontariato.

In alternativa è possibile contattare direttamente la referente locale ai recapiti 3462324731 e cagliari@manitese.it.

Gli incontri informativi

Per tutti i volontari e gli aspiranti volontari ci sarà l’occasione per conoscere tutti i dettagli dell’iniziativa, partecipando a uno dei due incontri informativi organizzati per presentare i progetti di sviluppo in Guinea-Bissau e in Benin e per illustrare i compiti dei volontari. Ci sarà anche l’opportunità di aderire alla proposta di volontariato.

  • Lunedì 25 novembre alle 18:30 nella libreria Ubik in via Sidney Sonnino 186/A a Cagliari.
  • Lunedì 2 dicembre alle 16:00 nel Centro diurno ANFFAS in via Praga snc a Selargius.

Mani Tese

Informazioni e contatti

Per una sintetica presentazione dell’iniziativa è possibile visitare il nostro blog http://manitese-ca.blogspot.com/ e per rimanere aggiornati sulle iniziative del Gruppo di Cagliari invitiamo a visitare la nostra Pagina Facebook Mani Tese Gruppo di Cagliari.

Di seguito i progetti sovvenzionati da “Molto più di un pacchetto regalo!” 2019.

Studiare per poter contare

In Benin più della metà della popolazione è analfabeta, cifra che per le donne si abbassa addirittura al 27%. Nei comuni di Natitingou, Toucountouna e Kouandé, il tasso di dispersione scolastica sale vertiginosamente: basti pensare che solo nel primo trimestre dell’anno scolastico 2018-2019, l’8% dei bambini iscritti ha abbandonato la scuola.

Il dipartimento dell’Atacora, dove si svolge il progetto di Mani Tese, in particolare, registra un elevato tasso di dispersione scolastica che sta aumentando di anno in anno e si sta diffondendo in varie località a causa, da un lato, del fenomeno dell’esodo rurale massiccio delle popolazioni verso la Nigeria, che comprende anche il traffico di minori, e dall’altro, del persistere di retaggi culturali che spingono i genitori a impiegare le ragazze nei lavori di casa e i ragazzi come forza lavoro nei campi.

Sono in particolare le bambine a non frequentare la scuola o ad abbandonarla precocemente. Le famiglie, quando raggiungono gli 8-9 anni, le coinvolgono nei lavori in casa – come la cura dei fratelli più piccoli, la pulizia e la cucina o il recarsi a prendere l’acqua – che non consentono loro di avere più il tempo per l’istruzione.

Il progetto SCUOLA, DIRITTI E AGROECOLOGIA PER LE BAMBINE E LE DONNE di Mani Tese intende favorire l’istruzione delle bambine attraverso la formazione e la sensibilizzazione sull’importanza della loro educazione. Queste attività sono svolte con i genitori, gli insegnanti, i leader delle comunità ma anche i bambini e le bambine stesse, che vengono coinvolte per costruire una società dove i diritti delle donne, a partire da quello allo studio, siano rispettati.

Studiare per difendersi

La Guinea-Bissau è uno dei sei stati dove si registra il maggior numero di matrimoni precoci di tutta l’Africa (fonte Unicef). Si stima che la percentuale delle donne sposate minori di 18 anni sia infatti del 27% (rapporto Save The Children 2017). Molte ragazze, a causa del matrimonio precoce e della gravidanza, non terminano la scuola. Per eliminare i matrimoni delle bambine entro il 2030, il Paese dovrebbe raggiungere un tasso di riduzione annuale del 19%. Oggi raggiunge solamente il 3,9% (fonte Unicef).

Grazie alla casa rifugio sostenuta da Mani Tese, nell’ambito del progetto LIBERE DALLA VIOLENZA: DIRITTI ED EMANCIPAZIONE PER DONNE E BAMBINE IN GUINEA-BISSAU, le ragazzine vittime di matrimonio forzato e precoce possono sfuggire a questo drammatico destino e trovare un luogo sicuro che fornisca loro – oltre che protezione – un’educazione che le aiuti a diventare consapevoli dei propri diritti e a imparare un mestiere con cui poter essere indipendenti.

Studiare per realizzare i propri sogni

In Guinea-Bissau oltre il 40% della popolazione sopra i 15 anni è analfabeta (Istituto Nazionale di Statistica della Guinea Bissau, 2014). Secondo il rapporto di Save the Children 2017, i minori costretti a lavorare sono ben il 51%. Molti ragazzi e ragazze vivono inoltre in condizioni precarie e sono privi di opportunità lavorative all’interno del proprio territorio.

Mani Tese, con il progetto RIPARTIRE DAI GIOVANI, offre loro una formazione sia scolastica che extrascolastica attraverso borse di studio, corsi e tirocini professionalizzanti in ambito imprenditoriale e informatico per favorire la creazione di nuovi sbocchi lavorativi.

Mani Tese

Più informazioni su