Città europea dello sport 2019. Nel salone d’onore del CONI la conclusione di un’annata indimenticabile

Con la cerimonia di stamattina nel salone d’onore del CONI, a Roma, si avvia a conclusione l’annata dedicata a Oristano Città europea dello sport

Più informazioni su

Con la consegna della ciottola per le benemerenze europee dello sport e della salute, Oristano è entrata nel club delle città che da 30 anni si fregiano del titolo di città europea dello sport.

A consegnare l’ambito riconoscimento al Sindaco di Oristano Andrea Lutzu e al Presidente della Commissione Sport del Consiglio comunale Davide Tatti sono stati il Vice Presidente del CONI Alessandra Sensini, il Presidente di Aces Europe Gian Francesco Lupatelli, il Presidente del Club della ciotola Sonia Viale e il Presidente onorario del Movimento sportivo popolare Italia Silvia Costa.

salone d'onore del CONI

“È stata un’annata eccezionale per lo sport oristanese – hanno detto il Sindaco Lutzu e il Presidente Tatti al termine della cerimonia -. Mai come quest’anno Oristano ha ospitato tante manifestazioni di grande spessore tecnico e di rilievo anche internazionale. Scherma, pallavolo, kite surf, pallacanestro, equitazione, tennis, calcio, boxe, atletica, maschile e femminile con una sensibilità particolare per le disabilità e il sociale, ma anche per l’impiantistica sportiva con l’inaugurazione del nuovo palasport da 3000 posti a sedere, Oristano città europea dello sport è stato un mix sportivo e promozionale di grande impatto che ha premiato lo sforzo di tutta la città. Adesso la scommessa è conservarci su questi livelli, già dal 2020. Ma ancora prima speriamo di poter chiudere questa annata con un altro evento di livello internazionale”.

Questa mattina, a Roma, alla presenza del Presidente del CONI Giovanni Malagò e di tanti rappresentanti delle istituzioni nazionali e locali e di tanti campioni dello sport tra cui l’ex difensore della Juventus e della nazionale Moreno Torricelli, sono state ufficializzate anche le città europee dello sport 2020: Potenza, Rieti, Sieni e Terni. Ufficializzata anche Genova come Capitale europea dello sport 2024.

Più informazioni su