Carbonia. Mostra “In miniera tra i presepi”

Il 24 Novembre scadono i termini per la presentazione delle domande di partecipazione

Si rinnova anche quest’anno l’appuntamento con la mostra “In miniera tra i presepi”, giunta alla sua IX edizione, il cui svolgimento è in programma dall’8 Dicembre 2019 al 6 Gennaio 2020 presso la Grande Miniera di Serbariu.

Sarà possibile ammirare le opere realizzate da scuole, parrocchie, associazioni, privati cittadini, artigiani e artisti, in esposizione al Museo del Carbone per tutto il periodo natalizio.

 

La nuova edizione della mostra presenta novità di rilievo: i partecipanti potranno esporre dei mini presepi o degli alberi di Natale con decorazioni artigianali. Via libera quindi alla fantasia per trasformare carta, legno, metallo, ceramica e materiali vari in piccole natività o splendide decorazioni natalizie per l’albero.

Quest’anno cambieranno sia le dimensioni delle opere che la loro posizione: presepi e alberi di Natale saranno esposti nella sala principale del Museo – invece che nella Sala Docce come avveniva negli scorsi anni – e dovranno quindi avere determinate caratteristiche in termini di struttura e dimensioni.

La partecipazione – per esporre in concorso o fuori concorso – dovrà essere confermata telefonicamente entro Domenica 24 Novembre 2019 al numero di telefono 0781/62727 negli orari di apertura del museo (10.00 – 17.00, escluso il lunedì) o tramite email ai seguenti indirizzi: marketing@museodelcarbone.itamministrazione@museodelcarbone.it. Le opere potranno essere consegnate dal 29 Novembre al 6 Dicembre 2019.

La mostra sarà visitabile gratuitamente dall’8 Dicembre 2019 al 6 Gennaio 2020. Fino al 4 Gennaio sarà consegnato a ciascun visitatore un singolo modulo per votare l’opera preferita in ciascuna delle due categorie. La premiazione si svolgerà, come tutti gli anni, nel pomeriggio del 6 Gennaio durante la festa denominata “La Befana in Miniera”.

Le informazioni complete sono disponibili anche sul sito internet www.museodelcarbone.it e sulla pagina Facebook del Museo.