Cadavere trovato al largo di Durazzo: per ora è impossibile il riconoscimento

Un cadavere in avanzato stato di decomposizione, verosimilmente il corpo di una donna, è stato "catturato" a circa 70 metri di profondità al largo della costa adriatica, in prossimità del Capo di Rodoni e di Kepi di Bishti i Palles, non lontano da Durazzo, a circa sei miglia marine dalla costa, a circa 70 km da Otranto e Brindisi.

Il corpo è stato recuperato e portato nelle strutture dell’ospedale di Durazzo, dove verrà effettuata l’autopsia e tutti gli accertamenti necessari per identificarlo e stabilire le cause del decesso.

Al momento non è stato possibile neppure attribuire un’età al cadavere, che sicuramente era in acqua ormai da molto tempo. Le indagini sono state affidate alla Polizia albanese, che stanno analizzando le denunce di scomparsa presentate negli ultimi mesi.

Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, la notizia potrebbe riguardare anche persone scomparse sulla costa italiana dell’Adriatico e quindi è importante che anche le nostre autorità si attivino in merito.