Panna cotta richiamata a causa di rischio microbiologico: l’annuncio del MinSal

Come spiega l’avviso di richiamo del Ministero della salute, il ritiro si è reso necessario a causa della presenza di alterazione organolettica, per l'elevato tenore di carica microbica mesofila.

Una nuova allerta alimentare per prodotti potenzialmente pericolosi è stata svelata oggi dal Ministero della Salute, nella sezione del proprio portale web, dedicata agli avvisi di sicurezza e ai richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori.

La panna cotta ritirata

Questa volta il ritiro da tutti gli scaffali dei negozi italiani riguarda la PANNA COTTA AL CREME CARAMEL UHT a marchio CRAI SECOM SPA. Nel dettaglio, il prodotto interessato dall’avviso sono tutti i lotti con scadenza 31/01/2020, 29/02/2020 e 19/03/2020 prodotti per CRAI dalla ditta Alinor SpA, nello stabilimento di via V. Veneto a Ripalta Cremasca (CR). Il prodotto interessato dal ritiro è venduto in confezioni da 200 grammi (2×100 g).

panna cotta crai

Perché è stata ritirata?

Come spiega l’avviso di richiamo, che risale in realtà al 9 ottobre scorso ma è stato reso noto solo oggi dal Ministero, il ritiro si è reso necessario a causa della presenza di alterazione organolettica (odore acre, gusto amaro) causata da un elevato tenore di carica microbica mesofila.

Chi avesse già acquistato l’alimento,evidenzia Giovanni D’agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, non deve consumarlo ma restituire il prodotto nel punto vendita di acquisto, che si incaricherà di ritiralo per conto del produttore.