Nove anni chiusi in una cantina: “Aspettavamo la fine del mondo”

E’ successo in Olanda, un’intera famiglia ha vissuto per nove anni in una fattoria nel bosco di Ruinerwold, senza nessun contatto con il mondo esterno

Più informazioni su

Sepolti nella cantina della loro fattoria, nella provincia di Drenthe, hanno aspettato per nove lunghi anni la fine del mondo, finché il figlio più grande, stanco di vivere in quel modo è scappato e si è rifugiato in un pub del villaggio più vicino, raccontando in modo confuso tutti i dettagli di questa assurda vicenda.

La Polizia ha immediatamente provveduto a perquisire la fattoria isolata, trovando uno scenario che ha dell’inverosimile. Un uomo di 58 anni allettato a causa di un ictus e sei ragazzi tra i 18 e i 25 anni, alcuni di essi non avevano nemmeno la percezione che il mondo fosse abitato da altre persone.

Si sospetta, perfino, che la madre dei ragazzi sia morta e sepolta nella fattoria. Si nutrivano grazie al latte (avevano una capra) e hai prodotti dell’orto. I ragazzi, mai registrati all’anagrafe, avevano i capelli lunghi, vestiti sporchi e, indipendentemente dall’età, parlavano in modo infantile e confuso. Pare che l’uomo avesse convinto i bambini più piccoli di essere gli unici rimasti al mondo, e secondo quanto sospettato dalla Polizia, il 58enne non era nemmeno il padre dei ragazzi. I vicini sconcertati hanno affermato di non avere la minima idea che in quella fattoria vivesse qualcuno al di fuori del proprietario, il quale non parlava mai con nessuno e allontanava bruscamente chiunque cercasse di avvicinarsi alla sua proprietà.

Una vicenda avvolta nel mistero, ancora troppe domande senza risposta, ma intanto l’uomo è stato arrestato per aver rifiutato di collaborare con la Polizia.

I sei ragazzi, trasferiti in un Istituto, avranno tutto il tempo per tornare alla realtà e comprendere che non c’è nessun imminente giorno del giudizio, mentre l’uomo responsabile di tutto questo, forse, dovrà fare i conti con la sua personale fine del mondo.

 

 

 

 

 

Più informazioni su