Cagliari: il 25 ottobre, la presentazione de “I soldi della Chiesa” di Mimmo Muolo

L’iniziativa è promossa da UCSI Sardegna in collaborazione con la Diocesi di Cagliari, l’Ufficio diocesano Comunicazioni sociali, Sovvenire e la Libreria Paoline di Cagliari.

L’evento, al quale sarà presente l’autore, sarà introdotto dal presidente di UCSI Sardegna Andrea Pala e moderato dalla giornalista, vicecaporedattore TGR Sardegna, Incoronata Boccia.

Il libro: “I soldi della Chiesa”

La Chiesa è ricca o povera? Che differenza c’è tra Stato Vaticano e Santa Sede? Da dove arrivano le risorse e come vengono impiegate? A queste e altre domande cerca di rispondere Mimmo Muolo, per sgombrare il campo da luoghi comuni ed equivoci che spesso circolano quando si parla dei «soldi della Chiesa».

Si spiega, quindi, il meccanismo di distribuzione dell’8×1000, grazie al quale è possibile realizzare pratiche di solidarietà sempre più diversificate e adeguate alle necessità del nostro tempo: dalle social cards che forniscono un aiuto immediatamente spendibile, per esempio, alla messa a disposizione di appartamenti per gli sfrattati. Non si tratta più semplicemente, cioè, di una carità assistenziale, ma di iniziative rispettose della dignità umana. È questo il salto di qualità richiesto a chi intenda impegnarsi per gli altri nello spirito della povertà evangelica.

L’autore: Mimmo Muolo

Mimmo Muolo, vaticanista e vicecapo della redazione romana di Avvenire, ha seguito per il quotidiano cattolico italiano la seconda parte del pontificato di San Giovanni Paolo II e fin dall’inizio quelli di Benedetto XVI e Francesco.

Ha pubblicato “Messaggio in bottiglia, romanzo” (Schena, 2009), “Don Ernest Simoni, dai lavori forzati all’incontro con Francesco” (Paoline, 2016), “I soldi della Chiesa” (Paoline Editoriale Libri, 2019) ed è anche autore di due lavori teatrali: “Bene comune” e “Il Papa e il Poeta”, più volte rappresentati in tutta Italia. Per Ancora ha realizzato Generazione GMG (2011; aggiornato in versione e-book, 2016) e Le feste scippate (2012).

[foto id=”289220″]