Ultimi giorni per iscriversi al 1° Master di Danza ed Inclusione Sociale

MaDIS – ultimi giorni per iscriversi al primo Master di 1° Livello in Danza e Inclusione Sociale promosso dall’Accademia Nazionale di Danza (MIUR) in collaborazione con l’Associazione Enti Locali per le Attività Culturali e di Spettacolo, il CeDACTersicoreaMaya Inc. e l’ASMED.

Un percorso di formazione e alta specializzazione rivolto ad artisti e operatori – laureati in Danza e Discipline dello Spettacolo, in Scienze Motorie, Psicologia e Antropologia – per la creazione di un “modello di creatività contemporanea” capace di rispondere alle istanze della società in cui l’arte coreutica diventa strumento di conoscenza e interazione per combattere i   pregiudizi e superare le barriere psicologiche e fisiche, linguistiche e culturali.

Scadono il prossimo 15 settembre i termini per iscriversi al MaDIS, il primo Master di 1° Livello in Danza e Inclusione Sociale promosso dall’Accademia Nazionale di Danza (MIUR) in collaborazione con l’Associazione Enti Locali per le Attività Culturali e di Spettacolo, il CeDACCircuito Multidisciplinare dello Spettacolo in Sardegna, l’associazione Tersicorea/ Officina delle arti sceniche e performative, la cooperativa Maya INC e l’ASMED/ Associazione Sarda Musica e Danza.

Il MaDIS nasce in risposta alle istanze del territorio con l’obiettivo di formare operatori capaci di coniugare nuove drammaturgie del corpo e percorsi d’integrazione attraverso un nuovo “modello di creatività contemporanea” in grado di incidere positivamente sulla realtà, dialogando con le istituzioni e mettendo in relazione individui e gruppi per superare le barriere invisibili all’interno della moderna società multietnica.

Il MaDIS intreccia competenze differenti che spaziano dall’ambito coreutico allo studio e la comprensione delle dinamiche interpersonali: il corso di formazione e alta specializzazione è infatti rivolto a laureati in Danza e Discipline dello Spettacolo, in Scienze MotoriePsicologia e Antropologia in Italia e all’estero. Tra i docenti, la danzatrice e coreografa Francesca La Cava , coordinatrice del Master e docente di Tecnica di Danza Contemporanea all’Accademia Nazionale di Danza di Roma e coreografi come Andrea Gallo Rosso, con il progetto “Moving Closer – verso Pièce per CINQUE” che comprende un laboratorio e un tirocinio su tecniche di improvvisazione e danza di comunità e Stefano Mazzotta con il laboratorio di scrittura coreografica “Per una didattica del corpo narrativo” e il tirocinio “Verso Elegia: dare forma al Racconto”. E ancora Sara Angius con “Un’esperienza di movimento” – laboratorio e tirocinio sulla Release Technique (ispirata al metodo di Anne Teresa de Keersmaeker) e Floorwork e Guido Tuveri con “Il corpo che parla, il corpo che ascolta” – laboratorio e tirocinio sul Movimento Introspettivo.

Il MaDIS è un progetto innovativo che parte – non a caso – dalla Sardegna per dar vita a nuove figure professionali che sappiano coniugare le conoscenze teorico-pratiche sull’arte coreutica e sulla grammatica del movimento all’elaborazione di progetti mirati per favorire l’interazione e l’inclusione sociale – collaborando con enti, istituzioni e associazioni presenti sul territorio.

Il MaDIS – per cui l’Isola rappresenta un laboratorio all’avanguardia che riflette una visione della danza come linguaggio aggregante e inclusivo, tra ricerca e sperimentazione artistica e progettazione culturale  – è realizzato con il patrocinio e il sostegno del MiBAC/ Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport della Regione Autonoma della Sardegna e del Comune di Selargius e con il fondamentale contributo della Fondazione di Sardegna.