Torregrande: l’interpellanza per il ritardo nei lavori di riqualificazione del porticciolo

Qui di seguito riportiamo l'interpellanza rivolta al Sindaco di Oristano Andrea Lutzu, riguardo ai ritardi nei “Lavori di riqualificazione e potenziamento del Porticciolo di Torregrande”.

I sottoscritti Consiglieri Comunali, Angelo Angioi, Giuseppe Puddu, Vincenzo Pecoraro e Lorenzo Pusceddu, appartenenti al Gruppo Consiliare “ La Civica – Oristano”, premesso che;

  • il Settore Lavori Pubblici ha provveduto ad affidare diversi incarichi, tutti propedeutici per la predisposizione del progetto di fattibilità tecnico-economica, al fine di effettuare attraverso ditte e laboratori privati le attività inerenti alla caratterizzazione dei sedimenti marini, quali il rilievo esplosivi e materiale bellico, i prelievi per il campionamento, le analisi chimiche e quelle microbiologiche, ed ancora, con il supporto dell’ARPAS, la validazione delle attività di campionamento e analisi previste, affidando alla Fondazione IMC – Centro Marino Internazionale di Torregrande le analisi fito-zoobenthos, nonché le attività di coordinamento tecnico-scientifico e della stesura della relazione finale;

  • ad aprile 2017 le predette attività di ricerca si sono concluse e i risultati sono stati discussi in sede di incontro tecnico presso l’Assessorato e, tutti gli elaborati prodotti, sono stati trasmessi al progettista al fine di aggiornare la progettazione preliminare e di ricondurla al quadro finanziario disponibile all’attualità, nonché alla società MarTech Srl, incaricata dal 2013 di eseguire i rilievi batimetrici e di predisporre un progetto speditivo e urgente per il ripristino dell’accessibilità del porticciolo, mediante ripristino del tirante originario;

  • dagli atti si apprende che dalle evidenze documentali è emersa una situazione di grave compromissione delle componenti ambientali, sia in relazione alle notevoli quantità di materiale da dragare, sia sulla tipologia delle contaminazioni delle matrici ambientali che hanno evidenziato una situazione di non conformità, per cui si rende necessario un intervento estremamente più oneroso di quanto ipotizzato in sede di prima stesura della progettazione preliminare;

  • le predette evidenze documentali hanno confermato la necessità di un gravoso impegno finanziario, da destinare alle attività di dragaggio dei fondali e all’individuazione del sito di recapito finale dei materiali, il tutto a scapito delle attività di riqualificazione delle strutture a terra.

Considerato che:

  • dagli atti, inoltre, si apprende delle gravissime problematiche relative alla sicurezza antincendio della struttura portuale, emerse a seguito di un sinistro avvenuto in data 30/09/2017 e analizzate in sede di conferenza di servizi, tenutasi in data 11/11/2017 presso la sede della RAS – Assessorato EELL Finanze e Urbanistica, Servizio Demanio di Oristano, alla presenza, tra gli altri, del Comandante Provinciale dei VVFF;

  • l’Amministrazione ha, quindi, ritenuto opportuno individuare due distinti lotti di intervento, uno relativo alle opere a terra, che prevede anche la messa in sicurezza del porticciolo (Lotto 1), e l’altro, relativo alla realizzazione di un intervento pilota, finalizzato a definire le più idonee modalità di escavo e di trattamento delle materie di risulta (Lotto 2);

Preso atto che:

  • in data 05/12/2017 la Giunta comunale ha approvato il progetto di fattibilità tecnico –economica, il cui quadro economico ammontava a € 5.000.000,00, importo poi modificato in euro 5.250.000,00 a seguito della disponibilità dell’anticipazione del precedente finanziamento e della variazione dell’aliquota IVA e, quindi, fatto proprio dalla Giunta Lutzu con l’adozione della nuova delibera n° 41 del 13/03/2018, che tra l’altro evidenzia soltanto nell’elaborato 7.0 (quadro economico) la suddivisione in “Lotto 1” e “Lotto 2”, per contro non richiamata in tutti gli altri elaborati (descrittivi e grafici) ;

  • con avviso di indagine di mercato in data 27/03/2018, il dirigente preposto ha approvato gli atti relativi alla procedura di affidamento dei servizi di progettazione DEFINITIVA ed ESECUTIVA e coordinamento della sicurezza in fase di progettazione per i lavori di “Riqualificazione e potenziamento del porto turistico e porto pescatori in Torregrande”, dando atto che il servizio si sarebbe aggiudicato con il criterio dell’offerta economica più vantaggiosa, individuata sulla base del miglior rapporto qualita/prezzo – fissando l’importo complessivo dei corrispettivi a base d’asta pari a €. 77.430,36 al netto di IVA e Cassa previdenza-;

  • con avviso del 29/03/2018 è stata intrapresa la procedura di affidamento dei servizi di progettazione definitiva ed esecutiva del solo LOTTO 1 (riqualificazione porticciolo), allegando alla documentazione di gara l’intero progetto comprensivo dei due lotti;

  • in data 12/03/2019, con determinazione dirigenziale,  è stata aggiudicato l’appalto dei predetti servizi di progettazione DEFINITIVA ed ESECUTIVA relativi ai “Lavori di riqualificazione e potenziamento del porto Turistico e porto pescatori in Torregrande LOTTO 1 all’R.T.I. costituita dalla Società Capogruppo SISPI S.r.l. e la Società G.I.A. Consulting S.r.l. (Mandante), entrambi con sede legale in Napoli per un importo complessivo di €. 60.911,05.

Visto:

  • quanto riportato nell’avviso per l’indagine di mercato per “l’affidamento dei servizi di progettazione definitiva ed esecutiva, ordinamento della sicurezza in fase di progettazione, relativi ai lavori di riqualificazione e potenziamento del Porto Turistico e Porto dei Pescatori in Torre Grande LOTTO 1 – Riqualificazione porticciolo –“ che in data 14/05/2019, con determinazione dirigenziale, è stato approvato lo schema di convenzione relativo ai predetti servizi di progettazione definitiva ed esecutiva, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, relativi ai lavori di riqualificazione del Porticciolo di Torre Grande.

Considerato:

  • che dalla stampa locale si è appreso, già da tempo, che la progettazione definitiva ed esecutiva relativa ai lavori di riqualificazione del Porticciolo di Torre Grande sia ancora da definire e che ciò faccia presagire un ulteriore e grave ritardo della programmazione della Giunta Lutzu nell’esecuzione di predetti urgenti ed indifferibili lavori di riqualificazione della struttura Portuale;

  • che l’Amministrazione guidata dal Sindaco Lutzu parrebbe, inoltre, essersi scordata di attivare le procedure per l’esecuzione dell’approvato Lotto 2,

  • le gravi condizioni generali della struttura e il continuo ed inarrestabile imbonimento del bacino del Porto Turistico di Torre Grande;

  • che l’opera è stata già definanziata una volta, anche se tale operazione poi si è fortunatamente conclusa positivamente per l’Amministrazione;

  • che l’Amministrazione guidata dal Sindaco Lutzu parrebbe, al momento, aver perso ogni controllo sulla società che gestisce la struttura del Porto Turistico di Torre Grande;

Tutto quanto sopra premesso, con la presente interpellanza, chiedono di interpellare l’Assessore ai lavori pubblici per sapere:

  1. se l’Assessore conosca il dettato dell’avviso d’indagine di mercato e il relativo schema di convenzione richiamati in premessa. In caso di risposta positiva, quali siano gli obblighi principali delle parti. In caso di risposta negativa, spiegarne le ragioni al Consiglio Comunale;

  2. se l’oggetto dell’affidamento richiamato in premessa (servizi di progettazione DEFINITIVA ed ESECUTIVA relativi ai “Lavori di riqualificazione e potenziamento del porto Turistico e porto pescatori in Torre Grande LOTTO1) sia stato evaso e in che data;

  3. nel dettaglio, quali motivazioni hanno impedito all’Assessore di non fornire, ad oggi, i dovuti indirizzi al Dirigente al fine della predisposizione del bando di affidamento dei servizi di progettazione DEFINITIVA ed ESECUTIVA relativi ai “Lavori di riqualificazione e potenziamento del porto Turistico e porto pescatori in Torre Grande LOTTO 2 (escavo ambientale e gestione sedimenti) e, comunque, quali sono le motivazioni che hanno portato a questi gravi ritardi che fanno preannunciare, per la struttura portuale ed il territorio tutto, un’altra pessima stagione estiva/turistica 2020;

  4. visti i forti ritardi accumulati nell’affrontare la programmata riqualificazione dell’opera “lotto1 e lotto2”, se sia intenzione dell’Assessore ai Lavori Pubblici far definanziare dalla RAS le attese opere di riqualificazione e potenziamento del Porto Turistico di Torre Grande o come intenda procedere, affinché la riqualificazione della struttura del Porticciolo Turistico della nostra città possa essere portata avanti senza mettere a rischio i finanziamenti ottenuti.

I consiglieri comunali

Giuseppe Puddu, Angelo Angioi, Vincenzo Pecoraro, Lorenzo Pusceddu