Concluso il progetto Erasmus Plus “Aprirsi al mondo” del C.p.i.a. 5 Sassari

L’istruzione per gli adulti riparte con un nuovo bagaglio di conoscenze europee

Andare a formarsi in Europa, per poi tornare in Sardegna e costruire una scuola al passo con gli altri paesi europei, in grado di garantire livelli crescenti di inclusione sociale. È questa la missione che ha visto, e vede tuttora impegnato, il Centro provinciale per l’istruzione degli adulti (C.p.i.a. 5 Sassari) nell’ambito del progetto europeo Erasmus Plus Azione K1 “Aprirsi al mondo”.

Al progetto hanno partecipato quattro insegnanti e la stessa dirigente scolastica del centro che dal 2017 si occupa dell’istruzione degli adulti italiani e migranti sull’intero territorio provinciale. Oltre alla sede di Sassari, il C.p.i.a. ha infatti altri sei punti di erogazione – Alghero, Ozieri, Castelsardo, Valledoria, Santa Teresa di Gallura, Olbia – e tre sedi carcerarie a Sassari, Alghero e Nuchis. Il centro impiega 25 docenti e ha una popolazione scolastica di circa 500 discenti adulti (dai 16 anni in su), composta per il 90 per cento da migranti, profughi, rifugiati, richiedenti asilo, e per il restante 10 per cento da italiani in cerca di collocazione lavorativa.

I docenti che hanno preso parte al programma Erasmus Plus hanno frequentato due corsi di formazione a Faro (Portogallo) e a Praga (Repubblica Ceca), e uno di loro ha, inoltre, partecipato, insieme alla dirigente scolastica del C.p.i.a. Rita Cambula, a un’attività di job shadowing nelle scuole per adulti di Barcellona.

I corsi sono stati incentrati, in particolare, sull’apprendimento e il miglioramento delle metodologie e delle strategie didattiche per l’inclusione dei migranti, soprattutto per quanto riguarda l’insegnamento della lingua italiana e il conseguimento del livello B1, indispensabile per la domanda di cittadinanza.

Adesso per gli insegnanti coinvolti nel progetto inizia una seconda fase, che consiste nella disseminazione e condivisione dei risultati e delle competenze apprese con i colleghi rimasti a Sassari. Uno dei punti su cui bisognerà lavorare con maggiore impegno consisterà nel «trovare un equilibrio tra lavoro di gruppo e interventi differenziati – spiega la docente Adriana Azara, che ha preso parte al progetto -. Nelle nostre classi ci sono sia allievi stranieri che hanno magari lo stesso livello di conoscenza dell’italiano, ma alcuni di loro non sono mai andati a scuola, mentre altri sono diplomati o laureati.

«La partecipazione al progetto Erasmus Plus è stata un’esperienza fondamentale per il nostro C.p.i.a – dice la dirigente Rita Cambula -. Ci ha fornito diversi spunti, sia per il regolamento d’istituto, sia per l’arricchimento dell’offerta formativa. Gli altri paesi europei offrono corsi di informatica e di lingue, che noi ancora non abbiamo ma che ci ripromettiamo di attivare al più presto.

Bisogna anche considerare che il resto d’Europa ha un’esperienza molto più lunga nell’ambito dell’istruzione degli adulti, mentre in Italia i C.p.i.a. sono stati istituiti solo sette anni fa, con il dpr 263 del 2012, e noi a Sassari abbiamo iniziato con un ulteriore ritardo appena due anni fa. Dobbiamo lavorare per metterci alla pari con le politiche europee di istruzione per gli adulti. L’Erasmus Plus è un’ottima opportunità e io auspico che il nostro C.p.i.a vi partecipi anche nei prossimi anni».

Nella stesura del progetto che ha permesso di partecipare all’Azione K1 “Aprirsi al mondo”, il C.p.i.a. 5 Sassari ha potuto contare sull’esperienza della progettista europea e ambasciatrice Epale Caterina Runfola. «Quella di Sassari – spiega la progettista – è una realtà molto giovane e parcellizzata, e il progetto a cui ha preso parte è piccolo ma può portare ottimi frutti. Il compito della dirigente e dei docenti, adesso, consiste nell’andare oltre l’ambito strettamente scolastico, nel presentare progetti e collaborazioni ai comuni, agli enti locali, per mettere in moto dei cambiamenti importanti nelle politiche sociali di inclusione degli adulti».