Cagliari: il 19 settembre, presentazione de “Il giudicato di Gallura” da Miele Amaro

Giovedì 19 settembre, lo storico Corrado Zedda sarà ospite della Libreria Miele Amaro, in via Manno 88 a Cagliari, per presentare il saggio "Il Giudicato di Gallura". Le vicende, la società, i personaggi di un "regno" mediterraneo". L'incontrò avrà inizio alle 19:00 e a dialogare con l'autore sarà il giornalista Fabio Marcello.

L’opera: “Il giudicato di Gallura”

Si scrive spesso che il Giudicato di Gallura sia quello di cui meno si conoscono le vicende, penalizzato com’è dalla penuria di documentazione. Si dice anche che sia stato un giudicato poverissimo, per via dei terreni poco fertili e sassosi, e un giudicato marginale, schiacciato dalla storia più conosciuta e apparentemente più prestigiosa degli altri tre regni dell’Isola.

Sono tutte affermazioni ingenerose; eppure, questo insieme di luoghi comuni, ha distratto gli studiosi dal proporre delle sintesi approfondite e meditate sulla storia del giudicato gallurese. Il saggio di Corrado Zedda illustra come il Giudicato di Gallura possedette una sua peculiare identità culturale e una storia assolutamente non marginale nel contesto del Medioevo euromediterraneo.

Anche le figure dei giudici galluresi sono tratteggiate in modo da comprendere più profondamente la politica che portarono avanti, inserendosi pienamente in un contesto internazionale mutevole e complesso.

Il giudicato di Gallura

L’autore: Corrado Zedda

Corrado Zedda ha conseguito un doppio dottorato di ricerca in Storia Medioevale, dapprima all’Università di Cagliari, successivamente all’Università di Corsica. Ha svolto attività di ricerca presso il Dipartimento di Filologia Classica e Glottologia dell’Università di Cagliari e il Dipartimento di Studi Storici e Artistici dell’Università di Palermo. Attualmente è contrattista presso l’Università di Corsica.

È autore di numerose pubblicazioni su riviste scientifiche e di monografie, tra cui ricordiamo: “Cagliari. Un porto commerciale nel Mediterraneo del Quattrocento” (Napoli 2001); “L’ultima illusione mediterranea. Il comune di Pisa, il regno di Gallura e la Sardegna nell’età di Dante” (Cagliari 2006); “La Carta del giudice cagliaritano Orzocco Torchitorio, prova dell’attuazione del progetto gregoriano di riorganizzazione della giurisdizione ecclesiastica della Sardegna” (Sassari 2009, con R. Pinna).

È curatore del volume monografico “1215-2015. Ottocento anni della fondazione del Castello di Castro di Cagliari”, «RiMe. Rivista dell’Istituto di Storia dell’Europa Mediterranea», n. 15/2 (2015). Per Arkadia ha pubblicato nel 2017 il saggio “Il Giudicato di Cagliari. Storia, società, evoluzione e crisi di un regno sardo” .