Un mondo libero dalla droga: proseguono le attività di volontariato per la Sardegna

Non scherziamo con le droghe! Giù le mani dagli adolescenti. Migliaia di libretti "La verità sulla droga" distribuiti in tutta la Sardegna.

Quando si parla del problema droga non è azzardato dire che in gioco non ci sono semplici situazioni personali o degli stretti familiari, né di un problema circoscritto ad un quartiere o a una regione particolare, magari controllata da organizzazioni mafiose. Da decenni il problema droga ha assunto dimensioni di carattere planetario, coinvolgendo forze di intelligence di Paesi da tutti i continenti. Un problema che ha radici lontane tanto che già negli anni ’70, il filosofo e umanitario L. Ron Hubbard, definiva le droghe come:

L’elemento più distruttivo presente nella nostra cultura attuale.

Fin qui, potremmo dire, niente di nuovo. Ciò che maggiormente preoccupa è la nuova strategia che i criminali stanno adottando: l’attacco agli adolescenti. Sì, perché nel mirino di pusher senza scrupoli non ci sono solo i giovani o coloro che già sono caduti nella trappola mortale, ma con messaggi subdoli e accattivanti si stanno assicurando i ragazzini di 11/12 anni, destinati a diventare le nuove vittime inconsapevoli (come potrebbero esserlo a quell’età?) dei loro sporchi traffici e le nuove leve come futuri spacciatori. Ormai, a detta degli stessi spacciatori, è venuto meno quel patto “etico” tra loro, di non passare la roba ai minorenni. Un progetto criminale che nessuna persona mentalmente sana potrebbe accettare.

I volontari di Fondazione per un Mondo Libero alla Droga e della Chiesa di Scientology, hanno fatto della lotta allo spaccio la loro ragione di vita. Sì, perché il nemico da combattere senza esclusione di colpi è lo spacciatore, non certo il debole consumatore, tradito dalle false promesse dell’elisir della bella vita fatta dai pusher.

È assolutamente necessario fermare questo progetto insensato, – dichiara il responsabile regionale della Fondazione, da anni impegnato in azioni di prevenzione in tutta la Sardegna – è in gioco il futuro dell’intera società, perché gli adolescenti di oggi saranno gli adulti di domani e, continuando così, avremo le prossime generazioni in mano alla droga e a tutto ciò che essa genera: morte, distruzione, degrado fisico, sociale e ambientale e criminalità incontrollata, che costringerebbe anche le persone oneste a perdere il diritto di vivere una vita degna di essere vissuta.

Anche questa settimana, i volontari non risparmieranno le energie con lo scopo di contrastare l’avanzata della barbarie e distribuiranno i libretti informativi con la verità su tutte le droghe e l’abuso di farmaci prescritti, in diversi quartieri di Cagliari, Olbia, Nuoro, Sassari, Porto Torres, Quartu Sant’Elena, Assemini e Villasor, convinti che solo l’informazione potrà contrastare seriamente questo progetto, evitando di far cadere nelle mani dei criminali i nostri ragazzi e assicurando loro un futuro libero dalla droga.

Info: www.noalladroga.it