Olbia: “Astor Piazzolla e il suo tango più bello”, martedì 6 agosto

“Astor Piazzolla e il suo Tango più bello”: martedì 6 agosto alle 21:30, in piazza Santa Croce a Olbia, il concerto del violinista Gianmaria Melis e del pianista Giuseppe Gullotta, sulle note indimenticabili del grande compositore argentino, per la XX Stagione Concertistica della Scuola Civica di Musica, sotto le insegne dell’Accademia Musicale Bernardo De Muro.

La sensualità e il fascino del tango per un concerto sotto le stelle incastonato nel ricco cartellone estivo di Olbia: martedì 6 agosto alle 21:30, nella preziosa cornice di piazza Santa Croce, va in scena “Astor Piazzolla e il suo Tango più bello” con Gianmaria Melis (violino) e Giuseppe Gullotta (pianoforte) per un ideale viaggio attraverso le pagine del grande compositore argentino, tra note struggenti e indimenticabili melodie, per un nuovo appuntamento con “In Itinere” – la rassegna itinerante organizzata dall’Accademia Musicale Bernardo De Muro – nell’ambito della XX Stagione Concertistica della Scuola Civica di Musica di Olbia.

Un evento imperdibile dedicato alla figura e all’opera del maestro di Mar del Plata – uno degli artefici della rivoluzione del tango nuevo con il formidabile duo che schiera due solisti del calibro di Gianmaria Melis (primo violino di spalla dell’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari) interprete raffinato e versatile capace di spaziare tra diversi generi, dalla classica al tango al jazz e del pianista Giuseppe Gullotta – già finalista al prestigioso Concorso Internazionale Ferruccio Busoni, con all’attivo una carriera di respiro internazionale che l’ha visto esibirsi sui più importanti palcoscenici in Italia e nel mondo.

Un progetto originale incentrato sulle virtuosistiche partiture di Astor Piazzolla e sul dialogo incessante e incalzante tra i due strumenti, in cui la voce del più acuto degli archi si intreccia alla ricca tavolozza sonora del pianoforte, per far vibrare le corde del cuore sulle note evocative di brani celeberrimi e di grande suggestione. Un intrigante viaggio sul filo delle emozioni, in cui i due artisti si confronteranno con le vertiginose partiture dell’“Histoire du Tango – Bordel” e “Escualo” e ancora “Café 1930”, “Night Club 1960” fino all’intensità di “Adios Nonino”, la stupenda “Milonga del Angel” e la coinvolgente “Jeanne y Paul” – scritta per il film “Ultimo tango a Parigi” – per culminare ne “Le Grand Tango”.

“Astor Piazzolla e il suo Tango più bello” sbarca in Gallura all’interno dell’interessante e variegata programmazione a cura dell’amministrazione comunale grazie all’impegno dell’assessora alla Cultura Sabrina Serra, con l’obiettivo di offrire a cittadini e turisti, durante la stagione più calda, occasioni d’intrattenimento e svago, con un carnet di eventi di assoluto rilievo all’insegna dell’arte e della bellezza.

L’Accademia Musicale Bernardo de Muro è ben lieta di animare il nutritissimo cartellone estivo della città di Olbia – sottolinea la presidente Sara Russo –. E questa meravigliosa serata dedicata al miglior Astor Piazzolla, è interpretata da un duo strepitoso: Gianmaria Melis, spalla del Teatro Lirico cagliaritano e sempre ben presente nella nostra stagione e Giuseppe Gullotta, virtuoso del pianoforte, concertista di successo e finalista al Busoni. Un ensemble eccellente che ci farà riscoprire tutta la magia e il fuoco di quel “pensiero triste che si balla” nella versione del grande compositore e innovatore argentino.

Ingresso gratuito.

Per informazioni:

Accademia Musicale Bernardo De Muro

Telefono: 349.4077241

Facebook: pagina ufficiale

Gianmaria Melis – violino

Primo Violino di Spalla della Fondazione Teatro Lirico di Cagliari dal 2009, comincia lo studio del violino sotto la guida di Paolo Marascia, proseguendo poi con George Mönche, Igor Volochine, Felice Cusano e Sergey Krylov.

Diplomatosi con il massimo dei voti al Conservatorio Statale di Musica “Giovanni Pierluigi da Palestrina” di Cagliari, premiato alla rassegna nazionale violinisti del “Premio Città di Vittorio Veneto”, perfeziona i suoi studi seguendo diverse masterclass, con Nicolas Chumachenco e Thomas Brandis, ed entra presto a far parte dei corsi per professori d’orchestra dell’Orchestra Giovanile Italiana, della quale sarà Primo Violino di Spalla per due anni; prosegue la sua carriera vincendo numerosi concorsi internazionali, come primo idoneo per violino di fila, tra cui quelli presso la Fondazione Arturo Toscanini di Parma, la Fondazione del Teatro Lirico di Cagliari, l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento.

Negli anni successivi viene regolarmente invitato a collaborare con varie orchestre come la Sinfonica Nazionale della RAI di Torino, I Pomeriggi Musicali di Milano, Filarmonica Toscanini di Parma, Teatro Carlo Felice di Genova (primo violino dei secondi, concertino dei primi violini), Galilei di Firenze (Primo Violino di Spalla, per i corsi di direzione d’orchestra di Carlo Maria Giulini), Sinfonica Haydn di Bolzano e Trento, Orchestra Sinfonica Siciliana (Primo Violino dei secondi), Fondazione Teatro Petruzzelli di Bari (Primo Violino solista), Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino (Primo Violino di Spalla) ; con alcune di queste ha partecipato a varie tournée suonando nelle più importanti sale in Europa e negli Stati Uniti.

Ha lavorato con numerosi importanti direttori fra cui: Carlo Maria Giulini, Yuri Ahronovich, Lorin Maazel, Frans Brüggen, Donato Renzetti, Gianluigi Gelmetti, Ton Koopman, Christhofer Hogwood, Daniele Gatti, Maurizio Benini, Marko Letonya.

Per la musica da camera e il quartetto ha frequentato i corsi della Scuola di Musica di Fiesole nella classe del maestro Piero Farulli, perfezionandosi con prestigiosi musicisti (Andrea Nannoni, Tiziano Mealli, Manuel Zigante e Boris Baraz), e sviluppando nel tempo numerose collaborazioni con grandi personalità del panorama concertistico internazionale fra i cui: Sergej Krylov, Hans-Jörg Schellenberger, Pierre Goy, Simonide Braconi, Klaidi Sahatci, Eric Silberger.

Dal 2014 suona inoltre stabilmente con il Novafonic Quartet, formazione costituita da solisti e prime parti di importanti orchestre, con cui propone un repertorio contemporaneo d’ispirazione piazzolliana e jazz; parallelamente alla carriera concertistica, si dedica con passione all’attività didattica tenendo regolarmente Masterclasses internazionali di perfezionamento.

Suona un violino modello Giuseppe Guarneri Del Gesù “Ole Bull” del liutaio Philippe Girardin.

Giuseppe Gullotta – pianoforte

Giuseppe Gullotta si è diplomato al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano col massimo dei voti e lode. Successivamente ha conseguito il Diploma Triennale di Alto Perfezionamento Pianistico presso l’Accademia Santa Cecilia di Roma. Recentemente ha debuttato alla Carnegie Hall – “Auditorium Stern” di New York con la England Symphonic Ensemble, portando in prima assoluta il doppio concerto per pianoforte e violino di Mozart.

Finalista al premio Busoni e sul podio di numerosi concorsi internazionali, è da anni presente sulle scene internazionali esibendosi in importanti sale in tutto il mondo: Palau de La Musica Catalana di Barcellona, Palau de la Republica di Rio de Janeiro, Steinway Hall di Londra, Salle Cortot di Parigi, Lysenko Hall di Kiev, Sala Felipe Villanueva di Toluca (Messico), Swope Hall di West Chester(U.S.A), Dworku di Dusnikj Sdroj all’interno del “Festival Chopin”, Sala Verdi, Sala Puccini e Auditorium “Mahler” di Milano, Auditorium Parco della Musica di Roma, “Sala Michelangeli” del Conservatorio di Bolzano, Sala Grande del Conservatorio di Venezia.

Recentemente ha debuttato al Teatro Greco di Taormina in prima assoluta con Giovanni Sollima, Giuseppe Andaloro e Monica Leskovar, con il progetto “The Rite of Rock”, un excursus della grande musica del ‘900, dalla Classica al Rock progressivo.

Nel 2010 è stato inoltre il pianista accompagnatore del Gran Gala Mondiale della danza tenutosi ad Aosta, con la partecipazione di Eleonora Abbagnato, Roberto Bolle ed importanti corpi di ballo quali New York Ballet e Hamburg Ballet in una serata interamente dedicata a “Chopin & la Danza”. Nel 2009 ha partecipato al progetto Novecento in collaborazione con l’Orchestra Giuseppe Verdi, l’Auditorium di Milano, SkyClassica e il Maestro Francesco Maria Colombo, interpretando Rapsodia in Blue di Gershwin (in organico originale), Osieaux Exotiques e il Quartetto Pour la fin du temps di Messian.

In Italia si è inoltre esibito in importanti teatri, quali: Teatro Comunale di Treviso, Teatro Sociale di Como, Teatro le Ciminiere di Catania, Teatro Margherita di Caltanissetta, Teatro degli Industri di Grosseto, Teatro Curci di Barletta, Teatro Tito Schipa di Lecce, Teatro delle Società di Lecco. Regolarmente viene invitato da importanti associazioni in Italia e all’estero. Nel 2016 ha suonato in diverse città del Messico con l’orchestra sinfonica di Stato.

Ha suonato con la English Simphony Youth Orchestra, Berlin Rias Orchestra, Orchestra Giuseppe Verdi di Milano, Orchestra da Camera di Padova e del Veneto, Orchestra Sinfonica di Stato del Messico, Orchestra Sinfonica di Grosseto, West Chester Orchestra, Orchestra Enescu di Bucarest, Orchestra veneta “Malipiero”, Orchestra di Stato di Poltava, Orchestra Giovanile Internazionale, Orchestra Mihail Iora e Orchestra dell’Opera di Craiova, ed in queste occasioni ha avuto l’opportunità di essere diretto da insigni musicisti, quali Tomasz Bugaj, Daisuke Soga, Ovidiu Balan, William Boughton, Francesco Maria Colombo.

Ha inciso musiche per la Tau Records ed ha registrato per RaiRadio3, Radio Classica, Radio Popolare e Sky classica. È direttore artistico dell’associazione musicale “Naxos in Musica” ed è attualmente docente della cattedra di pianoforte principale presso il Conservatorio “F. Cilea” di Reggio Calabria.

Astor Piazzolla e il suo Tango più bello