Cagliari – I rossoblu stendono il Chievo e si guadagnano il pass per la Coppa Italia

CAGLIARI – Il Cagliari soffre ma non stecca alla prima in Coppa Italia contro il Chievo alla Sardegna Arena. Ad accendere la passione dei tifosi in uno stadio sold out il ritorno del figliol prodigo Nainggolan e il debutto di Nandez (per l’uruguaiano diversi minuti nella ripresa). A regalare il passaggio del turno ai rossoblu le reti nella prima frazione di Joao Pedro e Rog, poi l’acuto di Pucciarelli. Nel prossimo turno gli isolani incroceranno la Samp, vittoriosa contro il Crotone. Poche sorprese negli undici iniziali scelti dal mister Maran, con Rafael a presidiare i pali (al posto dell’infortunato Cragno), davanti all’estremo difensore a destra il sardo di Zeddiani Pinna e sulla sinistra Lykogiannis, centrali Ceppitelli e Klavan, sulla mediana Rog, Nainggolan e Ionita, Birsa ad agire alle spalle degli avanti Joao Pedro e Pavoletti. Nel Chievo, reduce da un’annata sfortunata e attrezzato ad un’immediata risalita, brillano le stelle di Giaccherini e Stepinski. I padroni di casa iniziano con il freno a mano inserito, ma passano alla prima occasione: al 7′ discesa di Lykogiannis sulla sinistra, traversone che Ionita incrocia di testa marcando la traversa, poi Joao Pedro porta in vantaggio il Cagliari. Al 17′ il raddoppio, con Pinna che crea lo spazio per Rog: il croato si inventa una serpentina e manda la palla all’incrocio. Gara da sogno, insomma. Alla mezz’ora Ionita impegna Semper dalla distanza. Sembra tutto facile. I rossoblu si complicano la vita al 40′ con uno svarione difensivo che costringe Rafael all’uscita fuori area e al fallo di mano. Espulsione dell’estremo difensore e sardi con l’uomo in meno. Oltre il danno, la beffa: sulla punizione di Esposito e la respinta di Aresti – appena entrato – Pucciarelli accorcia le distanze. Nella ripresa si aspetta la reazione degli scaligeri. E’ invece Lykogiannis a propiziare la prima occasione con un tiro a sorpresa disinnescato dal portiere gialloblu. Al 16′ il pericolo arriva da un tiro di Pucciarelli. Il Cagliari subisce i clivensi, ma controlla il match. Il brivido finale è a fil di sirena, con Stepinski che manda a lato di un soffio. Un sospiro di sollievo per gli uomini di Maran, che ora si proiettano al debutto in campionato contro il Brescia di Cellino.
Luciano Pirroni

CAGLIARI (4 – 3 – 1 – 2) – Rafael, Pinna (38′ s. t. Pisacane), Ceppitelli, Klavan, Lykogiannis, Rog (25′ s. t. Nandez), Nainggolan, Ionita, Birsa (41′ p. t. Aresti), Joao Pedro, Pavoletti. All. Rolando Maran

CHIEVO VERONA (4 – 3 – 1 – 2) – Semper, Bertagnoli, Rigione, Leverbe, Brivio, Pina Nunez, Esposito, Giaccherini, Pucciarelli (31′ s. t. Vignato), Stepinski, Meggiorini (38′ s. t. Rodriguez). All. Michele Marcolini

ARBITRO: Giua di Olbia

RETI: Nel primo tempo al 7′ Joao Pedro, 17′ Rog, 42′ Pucciarelli