Cagliari. Ferragosto ai musei civici

Il Ferragosto cagliaritano è all’insegna dell’offerta culturale dei Musei Civici: la Galleria Comunale d’Arte, il Palazzo di Città, il Museo d’Arte Siamese “Stefano Cardu” e lo Spazio SEARCH non vanno in vacanza neanche il 15 di agosto.
Complici gli ampi e comodi orari continuati dalle 10 alle 20, è possibile scoprire il ricco patrimonio storico artistico dell’Otto – Novecento in Città.

Alla Galleria Comunale d’Arte, alle ”Collezioni di un secolo breve”, raccolte nei tre nuclei Collezione Sarda, Collezione Contemporanea e Collezione Ingrao, che testimoniano l’arte del XX secolo in Italia e in Europa, si unisce il concept Opera Sola, quest’anno tutto dedicato all’artista Maria Lai nel centenario della sua nascita. In esposizione due importanti opere,”Telaio” e “Armi di Pace”, portate a Cagliari da Magazzino Italian Art e riunite nell’allestimento così come aveva disposto Maria Lai nella sua casa in città.

A Palazzo di Città sono in corso le due mostre Arte Povera: From the Olnick Spanu Collection e Marco Anelli: Building Magazzino, organizzate dai Musei Civici di Cagliari in collaborazione con Magazzino Italian Art Foundation, Cold Spring, New York.Nella sede dello storico Municipio di Cagliari, riscuotono grande successo di pubblico le 15 eccezionali opere di Arte Povera della collezione di Nancy Olnick e Giorgio Spanu più, nelle sale al piano terra, la mostra del fotografo Marco Anelli che, in “Building Magazzino”, ha documentato proprio il “making of” del progetto di promozione dell’arte e della cultura italiana negli Stati Uniti.

Il Museo d’Arte Siamese Stefano Cardu, oltre a custodire oggetti preziosi provenienti in larga parte dal Siam, dall’India, dalla Cina, dal Giappone e dalla Malesia, ospita parte della mostra Tracce – Asia 2572 (di cui il nucleo centrale è esposto al Castello di San Michele), un reportage fotografico, opere pittoriche e site-specific di Federico Crisa e Noemi Didu. L’esposizione prende la forma di una cartografia del percorso fatto da Crisa e Noemi Didu durante il loro viaggio di quaranta giorni nel Sud Est asiatico e in particolare in Thailandia, paese che per vent’anni ha ospitato il grande viaggiatore e collezionista cagliaritano dell’Ottocento, Stefano Cardu.

Lo Spazio SEARCH, nel sottopiano del Municipio, lato Largo Carlo Felice, vede protagonisti gli scatti di “Max Leopold Wagner – Fotografie della Sardegna di un linguista antropologo”, a cura di Ilisso Edizioni e ISRE Istituto superiore regionale Etnografico. La mostra, attraverso l’occhio del padre della linguistica sarda, e accompagnata dai testi di Felice Tiragallo e Salvatore Novellu, racconta quella Sardegna arcaica e profonda che ancora vice nell’immaginario collettivo.