Promozione turismo, la Regione accoglie le richieste della Confindustria

Il presidente dell’Associazione degli Industriali del Centro Nord Sardegna Giuseppe Ruggiu esprime tutto il suo apprezzamento nei confronti dell’assessore Gianni Chessa. La campagna sarà avviata entro i primi dieci giorni di luglio. Saranno spesi oltre 1,2 milioni di euro.

Il presidente di Confindustria Centro Nord Sardegna Giuseppe Ruggiu esprime tutto il suo apprezzamento relativamente alla campagna promozionale avviata d’urgenza dall’assessore regionale al Turismo Gianni Chessa entro i primi dieci giorni di luglio sulle maggiori testate giornalistiche. L’azione, con carattere d’urgenza, è interamente a sostegno della stagione turistica in corso, da molte parti indicata come in arretramento rispetto alle passate stagioni.

L’assessore Chessa infatti, a seguito dell’incontro avvenuto a Cagliari lo scorso 18 giugno e delle pressanti richieste della Confindustria, delle altre organizzazioni e dei soggetti del settore turistico e del sistema aeroportuale sardo presenti, ha comunicato che, vista la problematica evidenziata sul calo dei flussi turistici previsto per la stagione estiva 2019, si interverrà immediatamente con una campagna promozionale sui maggiori quotidiani e settimanali a diffusione nazionale. La campagna durerà per tutta l’estate e sarà concentrata in particolare sul mercato e sulla domanda italiana.
L’assessore Chessa ha trasmesso l’elenco di quotidiani e riviste con relativi numeri di uscite e importi di spesa impegnati, che rispondono alle richieste di Confindustria e degli altri operatori, per oltre 1,2 milioni di euro.

Confindustria ha anche suggerito all’assessore Chessa di ampliare l’intervento ad altre importanti testate nazionali a larga diffusione soprattutto nel nord Italia, mercato di primaria importanza per la destinazione turistica dell’isola.

L’azione di Confindustria continuerà con nuove e importanti iniziative, in stretta sinergia con la Regione, a sostegno di una politica e di una strategia del turismo che possa portare alla svolta un settore fondamentale per la Sardegna.