Florinas in Giallo-L’isola dei misteri: grande successo per il secondo appuntamento del festival

 «La cosa che mi ha divertito di più quando ho fatto leggere il libro a una decina di amici prima di pubblicarlo – ha raccontato Enrico Musso – è che tutti mi hanno detto “Ma è un libro scabroso!”. Sono rimasti perplessi per i capitoli che descrivono i rapporti privati tra i personaggi, o tra il protagonista e una mistress, ma nessuno si è stupito per il vero scandalo che racconto nel libro, e che è quello interno alle aule parlamentari». L’economista, ex deputato e scrittore Enrico Musso – secondo ospite della sezione estiva (A balla sola) del festival letterario “Florinas in Giallo. L’isola dei misteri” organizzato dal Comune di Florinas – ha affascinato e incuriosito il pubblico durante la presentazione (insieme a Raffaele Sari) del suo romanzo “Esercizi di potere” (DeA Pianeta), scritto dopo un’esperienza in politica tra il 2008 e il 2013 come membro delle Commissioni Lavori pubblici e Antimafia.
“Florinas in Giallo” prosegue il 5 agosto con Ciro Auriemma e Renato Troffa, che racconteranno ai lettori il loro lavoro a quattro mani, ” Piove deserto“, e il 10 agosto con la scrittrice siciliana Cristina Cassar Scalia (” La logica della lampara) e Giancarlo De Cataldo con il nuovo e attesissimo romanzo ” Alba nera“.
Enrico Musso, ospite del festival giovedì sera, ha raccontato come “Esercizi di potere” nasca dalla sua «breve ma intensa esperienza in politica, che mi ha permesso di vedere cose non sempre bellissime. Ho avuto la possibilità di osservare, diciamo dalla prima fila, come alla maggior parte dei parlamentari venga chiesto di non fare praticamente nulla, ma di limitarsi a votare secondo le indicazioni del capogruppo di turno, e quasi tutti ubbidiscono perché hanno paura di non essere riconfermati nell’incarico». Musso, genovese, classe 1962, professore di Economia applicata all’Università di Genova, con all’attivo oltre 150 pubblicazioni scientifiche tradotte in varie lingue, ha raccontato di essere entrato in politica, anche lui come altri «per caso, perché serviva la figura di un tecnico che fosse abbastanza slegato dalle logiche di partito».
È un po’ quello che succede al protagonista del romanzo, Gabriele Corso, anche lui un professore, che fa il suo debutto nelle aule parlamentari con la speranza – o l’illusione – di contribuire al bene comune, ma poi si ritrova ad essere manipolato nella stesura di una legge sull’energia che favorirebbe le lobby e i potenti di turno. Il romanzo intreccia le vicende di cinque personaggi – tra cui una mistress, un’economista russa e un giornalista politico – ciascuno dei quali racconta una parte della sua storia, dal suo punto di vista, inevitabilmente parziale, che muta nel corso della storia, insieme al punto di vista del lettore.
“Esercizi di potere”, infatti, non è un semplice atto di accusa contro certa politica, ma anche e soprattutto, ha spiegato Musso, «un libro sul poteresia negli ambienti pubblici che nelle stanze private, e anche un tentativo di mettere a confronto realtà e apparenza. Mi interessava far vedere al lettore, senza moralismi, come certi ambienti che dovrebbero essere preposti all’esercizio del potere da parte del popolo siano in realtà molto meno trasparenti di quanto dovrebbero, mentre altri ritenuti immorali sono forse meno negativi di quanto potremmo pensare».
“Florinas in Giallo – L’isola dei misteri” è organizzato dal Comune di Florinas con la direzione artistica dei librai Maria Luisa Perazzona e Elia Cossu (Libreria Cyrano, Alghero) ed Emiliano Longobardi (Libreria Azuni, Sassari), la segreteria organizzativa da Associazione Itinerandia, in collaborazione con il Sistema bibliotecario Coros Figulinas, la cooperativa Co.Me.S e l’Associazione Umanitaria di Alghero.