Consulenti da un milione di euro. La capogruppo dei 5 stelle attacca il Presidente Solinas

“La ciliegina sulla torta è servita: il presidente Solinas ha atteso fino ad oggi per deliziarci ancora, ma non si può dire che abbia mancato l’effetto sorpresa. Il nostro Governatore sardoleghista ha finalmente scelto i suoi due consulenti, che per la loro altissima professionalità riceveranno la modica cifra di circa 6 mila euro netti al mese, per un costo di quasi un milione di euro in 5 anni. Soldi naturalmente sborsati da tutti i sardi. A ragion veduta, si potrebbe però controbattere: “la qualità si paga”. Ma infatti non è finita qui. Costi a parte, ci chiediamo: chi sono i due cervelloni che lavoreranno fianco a fianco al Presidente? Attenzione: il primo è un suo amico d’infanzia. Sappiamo che è geometra, militante nel Partito Sardo d’azione e consigliere comunale a Capoterra dove, curiosamente, fa parte della maggioranza che sostiene il sindaco del Pd, Francesco Dessì. Ancora: Franco Magi pare vantare una collezione di incarichi politici e, per finire in bellezza, è imputato in un processo per turbativa d’asta a Cagliari. L’amico di Solinas era candidato alla regionali. Non è stato eletto, ma, come dire, per un amico si fa questo e altro. E se tutti i giovani sardi devono sudarsi una laurea, un master, un dottorato di ricerca e fare anni di gavetta per guadagnare mille euro al mese, questo non vale per gli amici di Solinas. Governatore grazie, grazie davvero per quest’ultimo atto: esemplare”.

Non usa mezzi termini la capogruppo del Movimento 5 Stelle Desirè Manca, davanti all’ultimo “scandaloso provvedimento” del Presidente Solinas.

Requisito essenziale per poter diventare consulente regionale è “l’alta e specifica professionalità”: la stipula dei contratti è avvenuta infatti sulla scorta di una legge regionale del 1988 che fissa questa unica e semplice condizione.

“Vorrei chiedere al Presidente – continua Desirè Manca – quale metro di valutazione è stato adottato per questa scelta anche per quanto riguarda il suo secondo consulente, Christian Stevelli, anch’egli militante nel Partito Sardo d’Azione. Ma nel suo curriculum della militanza si parla solo nelle ultime righe. Come Magi, di una laurea neanche l’ombra: ma dice di aver conseguito un titolo di studio non specificato in un istituto tecnico di Catania. Stevelli in Sardegna non è l’ultimo arrivato. Sappiamo che ha avuto diversi ruoli nell’azienda fondata dal padre Mario, che si occupa di trasporti su gomma. Poi è stato nominato nel consiglio di amministrazione della Sogaer, la società a maggioranza pubblica che gestisce l’aeroporto di Cagliari-Elmas. È sufficiente? Io credo di no Presidente. E mi piacerebbe sapere cosa pensano di tutto ciò i sardi, compresi quelli che hanno votato per Lei”.

“Questi incarichi sono un insulto. Un insulto – sottolinea la capogruppo del M5S – per tutti i nostri professionisti che hanno dovuto lasciare l’Isola per trovare un lavoro. Un insulto per chi invece è rimasto e fatica ad andare avanti. Un insulto per la società tutta, perché i ruoli di prestigio sono spesso già occupati da chi non ha competenze, a discapito di tutti noi che chiediamo professionalità, e ci ritroviamo a dover avere a che fare con l’amico di turno”.