Consiglio Regionale: la LEGA presenta un’interrogazione in merito alla gestione e ai servizi erogati da Abbanoa

A giugno 2019 l'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha deliberato di infliggere ad ABBANOA una sanzione per aver messo in atto pratiche commerciali aggressive ritenute scorrette

Più informazioni su

Le criticità relative alla gestione dei crediti, le irregolarità nella lettura dei consumi e nella gestione della fatturazione, unita all’inadeguatezza, che più volte è emersa nella gestione degli impianti di potabilizzazione e depurazione, sono elementi negativi che hanno contribuito a tracciare un quadro grave e allarmante della situazione della società.


“L’obiettivo strategico che ha portato alla nascita di ABBANOA era la razionalizzazione dei processi di fornitura di acqua potabile, fognatura e potabilizzazione con adeguati standard di qualità ed efficienza dei servizi che oggi riteniamo non soddisfacenti” – dichiara il consigliere regionale Michele Ennas della LEGA primo firmatario dell’interrogazione – “Attraverso questo atto chiediamo alla giunta di eseguire le verifiche di competenza sulla società e quali sono le azioni che intende intraprendere in merito alle problematiche segnalate. I sardi chiedono un servizio che funzioni: ci aspettiamo un immediato cambio di rotta nella gestione e quindi nei risultati ottenuti. Non è accettabile che un numero considerevole di risorse economiche sia utilizzato per contenziosi con cittadini-utenti, associazioni o lo stesso personale della società nei quali la maggior parte delle volte Abbanoa è condannata a pagare”.


A giugno 2019 l’autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha deliberato di infliggere ad ABBANOA una sanzione di 3.300.000 € più una sanzione amministrativa di 550.000 € per aver messo in atto pratiche commerciali aggressive ritenute scorrette.

“Le azioni giudiziarie promosse sono innumerevoli e le relative spese a carico di ABBANOA sono altissime tanto è che una notevole quantità di fondi sono assorbiti per spese di lite contro utenti e personale della stessa ABBANOA. Inoltre, più volte sono emerse criticità nell’attività di conduzione degli impianti di potabilizzazione da cui dipende la sicurezza dei consumatori” – continua il consigliere regionale Ennas

“Il ministero della Salute con un decreto del 2017 ha recepito le direttive europee sulla qualità dell’acqua e ha richiamato i gestori a una più severa valutazione del rischio introducendo il modello dei Piani di Sicurezza dell’Acqua che impone un’analisi approfondita di tutta la filiera idro-potabile. Sotto questo aspetto vogliamo la conferma che i dipartimenti degli assessorati interessati siano stati a suo tempo coinvolti e stiano agendo secondo quanto previsto dalla normativa”.

Più informazioni su