Ad Arzachena domenica 7 luglio i ritmi di Dixieland in Gallura con la Vilsait Jazz Band

Il fascino e i ritmi travolgenti del Dixieland in Gallura con la Vilsait Jazz Band che domenica 7 luglio alle 21 in piazza Risorgimento ad Arzachena inaugurerà la seconda edizione del Festival 7 Not(t)e a cura dell’Accademia Musicale Bernardo De Muro – inserito nel ricco cartellone dell’Arzachena Summer Festival 2019 organizzato dal Comune di Arzachena.

Sotto i riflettori l’ensemble di fiati e percussioni nato da un’idea del trombonista Salvatore Moraccini e del sassofonista Marco Maiore – sul palco con Fabrizio Fresi (tromba), Gianpiero Carta (clarinetto), Giovanni Fenu (basso tuba) e Bruno Brozzu (batteria) – per riscoprire lo stile delle storiche marching bands di New Orleans attraverso brani emblematici di un repertorio che fonde la tradizione della musica colta e lo spirito del jazz con una cifra inconfondibile tra dinamismo ed eleganza.

Un raffinato e coinvolgente concerto en plein air sulle note di pezzi celeberrimi – da “The Darktown Strutter’s Ball” di Shelton Brooks e “Fidgety Feet” di Nick LaRocca e Larry Shields, da “Basin Street Blues” di Spencer Williams a “High Society” di Porter Steele e Walter Melrose, da “Panama” di William H. Tyers all’irrinunciabile “When the Saints Go Marching In” nella fortunata versione di Louis Armstrong.

Un’appassionante notte di note nel Nord dell’Isola tra raffinati virtuosismi e indimenticabili melodie, metriche irresistibili e ironici contrappunti strumentali – con un’antologia variegata che spazia da “Dixie Noodles” di Peter Laine e “Wabash Blues” di Dave Ringle e Fred Meinken, a “St. James Infirmary Blues” di anonimo autore – portato al successo da Louis Armstrong – e “Livery Stable Blues” di Ray Lopez e Alcide Nunez.

Un viaggio tra le atmosfere degli Anni Ruggenti e nella temperie culturale dell’inizio del Novecento con l’evento incastonato nell’interessante programmazione dell’Arzachena Summer Festival 2019 organizzato dal Comune di Arzachena e fortemente voluto dalla Delegata alla Cultura, l’architetta Valentina Geromino – che si intreccia ai percorsi sonori del II Festival 7 Not(t)e firmato dall’Accademia Musicale Bernardo De Muro – con intriganti “divagazioni” tra classica, tango, pop e jazz.

INGRESSO LIBERO

Per informazioni:

Accademia Musicale Bernardo De Muro – 349.4077241

su FB: https://www.facebook.com/Accademia-Musicale-Bernardo-De-Muro-311737719218086/

CONTATTI: per l’ufficio stampa:

Anna Brotzu – cell. 328.6923069 – annabrotzu30@gmail.com

 

Vilsait Jazz Band

Fabrizio Fresi – tromba

Gianpiero Carta – clarinetto

Marco Maiore – sax tenore

Salvatore Moraccini – trombone

Giovanni Fenu – basso tuba

Bruno Brozzu – batteria

domenica 7 luglio – ore 21 – piazza Risorgimento – Arzachena

nell’ambito dell’Arzachena Summer Festival 2019II Festival 7 Not(t)e

La Vilsait Jazz Band nasce nel 2012 da un’idea del Maestro Salvatore Moraccini e del Maestro Marco Maiore, entrambi membri dell’Orchestra Jazz della Sardegna, e comprende altri quattro giovani musicisti. Lo stile della formazione, rigorosamente acustico, riprende quello delle marching bands che da circa un secolo si possono incontrare agli angoli delle strade di New Orleans.

La Vilsait Jazz Band propone uno spettacolo dinamico, incentrato sul divertimento ed il coinvolgimento del pubblico.

Vilsait è un gruppo rigorosamente acustico che propone un repertorio incentrato sui classici del Dixieland, distinguendosi per una sonorità raffinata, dinamica e coinvolgente.

Salvatore Moraccini – trombone

Nel 1995 si diploma brillantemente nella Scuola di trombone, presso il Conservatorio di Musica di Sassari e nel 2000 in jazz sotto la guida del M Furio Di Castri Durante gli anni di studio svolge attività concertistica.

Dal 1993 fino al 2002 ha tenuto corsi per ottoni nel Corpo Bandistico “Luigi Canepa” di Sassari.

Dal gennaio 2002 fino ad oggi è Direttore artistico dell’associazione “EUTERPE” Banda musicale di Villanova Monteleone. Dall’ottobre 2005 a oggi è Direttore artistico dell’associazione “Coro de Ztaramonte”

Ha fatto parte dell’orchestra della Cooperativa Teatro e/o Musica di Sassari nella quale ha ricoperto il ruolo di primo trombone, secondo e trombone basso

Fa parte dell’Orchestra dell’Ente concerti “Marialisa de Carolis” nella quale ricopre il ruolo di primo, secondo e trombone basso.

E’ socio fondatore della Blue Note Orchestra, ora Orchestra Jazz della Sardegna dove ricopre il ruolo di primo trombone solista, con la quale hanno collaborato i seguenti artisti: Fresu, Casu, Boltro, Amato, Corvini, Soana, Rava, Harrel, Bosso, Salis, Galliano, Ravaglia, Zegna, De Vito, Linx , Giammarco, Urgu, Gazzani, Tommaso, Gaslini, C. Towns , Carla Blay, Bob Mintzer.

Nel 1994 fonda il Sardinian Brass Quintet, poi nominato Blue Note Brass Quintet, costola dell’Associazione Blue Note Orchestra, quintetto di ottoni che propone al pubblico un repertorio che spazia dalla musica classica, jazz fino alla moderna e folkloristica sarda.

Ha collaborato con l’Ente Lirico di Cagliari come trombonista e si mette in rilievo la produzione dell’estate 2001 con l’esecuzione di “Pini di Roma” e “Fontane di Roma” sotto la direzione del maestro Lorin Maazel.

Dal2004 ha fatto parte dell’Orchestra del 54° Festival della Canzone Italiana “SANREMO 2004” accompagnando tra gli altri Adriano Celentano, Dustin Hoffman, Natalie Cole, Lionel Richie e i “Blues Brothers” in qualità di trombone basso

Nello stesso anno partecipa alla trasmissione “Sogni” condotta da Raffaella Carrà e tutte le trasmissioni “Canzonissima” condotte da Carlo Conti accompagnando artisti come Lucio Dalla, Claudio Baglioni, Povia, Alexia, Gigi D’Alessio, I Pooh, I Ricchi e Poveri, Luca Carboni, Edoardo Bennato, Spagna, I Neri per Caso, Mietta, Annalisa Minetti, Patti Bravo, Albano etc..

Nel 2004 e nel 2005 partecipa alla trasmissione “L’anno che verrà” condotta da Carlo Conti in qualità di trombone basso

Nel 2005 partecipa alla trasmissione “Aspettando Domenica” in occasione del XXIII Congresso Nazionale Eucaristico Condotta da Tosca D’Aquino in qualità di trombone basso.

Nel 2006 partecipa alle 8 puntate della trasmissione “Amore” condotta da Raffaella Carrà in qualità di trombone basso, accompagnando artisti come Renato Zero, Claudio Baglioni, Laura Pausini…

Tutte le suddette trasmissioni sono andate in onda su Rai uno.

Marco Maiore – sax tenore

Inizia gli studi musicali nel 1988 frequentando la Associazione Musicale della Banda di Ittiri, dove in seguito sarà impegnato in veste di insegnante e direttore della Banda. Dal 1996 frequenta il Conservatorio L.Canepa a Sassari, dove nel 2003 consegue il diploma di Sassofono.

Vanta esibizioni in diversi concerti (come solista, orchestra classica, orchestra jazz, formazioni corali, duo trio quartetto e quintetto di sassofoni etc) spaziando in vari ambiti musicali (classico, moderno, jazz, blues sino alla musica leggera).

Dal 2001 inizia a collaborare stabilmente con l’Orchestra Jazz della Sardegna partecipando come strumentista alla attività concertistica in decine di esibizioni (tra cui la tournèe in Spagna nel 2004) e alle sue produzioni musicali (con G.Gaslini, C.Towns, B.Tommaso, M.Tiso, P.Fresu, M.P.De Vito, F.Boltro, J.Girotto, P.Sambeat etc..).

Dal 2002 fa parte dell’organico orchestrale nei concorsi Internazionali di Composizione ed Arrangiamento “Scrivere in Jazz” organizzati dalla Associazione Blue Note Orchestra.