A Milis le sere d’estate tra musica immagini e parole

Per motivi organizzativi, legati al piano di sicurezza, l’evento che doveva tenersi il prossimo 17 luglio, nel sito di Cobulas – Cuccuru de is zanas, ubicato tra la fascia pedemontana meridionale del Montiferru e il Campidano settentrionale, in prossimità dell’ex strada provinciale n. 15  Milis – Bonarcado, è stato spostato a martedì 30 luglio con lo stesso programma.

l’Amministrazione comunale di Milis, guidata da Sergio Vacca, che ha coinvolto numerose associazioni del paese, ci tiene tantissimo a questo evento, teso alla valorizzazione del sito, in concomitanza con la conclusione della campagna di scavi 2019.

Album di default

Il programma prevede una visita guidata del sito archeologico, con l’apertura al pubblico degli scavi, dove gli archeologi Pier Giorgio Spanu e Giuseppe Maisola, del Dipartimento di Storia, Scienza dell’Uomo e della Formazione, dell’Università di Sassari, illustreranno i risultati delle ultime ricerche.

Album di default

L’insediamento è costituito da un grande nuraghe complesso e da un esteso abitato con fasi comprese tra l’età del Bronzo recente (XIV – XII Secolo a.C.) e l’Alto Medioevo (VII Secolo d.C.), già oggetto di varie campagne archeologiche, effettuate tra il 1985 e il 1990 dall’allora Soprintendenza Archeologica per le province di Cagliari e Oristano. Le nuove campagne di scavo, l’ultima delle quali conclusasi questi giorni, si pongono una serie di obiettivi, tra i quali quelli relativi alle tipologie insediative e alla vita quotidiana delle fasi romana e tardo antica, ma anche di approfondire lo studio della complessa stratigrafia a partire da quelli emergenti per giungere sino al terreno vergine, in modo tale da ricostruire le fasi di sviluppo e abbandono dell’insediamento.

Il programma prevede anche un aperitivo, offerto dagli organizzatori  e una serata musicale “Sa die e sa notte de Cobulas 2019”, col noto blues man Vittorio Pitzalis, vincitore del Festival blues di Rovigo del 2018, che quest’anno ha rappresentato l’Italia al Festival Nazionale del Blues di Menphis, e per lo spettacolo di Cobula de is zanas, presenterà anche il suo ultimo lavoro discografico “Jimy James”. Ad accompagnarlo, il grande percussionista oristanese Antonio Sardu, storico batterista dei Salis & Salis, con numerose collaborazioni insieme ad artisti nazionali e internazionali, oltre che ideatore, insieme al gioielliere Nanni Rocca del Plettro d’Autore, un premio alla carriera conferito già a dieci protagonisti della musica isolana, ma anche organizzatore di tanti eventi musical culturali, che periodicamente si svolgono a Milis, nella sua antica casa padronale del 1787. 

Gian Piero Pinna

Album di default