Tertenia. Coltivavano in casa piante di cannabis “indica”: madre e figlio arrestati

Continuano senza sosta i controlli, nell’ambito dei servizi mirati al contrasto dello spaccio e al consumo di sostanza stupefacente disposti dal Comando Provinciale di Nuoro.

Nello specifico, al termine di un periodo di osservazione e nell’ambito di un vasto servizio finalizzato al contrasto dei reati in materia di sostanze stupefacenti, i Carabinieri della Stazione di Tertenia hanno arrestato in flagranza di reato per coltivazione di sostanza stupefacente due persone del posto, madre e figlio, rispettivamente di 44 e 21 anni.

Le operazioni sono iniziate alle prime luci dell’alba quando, con l’ausilio del Nucleo Cinofili dello Squadrone Eliportato “Cacciatori di Sardegna” e di militari del Comando Compagnia di Jerzu e della locale Stazione, hanno fatto irruzione all’interno della villetta dei due soggetti.

La perquisizione permetteva di rinvenire, all’interno di un orto ben occultato e ricavato nel terreno di proprietà, 56 piante di “cannabis indica” di varia altezza (la più piccola di cm 40 e la più alta di cm 140), in ottimo stato di coltivazione e recentemente innaffiate. Le operazioni venivano estese alle autovetture di proprietà e alla abitazione dei soggetti e avevano esito positivo poiché venivano rinvenuti ulteriori 11 grammi di sostanza stupefacente del tipo “marijuana” e materiale vario per il confezionamento delle dosi.

Il materiale e lo stupefacente sono stati sequestrati mentre madre e figlio dovranno rispondere di coltivazione illegale di sostanze stupefacenti in concorso. Questi ultimi, in attesa di rito direttissimo, sono stati collocati agli arresti domiciliari.