Golfo Aranci. Persona perde l’orientamento, ritrovata dalla Guardia Costiera nel Golfo di Cugnana

Questa mattina l’Ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci al Comando del TV (CP) Angelo FILOSA è stato allertato dalla Security portuale per la presenza in Porto di due turisti tedeschi giunti via mare.

Se la sono vista brutta i due turisti sportivi di 33 e 50 anni, che erano partiti in canoa dalla spiaggia di Nodu Pianu del Comune di Golfo Aranci, incuranti delle cattive condizioni meteo-marine. Si sono giustificati dicendo che le “acque di Nodu Pianu erano piatte”, invece sono stati spinti dal vento e dalla corrente fino al Porto di Golfo Aranci, e con grande sforzo fisico ed un po’ di fortuna sono riusciti ad approdare presso la costa.

Gli uomini della Security Portuale li hanno praticamente raccolti dal mare e portati al sicuro presso la Stazione Marittima, in evidente stato di ipotermia. Qui la Security e la Guardia Costiera hanno fornito l’assistenza per le persone in stato di iportemia con bevande tiepide e coperte per mantenere e recuperare il calore corporeo.

Molta paura per i due turisti tedeschi che potevano tranquillamente essere spinti al largo dal vento e dal mare, se non fosse che le condizioni attuali li hanno comunque portati verso le ostruzioni portuali. Un’avventura veramente pericolosa quella intrapresa dai due, soprattutto perché non avevano con loro mezzi di comunicazione e non vi erano pescherecci o diportisti in navigazione a causa del maltempo. I due (tra cui uno è di professione medico) non hanno voluto assistenza del Servizio 118 e, allertati i familiari, sono poi tornati presso il loro domicilio.

Il Comandante di Golfo Aranci ricorda a tutti gli sportivi che il mare non va sfidato e che bisogna viverlo in completa sicurezza, osservando attentamente le condizioni del mare e del vento e informandosi sempre sulle previsioni meteo del giorno, sulle correnti e sui venti predominanti presenti in zona. Inoltre in questi casi la tecnologia aiuta, ed oggi per fortuna non manca (cellulari, rilevatori di posizione ecc…), ed è sempre bene utilizzare anche i sistemi tradizionali di sicurezza come indossare i giubbotti di salvataggio per i canoisti che si spingono al largo…

Infine, il Comandante Filosa chiede ausilio alla cittadinanza locale, al personale delle strutture ricettive, ai pescatori, ottimi conoscitori delle insidie del litorale, affinché quando notano turisti imprudenti possano sempre fornire loro i giusti consigli e avvertimenti.

L’ufficio Circondariale Marittimo di Golfo Aranci, coordinato dal Direttore Marittimo C.V.(CP) Maurizio TROGU ricorda, in qualsiasi evenienza, il numero blu gratuito 1530, oltre ai consueti mezzi di comunicazione.

tedeschi