Che fine ha fatto la nuova compagnia nata dalle ceneri di Meridiana, Eurofly, Air Italy?

Sono passati mesi tra annunci e tagli di torte, ma della nuova compagnia nata dalle ceneri di Meridiana, Eurofly, Air Italy, con l'ambizione di cambiare il mondo del trasporto aereo commerciale, neanche l'ombra

Più informazioni su

Siamo rimasti pazientemente in attesa che tutti i proclama si trasformassero in una realtà concreta e tangibile, fattadi aerei, operativi stabili, sviluppo, lavoro, profitto.

Non si può dire che le condizioni di partenza non fossero vantaggiose:

Il Qatar benefattore si è insediato con un’azienda snellita in maniera selvaggia sia nella quantità (leggasi licenziamenti) sia nella qualità (contratti di lavoro capestro, miseri e sotto costo).

Nonostante ciò e nonostante l’avallo a qualsiasi suo desiderio da parte della politica e delle solite note compagini sindacali, il nuovo attore è rimasto impantanato nelle sue poche e confuse idee che continuano a registrare epic-fail in termini di destinazioni e conseguente sviluppo.

È davvero molto difficile non notare preoccupanti similitudini con la storia recente targata Alitalia/Etihad con l’obbligo, però, di tenere a mente che purtroppo la nostra realtà è sprovvista dell’artificiosa ed artefatta solidità della compagnia di bandiera.

Per defibrillare una compagnia morente non basta un velo di trucco, un’uniforme nuova (ancorché dozzinale per tessuto e manifattura) quattro nuovi capetti a cui attribuite ruoli modesti elevandoli ad un rango inesistente.

Non sono piattini e forchettine a rappresentare l’asset industriale vero alla base del rilancio di un brand.

Tanto per rendere il concetto più chiaro:

Non è agli italiani che vanno insegnati i concetti di bellezza, stile ed accoglienza.

Quello che si chiede ad un partner industriale forte e capace che si presenta come portatore sano di know-how è che implementi strategie di sviluppo, frutto di studi di mercato e non di capricci o desiderata, che abbiano un’unica finalità: far volare aerei pieni con una programmazione a lungo termine ed una capillare organizzazione operativa.

Alla base di questo deve necessariamente esserci un management vero e non improvvisato, ricerche di mercato e posizionamento, vertici in grado di compiere azioni e scelte calibrate su dati e non su tentativi goffi e scomposti da start up di provincia.

I numeri parlano chiaro.

Abbiamo 10 aerei.

Dei programmi iniziali non è rimasto nulla, si aprono rotte “a caso” per poi chiuderle non appena i dati di vendita dimostrano che no, non c’è mercato.

Dati che forse andavano studiati prima, evitando fanfare ed improbabili tagli di nastro.

Quello di cui abbiamo bisogno è di un management con la “M” maiuscola. Un team davvero qualificato che sia in grado di farci operare con ambizioni realistiche in un mercato ultra competitivo come quello europeo prima e mondiale poi.

Per ora il bilancio è il seguente: apertura e chiusura di rotte improduttive, perdita di presidi storici e solidi,dismissioni di aeromobili, salvo prenderne in wet leasing nemmeno ricorrendo a quelli del partner, e cessioni di personale tecnico (piloti) altamente qualificato a competitors diretti.

Tutti indicatori chiari di quanto confuse ed inadeguate siano le idee di chi oggi ha in mano le redini di questa azienda.

Avanti così dunque?

AP – Associazione Piloti 

 

Più informazioni su