Cagliari. Controlli della Polizia in un bar vicino alla stazione: trovata cocaina, slot abusive e sporcizia

Nella serata di ieri la Questura di Cagliari ha intensificato i controlli nella zona limitrofa a Piazza Matteotti..Si è trattato di una serie di attività che hanno visto coinvolte più articolazioni della Polizia di Stato, nonché enti esterni.

È proprio grazie ai servizi svolti nell’ultimo periodo dal personale della Polizia Ferroviaria che ieri sera è scattato un vero e proprio blitz presso un noto bar, posizionato di fronte agli ingressi della stazione centrale di Cagliari, in cui è stata verificata la costante presenza di pregiudicati.

Mentre le volanti provvedevano a mettere in sicurezza la zona, nell’ambito della precipua attività di controllo del territorio, il personale dei falchi della squadra mobile, coadiuvati dai cinofili con i cani antidroga, ha ispezionato i locali del bar ove è stato fermato uno spacciatore algerino, O.M.Z. di anni 19, già noto per aver commesso delle rapine, in possesso della somma di  620 euro e 5 grammi di sostanza stupefacente, nella fattispecie cocaina, già confezionata in dosi pronte per la vendita .

Contemporaneamente la squadra della Polizia Amministrativa ha eseguito una serie di controlli tesi a verificare la regolarità delle licenze, ai sensi del TULPS, in particolare la somministrazione di alimenti e bevande, con l’ausilio di ispettori della ASL, nonché la liceità delle attività di giochi e scommesse e quella degli apparecchi elettronici da divertimento, in collaborazione con personale dei Monopoli di Stato.

All’esito dei controlli la squadra di Polizia Amministrativa ha sequestrato nr.7 apparecchi elettronici irregolari, sui quali sono in corso ulteriori accertamenti per valutarne la conseguente sanzione amministrativa, mentre gli ispettori della ASL ne hanno elevato una di € 1.000, per le scarse condizioni igienico-sanitarie, oltre che strutturali del locale.

È in corso la valutazione, da parte del Questore, della possibile chiusura del locale ex art.100 TULPS.