Apoxiomeno Awards: anche un pezzo di Sardegna nell’edizione del 2019

Ci sarà anche un pezzetto di Sardegna nell’edizione 2019 dell’Apoxiomeno Award, Premio dedicato alle Forze dell’ordine rappresentate in quasi tutte le forme artistiche che hanno accolto il tema della divisa. Susanna Loriga, criminologa, psicologa e docente sarda (anche se ormai da anni sulmonese d’adozione), riceverà il prestigioso riconoscimento che negli anni ha visto premiare personaggi della cultura, dello sport, dello spettacolo, ( tra questi anche premi oscar), che hanno valorizzato all’interno del proprio mondo professionale, l’attività delle Forze dell’Ordine “ed hanno contribuito a rafforzare e cristallizzare il sentimento di fiducia e vicinanza che caratterizza il rapporto col cittadino”.

L’edizione 2019, la numero XXIII, che si svolgerà a Sorrento dal 6 al 9 giugno avrà anche un partner d’eccezione tutto sardo. La 11 Travel Group, azienda che si occupa dell’organizzazione dell’accoglimento degli ospiti, ha profonde radici cagliaritane. Alessandro Pitzianti, General Manager, è già in Campania da qualche tempo per curare al meglio la logistica e la macchina organizzatrice per la manifestazione di un premio così prestigioso.

Intanto sono sempre più illustri le presenze all’Apoxiomeno Award. Attualmente hanno già confermato la loro presenza nientemeno che MATT DILLON, BETTY THOMAS, SIBEL KEKILLI, ELŻBIETA ŻYWUCKA KOZŁOWSKA, ENRICO FEDOCCI, CLAUDIO CAMARCA E MASSIMILIANO ANGELONI. La premiazione si svolgerà, dalle ore 19, sabato 8 giugno al Teatro Tasso di Sorrento.

Apoxiomeno Award”, così lo traducono gli anglosassoni perché il premio è molto conosciuto e ambito nelle produzioni cinematografiche e televisive internazionali e di Hollywood, è dedicato alle arti performative con cinema, televisione, musica, arte e sport in divisa.

L’idea del premio è del Tenente Colonnello Orazio Anania, che presiede l’Associazione “L’Arte di Apoxiomeno”; Simone Orlandini sarà il direttore artistico della XXIII edizione.

Il Premio verrà consegnato a Sorrento durante una serata di cerimonia e galà esclusiva con un nutrito parterre di ospiti nazionali, internazionali, Autorità delle Forze dell’Ordine e Istituzionali nazionali e regionali.

Il Premio ha l’obiettivo di contribuire alla promozione e alla diffusione della cultura della legalità, giunto alla XXIII edizione, il riconoscimento anche quest’anno viene assegnato a personaggi dello sport, dello spettacolo e della cultura internazionale che attraverso la loro attività lavorativa o professionale hanno dato lustro alle Forze dell’ordine.

Anche quest’anno sono previsti dei riconoscimenti in ricordo di Alberto Sordi che saranno consegnati dal nipote del grande attore romano, il giornalista e conduttore radiotelevisivo Igor Righetti, a Matt Dillon e a Betty Thomas.

Sempre a proposito di Alberto Sordi, l’Associazione “L’Arte di Apoxiomeno” presenterà assieme a Igor Righetti, una richiesta formale all’Academy per l’assegnazione di un Oscar alla carriera all’Albertone nazionale il quale, nella sua lunga carriera artistica durata oltre cinquant’anni, ha ricevuto tutti i riconoscimenti più prestigiosi (9 David di Donatello, 6 Nastri d’argento, un Orso d’oro e un Orso d’argento a Berlino, un Golden Globe e il Leone d’oro alla carriera alla Mostra del cinema di Venezia) ma mai l’Academy Award.

Ci sono linguaggi cinematografici, televisivi, letterari, giornalistici che rincorrono l’autenticità, che costruiscono la loro forza sulla finzione e sulla costruzione della realtà. Lo scripted reality invece si ispira alla realtà – “based on true story” dicono gli anglosassoni per definire il genere – per costruire una gabbia di finzione da cui prende vita il racconto. L’Apoxiomeno è questo il punto d’incontro tra quello che è vita reale e finzione. Tra il tutore dell’ordine che tutti i giorni affronta le difficoltà del mestiere e il genere poliziesco, noir, giallo che questa vita la vuole raccontare con la spettacolarizzazione necessaria. Il Premio che da 23 anni porto avanti è di grande attualità, soprattutto in questo momento storico. Le partecipazioni di alte cariche delle Forze dell’Ordine e di star internazionali dimostrano che il tema è molto sentito e di grande contemporaneità. Dalla serata dell’8 giugno parte la XXIV edizione, con rassegne cinematografiche, corsi nelle scuole – dopo l’esperienza fatta nella Regione Emilia Romagna – gradirei estenderlo a molte altre regioni. Nel prossimo futuro Saremo presenti all’Istituto di Cultura Italiana del Consolato di Los Angeles, a San Pietroburgo, per continuare gli ottimi rapporti fino ad oggi esistenti tra l’Apoxiomeno e il cinema americano e iniziare una nuova collaborazione con la cultura russa. Per il 2020 è prevista una consolidata collaborazione con la Germania, la Polonia, la Romania e la Moldavia.

In Italia parteciperemo al Festival del Cinema di Roma con la mostra cinematografica interattiva Carabinieri nel Cinema Italiano. La nostra associazione ha oramai consolidato rapporti diplomatici e culturali con tutte le polizie del mondo. Il nostro premio e’ secondo solo al Festival del cinema poliziesco di Liegi che organizzano in memoria di Georges Simenon, autore del Commissario Maigret.

Questa la dichiarazione del Presidente del Premio nonché Direttore Artistico Tenente Colonnello Orazio Anania

PREMI INTERNAZIONALI

CINEMA

  • MATT DILLON, protagonista del film premio Oscar Crash

TELEVISIONE

  • Betty Thomas, protagonista della rivoluzionaria serie televisiva americana “Hill Street blues”

  • Sibell Kekilli, protagonista della serie televisiva tedesca “Bulletts”

  • Claudio Camarca, regista della serie televisiva Rai “Lo Squadrone”

FORZE DELL’ORDINE

Polizia Moldava di Chisinau

GIORNALISMO

  • Enrico Fedocci, inviato Canale 5

ARTE

  • Massimiliano Angeloni, apprezzato fotografo

LETTERATURA

  • Roberto De Luca, scrittore

CULTURA E SOCIETA’

  • Susanna Loriga

Negli anni sono stati premiati tra i tanti:

Stefano MEI (campione europeo di atletica nei 10000 mt. a Stoccarda nel 1986), Livio BERRUTI (medaglia d’oro sui 200 mt. alle olimpiadi di Roma 1960), Giacomo CROSA (giornalista Mediaset e campione nel salto in alto con la magli adell’Aeronautica), Maria GUIDA (campione d’Europa di maratona a Monaco di Baviera nel 2002), Annarita SIDOTI (compianta campione del mondo di marcia), Flavio INSINNA (attore protagonista con la divisa dell’Arma dei carabinieri nella serie televisiva Don Matteo), Franco BRAGAGNA (giornalista Rai), Domenico FORTUNATO (attore protagonista con la divisa segreteria@premioapoxiomeno.it – www.premioapoxiomeno.it dell’Arma dei carabinieri nella serie televisiva Gente di mare), Albano CARRISI (notissimo cantante produttore di un vino dedicato all’Arma dei carabinieri), Simone MONTEDORO (attore protagonista con la divisa dell’Arma dei carabinieri nella serie televisiva Don Matteo), Gatto PANCERI (notissimo cantautore milanese), l’ex ambasciatore italiano presso l’ONU Paolo FULCI, Massimo RANIERI (più volte impegnato in film cinematografici e televisivi in ruoli ho ha vestito una divisa militare, tra questi: “La sciantosa” e “Salvo D’Acquisto”); gli attori carabinieri Franco NERO e Michele CASAGRANDE, lo scrittore Andrea CAMILLERI, la giornalista Carmen LASORELLA, Lando BUZZANCA, il Gen Luciano GAROFANO, Dacia MARAINI, Francesco GUCCINI, Renato POZZETTO.Nelle ultime edizioni hanno partecipato alla Rassegna e ricevuto il Premio le medaglie d’oro olimpiche Alessandro PUCCINI e Salvatore SANZO, la pluricampionessa mondiale dipattinaggio Silvia MARANGONI, Sergej MICHALKOV, Andrej KONCIALOSKY, JackO’HALLORAN, Corinne TOUZET, Ottavia PICCOLO, Pino AMMENDOLA, Valerio ZELLI,Marco COLUMBRO, Gabriel GARKO, Taylor HAKFORD, Helen MIRREN, il COMMISSARIO REX, Abel FERRARA, Robert EDSEL, Vittorio STORARO, Rosaria RENNA, l’attore peruviano Richard CHAVEZ, la REGIONE TOSCANA per la Casa Museo Siviero, Sandro GIACOBBE, Remo GIRONE, Milo MANARA, Paul HAGGIS, Billie AUGUST, Manuela ARCURI, Giulio BERRUTI, Vincent RIOTTA, Fioretta Mari, Stefano Burbi, Renato RAIMO (2016), Colin FIRTH e Gina LOLLOBRIGIDA. Mark STRONG, Robert MORESCO, Alessandro MELUZZI, Igor RIGHETTI, PESCHMERGA del Kurdistan e polizia rumena nella scorsa edizione

“PREMIO APOXIOMENO 2019”

Cinema, Televisione, Teatro, Musica, Arte e Sport in Divisa

L’Associazione culturale “L’Arte di Apoxiomeno” si è costituita a Firenze nel 2014, con lo scopo di organizzare e diffondere il “Premio internazionale Apoxiomeno”; il Premio giunto alla sua XXI edizione è attribuito a chi da lustro alle Forze dell’ordine in ambito internazionale, attraverso azioni mediate ed immediate profuse nel campo delle arti, della cultura e dello sport; nell’opuscolo allegato ne raccontiamo la storia; negli ultimi quattro la Rassegna ha un respiro internazionale. L’Associazione nasce da una costola dell’Associazione culturale siciliana “Divertiamoci correndo”, fondata nel 1993, titolare del Premio Apoxiomeno, che continua ad operare a stretto contatto, interessandosi di tematiche differenti ed organizzando altro tipo di manifestazioni sempre rivolte ai giovani e alle performing arts.

L’Apoxiomeno è dunque un Premio, dedicato alle Forze dell’ordine rappresentate in quasi tutte le forme artistiche che hanno accolto il tema della divisa. Da qualche anno ha assunto un valore ancora più speciale per la presenza di importanti e prestigiosi protagonisti del panorama internazionale.

Si guarda dunque all’opera degli apparati di sicurezza e ai loro uomini attraverso gli occhi del Cinema, della Televisione, della Musica, del Teatro, della Letteratura, dell’Arte e dello Sport.

Il riconoscimento, per tale motivo, è assegnato a personaggi o Istituzioni che attraverso la loro attività lavorativa o professionale hanno dato, e danno, lustro alle forze dell’ordine.

Il Premio è rappresentato da una statuetta d’argento, appositamente ideata è realizzata dallo scultore aretino Carlo Badii; rappresenta l’atleta greco che si deterge dagli olii usati pur ungere il proprio corpo, attraverso l’uso dello strigile, tema ripreso da Apoxiomeno classici. .

I PARTNERS

Ministero dell’Interno, della Difesa e della Cultura;

Comune di Sorrento

  • ANCRI, Associazione insigniti al merito della Repubblica

  • IPA (International Police Association), nel contesto internazionale, è un Organo del Consiglio Economico e Sociale d’Europa, dell’ONU e dell’O.A.S. . Recentemente gli è stato conferito lo status di “International NGO maintaining operational relations within the UNESCO”. E’ un Organismo apolitico, presente in ben 61 Stati sparsi nei cinque continenti. Conta nel mondo, oltre 375.000 aderenti, di cui circa 15. 000 solo in Italia. Si propone di avvicinare fra loro gli appartenenti alle diverse Forze di Polizia, elevandone nel contempo il livello culturale e professionale attraverso manifestazioni di vario genere: con viaggi-studio (all’interno ed all’estero, facendo conoscere Paesi diversi, i loro usi, i loro costumi, la loro civiltà), con le conferenze e i dibattiti (anche pubblici, onde stabilire una diversa intesa fra il pubblico e le Forze dell’Ordine), con incontri ed attività culturali.

Per ulteriori informazioni 3386113380