Al Castello di Gallipoli le finali nazionali del Torneo Nazionale di Geometriko

Il torneo giunto alla 4° edizione è organizzato con il supporto logistico di Caroli Hotels, azienda sempre attenta alla promozione del territorio attraverso una serie di iniziative che si sviluppano nel corso dell’anno in un calendario di eventi denominato “Svieni a Gallipoli”. I ragazzi sono provenienti da varie Regioni.

L’organizzazione è affidata al Centro Pristem dell’Università “L. Bocconi” di Milano, dalla Rete Didattica “Emma Castelnuovo”, dal Liceo Scientifico “L. da Vinci” di Maglie che mette a disposizione decine di studenti e docenti che si preparano per tutto l’anno al fine di una realizzazione ottimale dell’evento.

Cosa è Geometriko? Non ci sono definizioni in grado di descrivere Geometriko in modo semplice e questo forse giustifica i tanti successi che sta raccogliendo tra studenti, insegnanti e famiglie. Certamente, prima di tutto, Geometriko è un modello ludo-didattico, ma ciò che lo rende ancor più accattivante è che si gioca con le carte.

advertisement

Le carte non sono un videogame e gli avversari non si trovano da qualche altra parte del mondo: tutto ciò che serve per fare una partita è “materialmente” tra le mani del giocatore e gli avversari sono seduti allo stesso tavolo.

Intorno ad un gesto semplice quale può essere quello di “scartare” una carta, c’è tutta una serie di azioni: si elaborano strategie di scelta, si interagisce con gli altri giocatori, ci si guarda negli occhi, si cerca la concentrazione per elaborare una domanda per soddisfare il “Caprone Ugo” o per saper rispondere.

E, cosa più importante di tutti, si parla il linguaggio comune della geometria in un modo mai ottenuto prima, perché lo si fa per giocare e, certamente, per vincere. Ecco perché non è difficile comprendere il successo di Geometriko tra studenti di fasce di età così diverse (dalla Scuola Primaria, alla Secondaria di II grado): Geometriko è divertente, strategico, creativo (per certi aspetti ricorda i più che famosi “Yu-Gi-Oh!” e “Magic”, tanto popolari tra i bambini e gli adolescenti dagli 8 ai 14 anni) e inoltre sfrutta le conoscenze, le abilità logiche, la memoria, come qualsiasi gioco di carte molto caro anche ai ragazzi più grandi.

La storia di Geometriko parla da sola. Maggio 2014: I Torneo di Classe (sperimentazione pilota), iscritti 19 studenti di un Liceo Classico di Treviso. 2015: Torneo Provinciale Pilota (Treviso), iscritti 500 studenti di categoria G3 (studenti scuole secondarie di secondo grado non Liceo scientifico). 2016: 1° Torneo Nazionale.

Iscritti 3.600 studenti, provenienti da tutte le regioni italiane. 2017: 2° Torneo Nazionale (il primo sotto l’ombrello del PRISTEM), iscritti 12.400 studenti provenienti da tutte le regioni italiane, di categoria G1 (Scuola Primaria), G2 (Scuola Secondaria di I grado), G3 e G4 (Liceo Scientifico). 3° Torneo Nazionale, iscritti 19.600 studenti provenienti da tutta Italia e, infine, il 4° attuale Torneo Nazionale con la cifra record di 22.000 iscrizioni!

I giocatori sono chiamati a risolvere in pochi minuti alcuni problemi di geometria piana o dimostrazioni di proprietà e teoremi, tratti anche dalle prove INVALSI. Sono previste penalizzazioni per i giocatori che, giocando senza cognizione di causa, commettono errori di geometria (la “Multona Geometrika”) e non mancano momenti di suspense grazie alle Flash-Card, che, come accadeva con le carte “Imprevisti” e “Probabilità” del “Monopoli”, possono ribaltare le dinamiche di una partita.

L’ideatore di Geometriko è Leonardo Tortorelli, già divulgatore scientifico, autore e coautore di diversi libri, attualmente scrive per la casa editrice Erickson e Dedalo, docente di Matematica presso il Liceo Leonardo da Vinci di Maglie (Lecce). Attualmente è per il Centro PRISTEM responsabile scientifico del progetto “Torneo Nazionale di Geometriko”.

Concretamente, il “Torneo Nazionale di Geometriko” è una gara articolata in più fasi: Torneo di Classe; Torneo di Istituto, Torneo Regionale, Torneo Nazionale; si articola nelle tre seguenti gare: Semifinali Nazionali; e Finalissima Nazionale.

Caroli Hotels rappresenta la tradizione di ospitalità nel Salento dal 1965, quando Attilio Caroli e Gilda Nuzzolese aprono a Santa Maria di Leuca l’Hotel Terminal e poi nel 1976 rilevano il complesso alberghiero Le Sirenuse a Gallipoli, trasformato successivamente in Ecoresort Le Sirenè.

Con l’arrivo della terza generazione – Annamaria, Attilio, Gilda e Pierluigi Caputo – sono acquisite nuove strutture: nel 1985 l’ottocentesca Villa La Meridiana a Santa Maria di Leuca; nel 1987 il Joli Park Hotel di Gallipoli; nel 1995 si avvia la ristrutturazione del Bellavista Club sempre a Gallipoli. Alle attività alberghiere la famiglia Caroli – Caputo ha affiancato dal 1995 la commercializzazione di prelibatezze enogastronomiche salentine con il marchio La Dispensa di Caroli, il servizio di Agenzia Viaggi Caroli Turismo e la promozione del Salento attraverso le attività sportive con il brand Caroli Sport.

Oggi siamo giunti alla quarta generazione con i pronipoti Mario e Gabriele, i posti letto sono oltre mille e Caroli Hotels s’impegna costantemente nella formazione professionale, nella ricerca di nuovi servizi e iniziative per la promozione del territorio. Con SVieni a Gallipoli organizza un fitto calendario annuale di eventi in tutto il Salento, che spaziano dallo sport all’arte, dalla gastronomia alla cultura, dal benessere alla spiritualità. Innovazione e dinamismo, servizi efficienti e accoglienza tagliata su misura, con particolare attenzione alle esigenze della famiglia. Certificati Ecolabel EU, nei Caroli Hotels si utilizzano le tecnologie più innovative legate al campo delle energie alternative rinnovabili e materiali a basso impatto ambientale.