Europee, il patto di ferro degli aspiranti sindaci siciliani della Lega: “A Bruxelles manderemo i candidati espressione dei nostri territori”

"In Europa manderemo i candidati della Lega espressione dei nostri territori, cittadini siciliani competenti, motivati e radicati nelle rispettive comunità".

Più informazioni su

“In Europa manderemo i candidati della Lega espressione dei nostri territori, cittadini siciliani competenti, motivati e radicati nelle rispettive comunità che ci rappresenteranno con onore sui tavoli di Bruxelles, anche battendo i pugni per farsi rispettare, nell’interesse esclusivo della Sicilia”.

Lo dichiarano gli aspiranti sindaci siciliani della Lega in corsa per le elezioni amministrative del 28 aprile nelle provincie di Palermo, Trapani e Caltanissetta. Sono Giuseppe Romanotto, a Monreale; Gino Di Stefano a Bagheria; Giorgio Randazzo a Mazara del Vallo; Oscar Aiello a Caltanissetta, e Giuseppe Spata a Gela.

Oggi (mercoledì 17 aprile) i sindaci leghisti si sono dati appuntamento nella sede della Lega Salvini Premier, a Palermo, per sostenere compatti tre candidati alle elezioni europee del 26 maggio nel collegio Sicilia e Sardegna: Igor Gelarda, palermitano, responsabile regionale enti locali della Lega e capogruppo in Consiglio comunale a Palermo, Maria Concetta Hopps, di Mazara e Annalisa Tardino, di Licata.

“Stiamo lavorando per costruire un ponte ideale tra la Sicilia e Bruxelles – dice Gelarda – da percorrere con rappresentanti forti che, soprattutto, si siano spesi concretamente sui territori. Lo spirito della Lega è anche e soprattutto l’essere fedeli alle rispettive comunità nell’esclusivo interesse dei cittadini. Lo faremo sia nei Comuni siciliani che al parlamento europeo – conclude Gelarda – per costruire il nostro futuro da siciliani liberi indipendenti”.

(Nella foto, da sinistra, Giuseppe Romanotto, Gino Di Stefano, Annalisa Tardino, Igor Gelarda, Maria Concetta Hopps, Giorgio Randazzo)

Sicilia

Più informazioni su