Amministrative: solo confronti programmatici per gli interessi dei sardi

Per il Partito dei Sardi le elezioni amministrative di giugno saranno il primo vero banco di prova, dopo le elezioni sarde di febbraio, che sfiderà la capacità dei partiti indipendentisti di ritrovarsi in un  quadro  unitario  che  guardi compatto al mondo del civismo, dell’impegno sociale, della tutela dei diritti, che sappia rifuggire da qualsiasi astensionismo per ambire ad una dimensione governativa e di guida delle comunità Sarde.

Ecco perché in queste settimane, peraltro dedicate alla preparazione del Congresso, abbiamo privilegiato il confronto solo con forze politiche a noi affini e con le quali ci siamo ritrovate nella strategia della “convergenza” sui programmi e sui temi specifici, giungendo ad un punto di sintesi estremamente avanzato.

Non essendo organici né all’attuale centrosinistra né al centrodestra, non partecipiamo a tavoli politici ma solo a occasioni programmatiche di costruzione di un percorso che guardi al buon governo e alla buona amministrazione dei nostri Comuni.

Pensiamo infatti che un indipendentismo moderno possa nutrire adeguatamente la voglia di rappresentanza e di autorevolezza che si registra nelle nostre Comunità e sappia concorrere a governare meglio di altri processi complessi perché più di altri non abbiamo dimenticato né chi siamo né da dove veniamo.

Gianfranco Congiu

Portavoce del Partito dei Sardi