Norbello. Simone Carrucciu ottimo coltivatore di sport a tutto campo

Grande soddisfazione nella sede di via Mele per il nuovo incarico del presidente Simone Carrucciu che viene eletto per la terza volta consecutiva membro della giunta del Comitato Italiano Paralimpico Sardegna.

“Per me è una grande soddisfazione far parte di questa nuova squadra capeggiata da Cristina Sanna, amica ma soprattutto solare e competente donna di sport – rimarca il raggiante dirigente giallo blu – che a mio avviso riuscirà ad imprimere una politica armoniosa e ad ampio spettro. Le formulo i più ottimistici auguri. Da parte mia farò in modo che il Tennistavolo Paralimpico possa crescere ulteriormente in Sardegna e spero anche a Norbello, dove la nostra società è stata la prima ad aprirsi a questo universo meritevole sempre più di attenzione e diffusione”.

Il team guilcerino presente ai campionati italiani assoluti disputati in Alto Adige: la coppia del doppio misto formata da Ana Brzan e Maxim Kuznetsov è avanzata brillantemente fino ai quarti di finale estromettendo un duo di lusso composto da Marco Rech e Chiara Colantoni. I due si sono pure cimentati nel singolo assieme all’adolescente tutto pepe Gaia Smargiassi.

Mentre il trio si esibiva a Bolzano, la palestra comunale di via Azuni, tirata a lucido come sempre, sia nell’area prettamente sportiva, sia negli accoglienti spazi igienici (non capita spesso di vederli così impeccabili in altre sedi), ha aperto i cancelli agli appassionati per i tornei regionali di Terza e Quarta categoria.

“La nostra società ha una propensione nazionale e spesso internazionale – aggiunge Carrucciu – ma in qualità anche di presidente della FITeT Sardegna, che appoggia queste iniziative, mi sento in dovere di valorizzare sempre di più anche il movimento locale con manifestazioni di richiamo da organizzare in gran parte del territorio isolano. Ringrazio tutti i partecipanti perché hanno dato vita ad una bella giornata di sport”.

Archiviato il passato prossimo, c’è da gestire al meglio la nuova invasione dei campionati nazionali e regionali. L’appuntamento clou è per sabato sera con l’arrivo in palestra dei campioni d’Italia dell’Apuania Carrara che assicureranno buon gioco e spunti utili ad affinare le proprie tecniche personali. L’ingresso come sempre è gratuito.

OCCHIO AI MOSTRI SACRI

La salvezza è lontana, ma si può ancora acchiappare con qualche gesto miracoloso: per esempio strappare un punto ai marziani toscani che nel loro organico contemplano degli autorevoli pesi massimi. Con il 95,2% Aliaksandr Khanin, bielorusso, rappresenta il fiore all’occhiello del team che sta seguendo il capo classifica Milano. Poi c’è lo sloveno Jan Zibrat, solo 5 sconfitte patite in campionato; infine il fresco ex Romualdo Manna che di sicuro sarà accolto con grande gioia dai tifosi.
Per contro il tecnico Franco Esposito potrà contare sull’apporto di Maxim Kuznetsov, Catalin Negrila e Omotayo Olajide.

ULTIMA CHIAMATA

C’è ancora qualche flebile speranza di rimanere a galla. Una di queste è il match contro i romani che sono avanti di due punti. Gareggeranno Ana Brzan, Federico Concas e Cesare Mozzi.

ASPETTIAMOCI DI TUTTO

In palio il penultimo posto in graduatoria, di certo un traguardo non irresistibile, ma tutto è valido per trarre motivazioni. Che prestazione saranno capaci di offrire gli imprevedibili Andrea Franceschi, Eleonora Trudu e Antonello Ledda?

ANNULLARE IL PERIODO DI STANCA

Ancora tre gare, tra cui il turno infrasettimanale del 20 marzo, e poi arriveranno le attese vacanze con i dovuti esami di coscienza su una stagione da cui forse gli stessi protagonisti si aspettavano di più. In campo i soliti noti: Mauro Mereu, Franco Sanna e Augusto Sau.