Con Joao Pedro e Ceppitelli il Cagliari ritrova il sorriso. Viola castigati alla Sardegna Arena fotogallery

CAGLIARI – Il Cagliari ritrova il sorriso, battendo per 2 – 1 alla Sardegna Arena la Fiorentina in una partita che segna il riscatto degli isolani dopo il brusco stop di Bologna.

Una vittoria che proietta i rossoblù a distanza dalla zona calda della classifica, distanziando i felsinei di nove lunghezze. Una pietra miliare verso la salvezza, insomma. Maran, costretto a rinunciare allo squalificato Bradaric ed agli infortunati Klavan, Castro, Cerri e Despodov, si affida al consueto 4 – 3 – 1 – 2 con diverse sorprese nell’undici iniziale: Cragno in porta, davanti all’estremo la linea composta da Cacciatore, Ceppitelli, Pisacane, Lykogiannis, sulla mediana Faragò e Ionita ad affiancare Cigarini in cabina di regia, sulla trequarti Barella a giostrare dietro le due punte Joao Pedro e Pavoletti.

Nella Viola di Pioli spicca il reparto avanzato con Chiesa e Muriel a spadroneggiare. La gara d’apertura della 28esima giornata, la nona del girone di ritorno, vede sardi e viola affrontarsi in una gara divertente e piena di colpi di scena – soprattutto nel secondo tempo – nella quale da spettatori neutrali non ci si annoia mai.

Primo tempo con ritmi bassi e troppo tatticismo, con il vento che condiziona le giocate delle squadre. Al 13′ le squadre si fermano per omaggiare Davide Astori. Poche le emozioni sul campo. Solo al 36′ il primo pericolo per la porta dei rossoblù, con Biraghi che si inventa un traversone per Mirallas, ma trova i riflessi di Cragno pronti a disinnescare l’insidia. Tutta un’altra storia nel secondo tempo.

I padroni di casa rientrano più determinati e decisi. Gli isolani spingono sull’acceleratore e i risultati si vedono: al 7′ Cacciatore pennella un traversone tagliato per Joao Pedro che castiga Terracciano. Il vantaggio non ferma i sardi. Anzi. E’ una carica che travolge. Al 19′ lo stesso brasiliano tenta una rovesciata deviata in corner dalla retroguardia viola.

E’ il preludio al gol del raddoppio, dopo appena due minuti di lancetta, con Lykogiannis che su punizione trova la testa di Ceppitelli per il bis isolano. Al 29′ Cagliari vicino al tris con Joao Pedro che colpisce la traversa dopo un’azione arrembante di Barella. I rossoblù rischiano di complicarsi la vita ad un passo dal traguardo finale, con Chiesa che – al 43′ – dalla sinistra sguscia via e punisce Cragno. Una magia. E’ solo un brivido, perché poi il Cagliari chiude il suo fortino e mette in cassaforte tre punti preziosissimi per la classifica.
Luciano Pirroni

CAGLIARI (4 – 3 – 1 – 2): Cragno, Cacciatore (28′ s. t. Padoin), Ceppitelli, Pisacane, Lykogiannis, Faragò, Cigarini, Ionita, Barella (35′ s. t. Deiola), Joao Pedro (38′ s. t. Thereau), Pavoletti. All. Rolando Maran

FIORENTINA (4 – 3 – 3): Terracciano, Milenkovic, Pezzella, Ceccherini, Biraghi, Benassi, Norgaard (26′ s. t. Dabo), Gerson, Chiesa, Mirallas (13′ s. t. Simeone), Muriel. All. Stefano Pioli

ARBITRO: Doveri di Roma

RETI: al 7′ s. t. Joao Pedro, al 21′ s. t. Ceppitelli, al 43′ s. t. Chiesa

Album di default