Disabilità. Il lavoro come agente di sviluppo economico

Ieri sera al THotel si è discusso del lavoro delle persone con disabilità, in modo innovativo, come agente di sviluppo economico e di innovazione a vantaggio dell’impresa.

L’incontro, che ha coinvolto attori pubblici e privati, rappresentanti del mondo delle imprese e delle famiglie delle persone con disabilità, ha affrontato il tema dell’inclusione lavorativa con un approccio pratico che ha fatto emergere come il coinvolgimento attivo dei soggetti fragili abbia ricadute positive per la vita delle aziende. Tanti gli interventi programmati nella scaletta dei lavori, davanti ad una platea di oltre 100 partecipanti.
Dopo i saluti del vice sindaco metropolitano Fabrizio Rodin, hanno preso la parola gli organizzatori dell’incontro, Rita Polo, Presidente della commissione politiche sociali del comune di Cagliari che ha raccontato le iniziative portate avanti dall’amministrazione in materia di inclusione, e Giorgio Latti, magistrato, che ha  tracciato il percorso avviato dalla legge sugli inserimenti lavorativi. Ricchi e vari contributi hanno animato la serata: Natascia Curto, con intervento in video, ha illustrato l’attività del Centro Studi per i Diritti e la vita indipendente dell’Università di Torino che riguarda i progetti personalizzati e i loro effetti nei processi aziendale;  Donatella Rubiu, dell’Aspal Agenzia Sarda per le politiche attive del lavoro ha aggiornato sul procedimento amministrativo di assunzione, le agevolazioni e i contributi per le aziende, Giuseppe Lillus Pedagogista, sul percorso pedagogico e dell’azienda Sgaravatti, in una esperienza tirocinio lavorativo molto positiva, che può essere di esempio da trasferire.
Con Ugo Bressanello Imprenditore hanno parlato le lavoratrici e i lavoratori Carlotta Sanna, Alessandro Pisanu, Maria Francesca Floris e Davide Belgiorno, di Domus De Luna, Cooperativa della Locanda dei Buoni e dei Cattivi, azienda pluripremiata a livello italiano per qualità. Anna Tedde Presidente e Benedetta Stagno Psicologa  della Coop. Sociale Elan, hanno presentato il Progetto Includis e le opportunità della rete nel terzo settore  e con le istituzioni, e infine Luigi Porrà, Presidente Associazione Centro Down, ha fatto il punto sulle  buone pratiche da rafforzare, in collaborazione con le associazioni.
In chiusura Rita Polo ha ricordato che il bando Includis è aperto fino al 30 settembre 2019, per ricevere le adesioni delle aziende disponibili ad attivare tirocini per le persone con disabilità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here